Cosa succede in Irlanda del Nord? Sesto giorno di scontri e appelli "alla calma"

Cosa succede in Irlanda del Nord? Sesto giorno di scontri e appelli "alla calma"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

 

Ieri, il primo ministro britannico Boris Johnson ha condannato gli scontri violenti in corso nell'Irlanda del Nord, esortando le parti a risolvere i disaccordi attraverso il dialogo, piuttosto che "violenza o criminalità".

I leader dell'Irlanda del Nord dovrebbero discutere i modi per risolvere la violenza in corso nel paese , a seguito di un incidente avvenuto ieri a Belfast dove un autobus è stato dirottato e dato alle fiamme durante la sesta notte consecutiva di disordini.

Il vice primo ministro del paese Michelle O'Neill ha annunictao che l'esecutivo sarà informato sulla "violenza e sui disordini stradali che stanno causando enormi disagi nelle comunità locali in questo momento".

Ha sottolineato che "coloro che sono coinvolti nella violenza, nei danni criminali, nella manipolazione dei nostri giovani e negli attacchi alla polizia devono fermarsi".

O'Neill è stato ripreso dal primo ministro dell'Irlanda del Nord Arlene Foster che ha twittato che "non c'è giustificazione per la violenza", descrivendo i manifestanti come "un imbarazzo" per il paese, che Foster ha affermato di voler "distogliere l'attenzione dai veri trasgressori della legge allo Sinn Fein ".

Il primo ministro britannico Boris Johnson, da parte sua, ha espresso seria preoccupazione per "le scene di violenza nell'Irlanda del Nord", sottolineando che le differenze dovrebbero essere risolte al tavolo dei negoziati, non attraverso "violenza o criminalità".

 

Le osservazioni hanno fatto seguito al furto di un veicolo a due piani a Belfast dai manifestanti che in seguito hanno lanciato diverse bottiglie incendiarie contro l'autobus, incendiandolo all'incrocio tra Lanark Way e Shankill Road, con l'autista che sarebbe stato aggredito.

Il sesto giorno di disordini ha visto anche scontri di strada con la polizia in alcune parti dell'Irlanda del Nord, mentre i manifestanti hanno lanciato pietre e bottiglie molotov contro gli agenti. Secondo quanto riferito, più di 40 poliziotti sono rimasti feriti e nove persone sono state arrestate dallo scoppio della nuova violenza.

Inizio dei disordini

I disordini sono iniziati venerdì scorso, quando l'ufficio del procuratore dell'Irlanda del Nord ha rifiutato di accusare membri del partito repubblicano Sinn Fein per aver infranto le restrizioni per il COVID-19 dopo aver partecipato al funerale dell'ex membro dell'esercito repubblicano irlandese provvisorio (IRA) Bobby Storey, che ha combattuto per la separazione dal Regno Unito.

 

Più di 2.000 persone hanno partecipato al funerale di Storey il 30 giugno 2020 e gli unionisti li hanno accusati di aver ignorato palesemente le regole di distanziamento sociale al culmine della prima ondata della pandemia di coronavirus.

 

Ciò ha portato tutti i principali partiti filo-britannici - il Democratic Unionist Party (DUP), Ulster Unionist Party (UUP), Traditional Unionist Voice (TUV) e Progressive Unionist Party (PUP) - a chiedere le dimissioni del servizio di polizia. del Chief Constable dell'Irlanda del Nord (PSNI).

I disordini della scorsa settimana si sono trasformati in violente proteste poiché i lealisti, che sostengono legami più stretti con Londra, sono preoccupati per i termini del Protocollo dell'Irlanda del Nord, parte dell'accordo commerciale Brexit tra Londra e Bruxelles.

Il protocollo stabilisce procedure di controllo per una serie di merci in transito da e verso l'Irlanda del Nord. 

L'Irlanda del Nord rimane nel mercato unico delle merci e applica le norme doganali dell'UE nei suoi porti, il protocollo ha spostato il confine normativo e doganale nel Mare d'Irlanda, con una serie di controlli e le certificazioni obbligatorie ora richieste in aggiunta per molte merci in cui spedire la regione da altre parti della Gran Bretagna, causando insoddisfazione tra i lealisti dell'Irlanda del Nord, che ritengono che crei un confine tra loro e il resto del Regno Unito. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni) di Giuseppe Masala Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti