World Affairs/Covid. CTS, l'allarme di Richeldi: "Troppi casi non gravi" curati...

Covid. CTS, l'allarme di Richeldi: "Troppi casi non gravi" curati in ospedale

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Almeno un terzo dei malati potrebbe essere curato a casa, secondo Luca Richeldi, Professore delle Malattie dell'Apparato Respiratorio presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli.
 
In questo modo si alleggerirebbero le terapie intensive e altri reparti per la cura del Covid, oltre a garantire la cura e i trattamenti di altre patologie gravi come i tumori.
 
Non ci vuole uno stratega, un premio Nobel per la Medicina per capirlo, proprio l'esclusione dei medici di base era stata devastante nella prima ondata di Covid, il problema è rimasto, Governo e Regioni non hanno provveduto in tal senso. Non solo, con la complicità dei media, si accusano pure le persone di affollare i pronto soccorso.
 
In questo link l'intervista del professor Richeldi al Corriere della Sera.
 
Fonte: Foto Policlinico Gemelli
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa