Come le relazioni tra Russia e Cina "entrano in una nuova era"

Come le relazioni tra Russia e Cina "entrano in una nuova era"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Russia e Cina hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sull'approfondimento del partenariato globale e della cooperazione strategica, dopo l'incontro delle rispettive delegazioni tenutosi ieri al Cremlino.

Il documento ha stabilito che le relazioni russo-cinesi di partenariato globale e interazione strategica stanno entrando in "una nuova era", raggiungendo il "livello più alto della sua storia", con un continuo sviluppo grazie agli sforzi costanti di entrambe le parti.

Mosca e Pechino sottolineano che le loro relazioni non hanno carattere di blocco o di confronto e “non sono dirette contro Paesi terzi”. Allo stesso modo, "non sono soggetti a influenze esterne e dimostrano vitalità ed energia positiva". Allo stesso modo, affermano che i tentativi di sostituire i principi e le norme generalmente accettate del diritto internazionale con un "ordine basato su regole" "sono inaccettabili".

Guidate dagli accordi raggiunti tra il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese, Xi Jinping, le parti propongono:

  • Garantire sempre che le relazioni bilaterali siano sulla buona strada
  • Fornire un forte sostegno reciproco agli interessi fondamentali dell'altra parte, in particolare la sovranità, l'integrità territoriale, la sicurezza e lo sviluppo
  • Approfondire e ampliare continuamente la cooperazione pratica nel processo di modernizzazione per lo sviluppo e la prosperità comuni
  • Promuovere la comprensione reciproca e il riavvicinamento tra i popoli dei due paesi e rafforzare incessantemente il fondamento sociale e civile dell'amicizia intergenerazionale
  • Promuovere un ordine mondiale multipolare, la globalizzazione economica e la democratizzazione delle relazioni internazionali, oltre a promuovere lo sviluppo della governance mondiale in modo più equo e razionale

Non esiste una "democrazia suprema"

Russia e Cina sottolineano che ogni Stato ha le proprie caratteristiche storiche, culturali e nazionali e che “ha il diritto di scegliere la propria strada di sviluppo”, senza bisogno di una “democrazia suprema”.

"Le parti sono contrarie  che uno Stato imponga i suoi valori a un altro, tracci linee ideologiche, crei una falsa narrazione sulla presunta opposizione tra democrazie e autocrazie, e usi la democrazia e la libertà come pretesto e strumento politico per esercitare pressioni sugli altri", si sottolinea nel testo, rilevando che il governo russo attribuisce "grande importanza" e studierà la Chinese Global Civilization Initiative.

Mosca ha ribadito il suo impegno per il principio "una Cina", riconoscendo che Taiwan è parte integrante della Cina, e ha dichiarato di "opporsi all'indipendenza di Taiwan in qualsiasi forma", sostenendo "fermamente" le azioni di Pechino per proteggere la loro sovranità statale e territoriale. integrità.

Le parti hanno concordato di discutere lo svolgimento di riunioni annuali al fine di intensificare la cooperazione di polizia, inoltre effettueranno regolari pattugliamenti marittimi e aerei congiunti. A loro volta, rafforzeranno la fiducia reciproca tra le forze armate di entrambi i paesi.

Partnership energetica ancora più stretta

Entrambe le nazioni continueranno a consolidare una cooperazione reciprocamente vantaggiosa nel settore finanziario, "che include garantire la fluidità dei pagamenti tra le entità economiche dei due Paesi". In tale contesto, è stato convenuto di sostenere un maggiore utilizzo delle valute nazionali nel commercio bilaterale, negli investimenti, nei prestiti e in altre transazioni commerciali ed economiche.

Allo stesso modo, Mosca e Pechino intendono realizzare una "partenariato energetico ancora più stretto", sostenendo le loro aziende nell'esecuzione di progetti di cooperazione energetica nei settori del petrolio, del gas, del carbone, dell'elettricità, dell'energia nucleare e altri.

Cina e Russia proteggeranno congiuntamente la sicurezza energetica internazionale (comprese le infrastrutture critiche transfrontaliere), la stabilità della produzione energetica e le catene di approvvigionamento. Si sono inoltre impegnati a promuovere transizioni energetiche eque.

Sfide alla sicurezza internazionale

Cina e Russia invitano la comunità internazionale a partecipare attivamente alla governance della sicurezza globale e ribadiscono la necessità di lavorare a lungo per aggiornare e migliorare l'architettura di sicurezza globale per renderla più "a prova di crisi".

“I conflitti tra i membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che hanno una responsabilità speciale per il mantenimento della pace e della stabilità nel mondo, dovrebbero essere evitati il ??più possibile”, si evidenzia nel documento.

Inoltre, le due nazioni promuovono l'idea di un fronte globale unito nella lotta al terrorismo sotto il ruolo centrale di coordinamento delle Nazioni Unite. In questo contesto, sia Pechino che Mosca sono favorevoli a un'indagine obiettiva, imparziale e professionale sulle esplosioni del gasdotto Nord Stream.

I Paesi ribadiscono che "non ci saranno vincitori in una guerra nucleare e che non si deve mai scatenare una corsa agli armamenti". Pertanto, invitano tutte le potenze nucleari a mettere in pratica l'effettiva riduzione del rischio di guerra nucleare e di qualsiasi conflitto armato tra Stati in possesso di armi nucleari.

Cina e Russia hanno anche espresso preoccupazione per "l'intensificazione degli sforzi di difesa missilistica globale degli Stati Uniti" e il dispiegamento dei suoi elementi in varie regioni del mondo, insieme allo sviluppo di capacità di armi non nucleari ad alta precisione per il disarmo e altri usi strategici.

"Le parti chiedono agli Stati Uniti di smetterla di minare la sicurezza internazionale e regionale e la stabilità strategica globale per garantire il proprio vantaggio militare unilaterale", ribadiscono le due nazioni.

Mosca e Pechino si oppongono ai tentativi di alcuni paesi di "trasformare lo spazio nell'arena dello scontro armato". In questo contesto, sottolineano la necessità di avviare negoziati su un accordo che impedisca il dispiegamento di armi nello spazio, l'uso della forza contro obiettivi spaziali e garantisca la prevenzione di una corsa agli armamenti nello spazio.

Il dialogo è il modo migliore per risolvere la crisi in Ucraina

Le due parti ricordano che devono essere osservati gli obiettivi ei principi della Carta delle Nazioni Unite, oltre al rispetto del diritto internazionale.

"Per risolvere la crisi ucraina, è necessario rispettare le legittime preoccupazioni di tutti i paesi nel campo della sicurezza e impedire la formazione di scontri tra blocchi", nonché porre fine alle azioni che contribuiscono all'escalation del conflitto, ribadendo che il dialogo è il modo migliore per risolvere la crisi.

Cina e Russia “sollecitano a porre fine a tutti i passi che contribuiscono all'escalation della tensione e al prolungamento delle ostilità, per evitare l'ulteriore deterioramento della crisi fino al suo passaggio a una fase incontrollabile” e si oppongono a sanzioni unilaterali.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Il Rubicone della NATO di Giuseppe Masala Il Rubicone della NATO

Il Rubicone della NATO

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti