Coronavirus, 3 milioni e mezzo di persone negli Usa hanno già perso l'assicurazione medica

Coronavirus, 3 milioni e mezzo di persone negli Usa hanno già perso l'assicurazione medica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco  Erspamer*


Neanche due settimane dopo aver cominciato a prendere sul serio (si fa per dire) l'epidemia, negli Stati Uniti ci sono tre milioni e mezzo di disoccupati in più, e il numero crescerà in fretta. Buona parte di loro insieme al lavoro ha perso l'assicurazione medica; per cui chi verrà contagiato dal virus e avrà bisogno di essere ricoverato, riceverà un conto sui 35mila dollari, salvo complicazioni.

Questo è il liberismo, baby, quello che il 90% dei giornalisti italiani promuove ogni giorno e che Draghi si accinge a difendere; questa è l'America a cui Salvini e Renzi guardano come un modello. Una forza di lavoro quasi interamente costituita di precari molti dei quali pagati a cottimo; medie e piccole imprese che per competere con multinazionali che di fatto non pagano tasse, devono indebitarsi e al primo incidente falliscono. Un servizio sanitario privato e costosissimo, parecchie volte di più di quanto sia in Canada o in Europa, perché la mancanza di un sistema pubblico gli dà il monopolio e il mercato è mercato Un sistema educativo con un 5% di assoluta eccellenza, a cui accedono tutti i ricchi, i migliori della classe media e qualche rappresentante delle minoranze per far contenti i liberal e alimentare la leggenda dell'America come terra dell'opportunità; e un 80% di scuole e università di imbarazzante mediocrità. Una società senza radici e tradizioni, che non ha fatto altro che esaltare l'individualismo, il consumismo e la competizione e da cui è scomparsa ogni solidarietà.

Vi piace? Meno male perché è il vostro destino: basta che continuiate a non fare nulla e verrà da solo, non in un giorno ma in una decina d'anni, forse meno. Se invece non vi convince, bè, allora bisogna proprio che cominciate a darvi da fare, sul serio, prima che sia troppo tardi anche per la rabbia e per l'impegno.


*Professore alla Harvard Uuniversity

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti