World Affairs/CJP: 125 violazioni della libertà di stampa da parte della polizi...

CJP: 125 violazioni della libertà di stampa da parte della polizia americana in seguito alle proteste per l'omicidio di George Floyd

 

La polizia americana ha violato la costituzione con arresti e violenze contro i giornalisti che hanno coperto le manifestazioni contro la brutalità delle forze dell'ordine, ha affermato un gruppo globale per i diritti dei media. Le manifestazioni sono state seguite da rivolte nelle principali città.

 
“Siamo inorriditi dal continuo uso di azioni aspre e talvolta violente della polizia contro i giornalisti che fanno il loro lavoro. Queste sono violazioni dirette della libertà di stampa, un valore costituzionale fondamentale degli Stati Uniti ", ha dichiarato il direttore del programma del Comitato per la protezione dei giornalisti (CJP) Carlos Martinez de la Serna.
 
Chiediamo ai funzionari locali e statali di esonerare esplicitamente i mezzi di informazione dai regolamenti sul coprifuoco in modo che i giornalisti possano riferire liberamente.
 
Dal 29 maggio, l'ONG con sede a New York ha registrato almeno 125 violazioni, tra cui 20 arresti, contro giornalisti che stavano coprendo le proteste, scatenati dalla morte di un uomo nero disarmato, George Floyd, in custodia della polizia.
 
La polizia ha colpito "decine e più" di giornalisti con lacrimogeni, spray al peperoncino o proiettili di gomma, anche dopo che avevano mostrato i loro tesserini stampa, ha detto il CPJ, citando varie fonti. La dichiarazione è arrivata dopo che i media locali e internazionali hanno riferito che i loro giornalisti sono stati attaccati durante le manifestazioni di protesta e il conseguente caos.
 
La scorsa settimana, due membri di una troupe televisiva della Reuters sono stati colpiti da proiettili di gomma a Minneapolis, nel Minnesota, mentre un reporter di RIA Novosti era tra quelli colpiti dai lacrimogeni. Una troupe della CNN è stata arrestata in diretta mentre copriva i disordini. Il governatore del Minnesota Tim Walz, tuttavia, si è scusato con la CNN per la detenzione della sua troupe. “Mi assumo la piena responsabilità. Non c'è assolutamente alcun motivo per cui dovrebbe succedere qualcosa del genere" ha dichiarato. La troupe è stata rilasciata poco dopo il loro arresto.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa