CNN, i diritti delle donne afgane usati per giustificare occupazione USA

CNN, i diritti delle donne afgane usati per giustificare occupazione USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un tentativo disperato e servile della CNN che si comporta come la peggiore propaganda: schierarsi contro il ritiro delle truppe statunitensi dall'Afghanistan con il pretesto di proteggere i diritti delle donne.

La rete non perdona e sull'emittente statunitense è calata la bufera. Diversi utenti dei social hanno criticato la CNN, definendo le sue preoccupazioni come un supporto all'agenda imperialista degli USA.

"Aumentano le preoccupazioni che il ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan possa mettere a repentaglio il progresso sui diritti delle donne", si legge nel titolo dell'articolo pubblicato ieri dal canale di notizie. Citando un coro di legislatori democratici e repubblicani, nonché diversi funzionari afgani, nell'articolo si sostiene la necessità di mantenere le truppe americane nel paese devastato dalla guerra fino a quando "le condizioni sul terreno non saranno giuste, indipendentemente dalla data sul calendario".

Notando che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ritenuto improbabile la scadenza del 1 ° maggio come data per il ritiro delle truppe venga rispettata, la CNN sostiene che "un ritiro precipitoso" segnerebbe  la fine dei "progressi conquistati a fatica per le donne e la società civile in Afghanistan".

L'argomento secondo cui la presenza degli Stati Uniti sul terreno è necessaria affinché la società civile afghana non si sgretoli non ha toccato i cuori. L'articolo è stato rapidamente condiviso, con critiche e prese in giro annesse su Twitter,.

"Per fortuna, i propagandisti faranno di tutto per far andare avanti le guerre", ha twittato Douglas Karr, veterano della Marina degli Stati Uniti e fondatore della Martech Zone.

È disgustoso il modo in cui la stampa padronale funge da ala di propaganda per una guerra infinita", è così intervenuto un commentatore, mentre un altro ha contestato il pretesto citato dalla CNN per ritardare il ritiro. "Risvegliato l'imperialismo colpisce ancora", ha twittato .

"Equità, inclusione e decolonizzazione richiedono la continua occupazione dell'Afghanistan" , ha scritto il giornalista Michael Tracey, parafrasando il messaggio della CNN.

Alcuni hanno denunciato la CNN per essere apparentemente più interessata al fatto che gli Stati Uniti siano il poliziotto del mondo che agli americani effettivi di stanza in Afghanistan.

"Non è responsabilità degli Stati Uniti sorvegliare il mondo, altrimenti gli Stati Uniti saranno coinvolti in guerre senza fine, potresti non preoccuparti delle truppe americane che muoiono per sorvegliare il mondo, ma il resto di noi si preoccupa delle truppe americane", ha scritto un altro utente .

“Questo è un problema difficile da affrontare. È nostro compito sorvegliare il mondo? " è la domanda che posto un altro internauta.

Altri critici hanno optato per la presa in giro alla CNN con dei meme. 

Circa 3.500 soldati statunitensi e altri 7.000 circa della NATO sono attualmente in Afghanistan. Sarebbero dovuti partire entro il 1 ° maggio in base all'accordo di Doha stipulato tra Stati Uniti e talebani lo scorso anno. La probabile mancata partenza degli Stati Uniti in tempo ha già spinto i talebani a minacciare ritorsioni per violazione dell'accordo. 

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti