Cina, svolta nel volo ipersonico

Cina, svolta nel volo ipersonico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Pechino ha già costruito una nuova galleria del vento, con la quale il gigante asiatico farà progressi di decenni in anticipo sul resto del mondo nella tecnologia dell'ipersonico, ha dichiarato la settimana scorsa Han Guilai, un ricercatore presso l'Accademia Cinese delle Scienze, riportato dal quotidiano South China Morning Post.

Il tunnel aerodinamico, chiamato 'JF-22', è in grado di simulare voli a velocità fino a 10 chilometri al secondo - ovvero 30 volte la velocità del suono - e insieme ad un'altra installazione esistente collocherebbe il Paese "tra 20 e 30 anni per avanti "dell'Occidente, ha precisato il fisico.

Come ha spiegato Han durante una conferenza, la temperatura superficiale di un aereo che viaggia a quella velocità potrebbe raggiungere i 10.000°C, abbastanza calda da rompere le molecole d'aria in atomi, e persino dare ad alcuni di loro una carica elettrica.   "Quell'aria non è più quella che respiriamo", ha spiegato.

Inoltre, l'energia prodotta dal JF-22 potrebbe raggiungere i 15 gigawatt, quasi il 70% della potenza installata della più grande centrale idroelettrica del mondo, la Diga delle Tre Gole, nella provincia cinese di Sichuan, ovvero più di sette volte quella dell'Hoover. Diga, Nevada, Stati Uniti.

La Cina, come altre grandi economie, ha investito enormemente nello sviluppo della tecnologia di volo ipersonico, con la quale sarebbe possibile per i viaggiatori aerei raggiungere qualsiasi parte del mondo in un'ora o due. Ridurrebbe anche il costo dei lanci spaziali di oltre il 90%, rendendo i viaggi nello spazio disponibili al pubblico.

Il ricercatore ha affermato che parte del successo del gigante asiatico in questo campo è dovuto alla tecnologia unica che utilizza nelle sue gallerie del vento. 

A differenza delle installazioni esistenti in altri paesi, che utilizzano compressori meccanici per generare un flusso d'aria ad alta velocità, il JF-22 utilizza esplosioni chimiche.

Quando il tunnel è acceso, il suo carburante brucia a una velocità 100 milioni di volte più veloce di quella di una stufa a gas, generando onde d'urto simili a quelle incontrate dagli aeroplani quando viaggiano ad alta velocità in quota.

Han ha ricordato che ogni aeromobile o modello di arma "deve essere sottoposto a circa 10.000 test nel tunnel" prima della produzione. LENS II, la galleria del vento più avanzata negli Stati Uniti, ha simulato voli fino a Mach 7 (8.643,6 chilometri orari), della durata di 30 millisecondi. Invece, il tempo medio di funzionamento del JF-22 potrebbe raggiungere i 130 millisecondi , con una velocità massima molto più elevata, ha concluso il ricercatore.

"Il nostro tempo di sperimentazione è molto più lungo del loro, quindi il modello di aeroplano potrebbe essere più grande del loro e gli esperimenti potrebbero essere più avanzati dei loro. Questo determina la nostra posizione di leader nel mondo", ha concluso.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti