Conferenza di Monaco. La propaganda Nato cerca di tenere insieme i pezzettini

Conferenza di Monaco. La propaganda Nato cerca di tenere insieme i pezzettini

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Sergio Cararo - Contropiano


L’opportuna morte in carcere di Navalny è arrivata come un toccasana insperato e necessario sulla Conferenza per la Sicurezza in corso a Monaco da venerdi e che vede riuniti i massimi esponenti della Difesa e degli Esteri del blocco euroatlantico.

Alla vigilia della Conferenza erano piombate le dichiarazioni di Trump sulla Nato che avevano messo in fibrillazione tutto il mondo euroatlantico. Sul piano più concreto l’esercito ucraino ieri è stato costretto a ritirarsi da Avdiivka, la città sul fronte orientale che da mesi affronta una pesante offensiva russa. Mosca ha così ottenuto la sua più grande vittoria dopo il fallimento della controffensiva di Kiev dell’estate scorsa.

Come scritto nero su bianco nel report preparatorio della Conferenza di Monaco, l’Occidente Collettivo aveva visto diminuire nelle proprie opinioni pubbliche la percezioni della Russia come minaccia principale, mandando in fumo quasi due anni di propaganda bellicista e antirussa.

Il caso, la fortuna – o se è altro lo vedremo – hanno voluto che arrivasse la morte in carcere di Navalny a dare linfa ad una narrazione bellicista nei paesi Nato che stava perdendo smalto ma soprattutto pezzi sul terreno dello scontro militare in Ucraina.

Con le incertezze sul futuro da parte degli Stati Uniti alle prese con le elezioni presidenziali e l’ipoteca di Trump, la componente europea della Nato sa che deve cominciare a pensare di cavarsela da sola nello scontro in corso con la Russia. Venerdì l’istituto di ricerca tedesco Kiel Institute ha dichiarato che l’Unione europea dovrà “almeno raddoppiare gli aiuti militari” all’Ucraina per compensare l’inerzia degli Stati Uniti.

Gli argomenti della propaganda della Nato spaziano su tutti i terreni, alla ricerca di qualcosa che possa funzionare e tenere insieme i pezzi.

“Putin deve realizzare che non otterrà quello che vuole sul campo di battaglio, per avere una pace stabile serve quindi continuare a fornire all’Ucraina quello che le serve: dobbiamo passare da un sistema industriale a passo lento, da tempi di pace, a uno dall’alto ritmo, tipico dei conflitti, per produrre di più”, ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg nel corso di una dichiarazione congiunta con la presidente della Commissione Europa Von der Leyen alla Conferenza di Monaco.

“Tutto ciò non aiuterà solo l’Ucraina ma anche la Nato, con la creazione di posti di lavoro di qualità, come qui in Baviera, dove saranno costruiti i missili Patriot”. Insomma le spese militari e la guerra fanno bene ai posti di lavoro che invece, proprio in Germania, le industrie stanno tagliando a migliaia.

Zelensky è arrivato a Berlino proprio per incontrare il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente federale Frank-Walter Steinmeier. Con Scholz il presidente ucraino ha firmato un patto bilaterale sulla sicurezza tra Germania e Ucraina. L’obiettivo sono impegni e sostegno a lungo termine.

La Germania della coalizione tra Socialdemocratici, Verdi e Liberali si sta rivelando – insieme alla Gran Bretagna – il paese più bellicista d’Europa. L’Italia segue, alternando dichiarazioni di principio bellicose e allineate e la segreta speranza che la guerra in Ucraina termini quanto prima. I paesi europei sono in crisi economica conclamata e le previsioni non sono affatto rosee.

Un “nemico” come la Russia per un po’ di tempo può aiutare a tenere insieme i pezzi ma a lungo andare potrebbe non funzionare più come catalizzatore di interessi comuni. Proprio un commentatore russo sulla Novosti, più o meno due anni fa, sottolineava che il problema dell’Occidente era il tempo: troppo poco per concludere il conflitto in Ucraina, troppo lungo per alimentarlo. Un problema che la Russia ha dimostrato di non avere.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti