Come l'Iran ha aggirato le sanzioni economiche statunitensi

Come l'Iran ha aggirato le sanzioni economiche statunitensi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L' Iran ha istituito un sistema bancario e finanziario clandestino per effettuare transazioni commerciali vietate dalle sanzioni statunitensi, ha riferito, ieri il Wall Street Journal, riferendosi a fonti diplomatiche e di intelligence occidentali che hanno familiarità con la questione.

Nell'ambito del sistema creato, vengono utilizzati conti in banche commerciali estere, società intermediarie registrate al di fuori dell'Iran, società che coordinano le transazioni vietate, nonché una stanza di compensazione per le transazioni all'interno del paese.

Secondo documenti ottenuti dal quotidiano, le banche iraniane, che forniscono servizi a società che non possono effettuare operazioni di esportazione e importazione a causa delle sanzioni, coinvolgono filiali che vengono create fuori dal Paese e poi fungono da intermediari per il business iraniano.

Attraverso questi intermediari vengono effettuate vendite di petrolio e altre materie prime, nonché transazioni per l'acquisto di merci estere da parte dell'Iran in dollari, euro e altre valute tramite conti aperti presso banche estere.

Parte del reddito percepito dalle società intermediarie all'estero viene prelevato dai conti e introdotto di contrabbando nel Paese tramite corrieri. Tuttavia, la maggior parte rimane in conti bancari all'estero.

Sebbene le sanzioni abbiano limitato lo sviluppo economico dell'Iran e causato il crollo della valuta locale, il rial, quel sistema bancario ha aiutato il paese a resistere all'assedio economico e a far crescere la sua economia  dopo tre anni di declino.

Inoltre, ha anche permesso a Teheran di resistere alle pressioni del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che voleva che l'Iran tornasse al Piano d'azione globale congiunto adottato nel 2015, che ha posto limiti al programma nucleare della nazione persiana in cambio della revoca delle misure punitive, secondo le fonti .

Il quotidiano osserva, tra l'altro, che la riuscita elusione dei divieti economici da parte di Teheran mostra quanto sia limitato l'effetto delle sanzioni finanziarie globali ora che l'Occidente le sta imponendo alla Russia per la sua operazione in Ucraina.

Insomma, c'è un altro mondo oltre le sanzioni.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti