/ Come possono gli Stati Uniti dare lezioni alla Cina sui diritti d...

Come possono gli Stati Uniti dare lezioni alla Cina sui diritti dei musulmani?

 
 
di Andre Vltchek*
 
 
Nel 2019, ho scritto una lunga analisi sul "problema degli Uiguri"; analisi che sarà presto pubblicata in un libro.

 
Per qualche tempo, ho avvertito il mondo che l'Occidente, e in particolare gli Stati Uniti, stanno contribuendo a radicalizzare gli uiguri nella provincia dello Xinjiang e anche fuori.
 
Non solo, ho poi “mappato” chiaramente il movimento dei radicali uiguri attraverso alcuni paesi come l'Indonesia, verso la Turchia, da dove vengono poi iniettati in brutali zone di guerra come nella città di Idlib in Siria. Ho lavorato nell'area di Idlib, con i comandanti siriani, e ho parlato a lungo con gli sfollati interni siriani; vittime degli attacchi genocidi uiguri.

 
La maggioranza degli uiguri è musulmana. Hanno la loro cultura antica, specifica e la maggior parte di loro sono, ovviamente, esseri umani per bene. La Cina nord-occidentale è la loro casa.
 
Il "problema" è che Urumqi, nello Xinjiang, è situato nel ramo principale della BRI (The Belt and Road Initiative) - un progetto internazionalista estremamente ottimista, pronto a collegare miliardi di persone in tutti i continenti. Il BRI è un progetto infrastrutturale e culturale, che porterà presto centinaia di milioni di persone fuori dalla povertà e dal sottosviluppo.
 
Washington è inorridita dal fatto che la Cina stia assumendo un ruolo guida nella costruzione di un futuro più luminoso per l'umanità. È perché, in altre parole, se la Cina avrà successo, potrebbe essere la fine dell'imperialismo e del neocolonialismo occidentale, portando alla vera libertà e indipendenza dozzine di nazioni fino ad ora sofferenti.
 
Pertanto, Washington ha deciso di agire, al fine di preservare lo status quo e il suo dominio sul mondo.
 
Primo passo: antagonizzare, provocare e imbrattare la Cina con tutti i mezzi, che si tratti di Hong Kong, Taiwan, Mar Cinese Meridionale o il, sopra menzionato, "Questione Uigura".
 
Secondo passo: cercare di trasformare una parte della minoranza nazionale riconosciuta dalla Costituzione cinese, gli uiguri, in "ribelli" o, più precisamente, terroristi.
 
La Turchia, un membro della NATO, ha offerto agli Stati Uniti una mano. Gli uiguri furono trasportati con le loro famiglie a Istanbul, con passaporti turchi, attraverso hub nel sud-est asiatico. Quindi, i loro passaporti sono stati confiscati a Istanbul. Molti uiguri furono reclutati, addestrati e quindi trasportati nell Siria devastata dalla guerra. Un gruppo più piccolo ha alloggiato in posti come l'Indonesia, unendosi ai quadri jihadisti lì. Quando i gruppi terroristici in Siria sono stati completamente sconfitti, alcuni di loro sono stati trasferiti in Afghanistan, dove anch'io lavoravo.
 
Inutile dire che l'Afghanistan ha un confine breve ma importante con la Cina.
 
Perché tutta questa complessa operazione? La risposta è semplice: la NATO / Washington / Occidente sperano che i combattenti jihadisti Uiguri ben addestrati possano infine tornare a casa nello Xinjiang. Lì, avrebbero iniziato a lottare per "l'indipendenza" e, nel farlo, avrebbero sabotato il BRI.
 
In questo modo, la Cina verrebbe ferita e il suo progetto globale più potente (BRI) verrebbe interrotto.
 
Il governo cinese è, naturalmente, allarmato. È chiaro che l'Occidente ha preparato una trappola brillante:
 
1) Se la Cina non fa nulla, dovrà affrontare una minaccia terroristica estremamente pericolosa sul proprio territorio (ricordate come l'Unione Sovietica è stata trascinata in Afghanistan e ferita a morte da un gruppo addestrato, finanziato e sostenuto dall’Occidente come i Mujahedeen? Del resto, l’occidente ha una lunga storia di utilizzo dell'Islam per i suoi disegni machiavellici).
 
2) Se la Cina fa qualcosa per proteggersi, verrà attaccata dai media e dai politici occidentali. Proprio questo è ciò che sta accadendo ora.
 
Tutto è pronto, preparato.
 
Il 12 settembre 2019, il South China Morning Post, ha riferito come:
 
"Il Senato degli Stati Uniti approva l'Uygur Human Rights Policy Act che chiede sanzioni per i funzionari cinesi nei campi dello Xinjiang
 
• Il disegno di legge esorta inoltre l'amministrazione Trump a vietare l'esportazione di beni e servizi verso agenti statali nella regione cinese dove sono detenuti oltre 1 milione di uiguri
 
• Pechino descrive la mossa come una "grave interferenza negli affari interni della Cina"
 
 
Naturalmente, il cosiddetto atto sui diritti per interferire negli affari dello Xinjiang è un grande esercizio di ipocrisia e intimidazione.
 
Non dimentichiamo che gli Stati Uniti trattano i musulmani con dispetto assoluto. Li proibisce persino di entrare nel paese, se si trovano a vivere in alcune nazioni. Li bombe arbitrariamente in Pakistan, Afghanistan e altrove, senza preoccuparsi della perdita di vite civili. Tortura i musulmani e li umilia a casa e persino nei loro paesi.
 
Cercando di innescare l'insurrezione uigura in Cina, Washington sta chiaramente facendo un grave danno agli stessi uiguri, e in realtà a tutto il popolo della Cina nord-occidentale. Non è solo sbagliato; gli Stati Uniti stanno commettendo un crimine contro l'umanità.
 
*
 
La Cina è un paese multinazionale e multiculturale. La cultura musulmana fa parte dell'identità della RPC. Consiglio a chiunque ne dubiti, di recarsi a Xi'an, una delle tre antiche capitali della Cina.
 
Xi’an è il luogo in cui ha avuto origine la vecchia grande via della seta (antica BRI, si potrebbe obiettare). Fino ad ora è orgoglioso dei suoi tremendi monumenti musulmani, nonché del meraviglioso cibo e musica musulmani. Ogni anno, decine di milioni di visitatori cinesi viaggiano per lo Xi'an per capirne l'eredità e godersi la cultura. La città è amata e apprezzata, principalmente per la sua vibrante identità musulmana.
 
È assurdo che la Cina sia "anti-musulmana". Sia la Cina (e la Russia) sono molto più tolleranti verso l'Islam che l'Occidente. Storicamente e anche oggi.
 
La stessa assurdità è affermare che la Cina sta costruendo "campi di concentramento" nello Xinjiang.
 
La posizione della Cina è chiara: ciò che l'Occidente definisce campi, sono "centri di formazione professionale" in cui i "tirocinanti" possono imparare il cinese e acquisire competenze professionali per impedire loro di diventare vittime del "terrorismo e dell'estremismo religioso". Un gruppo di leader indonesiani musulmani, che hanno avuto accesso a questi cosiddetti "campi" nello Xinjiang, recentemente hanno detto a un mio collega che le persone che trascorrono del tempo in queste istituzioni possono effettivamente dormire a casa, di notte.
 
Nulla a che vedere certo con Guantanamo.
 
L'autoproclamato "giudice" - gli Stati Uniti - ha centinaia di prigioni di massima sicurezza, sparse in tutto il paese. È risaputo che gettare in galera persone spesso innocenti è un grosso affare (privatizzato) lì, già da lunghi decenni. Milioni di persone sono rinchiuse per niente. Come può un paese con uno dei numeri maggiori di prigionieri sulla terra (su basi pro capite) osare dare giudizi morali? Tutto questo è un grande mistero.
 
*
 
Qual è il vero scopo di tali atti?
 
La risposta è facile da definire: è che la determinata riluttanza degli Stati Uniti a condividere l'influenza sul mondo, con altri paesi molto più umanistici, come la Cina; è sua riluttanza a competere, sulla base di grandi idee e buona volontà.
 
Più nichilista diventa la politica estera degli Stati Uniti, più accusa gli altri di "omicidio".
 
Il modo in cui funzionano le cose è semplice: Washington crea un conflitto terribile, da qualche parte. Quando il paese vittima cerca di risolvere il conflitto e, per così dire, "estinguere il fuoco", viene accusato di "violazione dei diritti" e viene sbattuto nelle liste delle sanzioni.
 
Tutto questo deve finire, ad un certo punto, presto. Questa politica di Washington trasforma milioni di vite umane in un’agonia.
 
*
 
[In primo luogo, in versione più breve, pubblicato dal China Daily]
Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Five of his latest books are “China Belt and Road Initiative: Connecting Countries, Saving Millions of Lives”, “China with John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter. His Patreon
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa