Crisi di governo in Argentina: Fernandez sempre più isolato

Crisi di governo in Argentina: Fernandez sempre più isolato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sono ore decisamente convulse per il governo dell’Argentina. Il Ministro dell'Economia, Martín Guzmán, ha presentato le sue dimissioni al Presidente Alberto Fernández questo sabato in una conversazione telefonica tenutasi a mezzogiorno e gli ha inviato la sua lettera di spiegazioni via Whatsapp. 

Il Presidente - spiega il quotidiano Pagina|12 - che era già a conoscenza della decisione, è rimasto sorpreso quando il responsabile delle Finanze l'ha formalizzata, tramite un messaggio sul suo account Twitter, pochi minuti dopo l'inizio di un evento di omaggio a  della Vicepresidente, Cristina Fernandez, a Ensenada. 

Il gesto, per nulla casuale, spiega in parte le ragioni dell'allontanamento: Guzmán si è dimesso a causa di divergenze politiche con la vicepresidente che, secondo lui, stava ostacolando la sua gestione; e a causa di una richiesta infruttuosa di maggiori poteri per poter rimuovere i funzionari facenti riferimento alla Kirchner nell'area energetica, che si erano messi di traverso nell’applicazione di alcune misure decise dall’ex titolare dell’Economia con il Fondo Monetario Internazionale come aumenti tariffari e segmentazione dei sussidi.

Guzmán stava meditando di dimettersi da diverse settimane. Giovedì scorso ha chiamato il Presidente e gli ha chiesto di poterlo incontrare. Si incontrarono a lungo e il ministro gli disse che aveva bisogno di "strumenti e mezzi per la gestione”. 

Secondo quanto riferito a Página/12 da alcune a conoscenza del colloquio, questo avrebbe dovuto tradursi in due cose: poter portare avanti le decisioni sulla Banca Centrale e su un altro settore chiave, quello dell'energia.  

Guzmán chiedeva la rimozione dei funzionari della segreteria guidata da Darío Martínez e soprattutto quelli che rispondono a CFK, tra cui il sottosegretario all'Energia elettrica, Federico Basualdo, ma Fernandez avrebbe risposto picche. "È impossibile, mettono sempre dei bastoni nella ruota", la replica di Guzmán, deciso ad applicare le ricette ‘consigliate’ dal Fondo Monetario Internazionale. Per questo Cristina Kirchner lo ha equiparato all'economista liberale Carlos Melconian, anche per la sua intransigenza per la riduzione del deficit fiscale.

Come abbiamo visto le dimissioni di Guzmán sono arrivate proprio mentre la vicepresidente Fernández de Kirchner era impegnata in un tributo all'ex presidente Juan Domingo Perón con una dura messa in discussione del presidente e della politica economica portata avanti da Guzmán, cosa che aveva già fatto in tutte le sue apparizioni pubbliche attraverso discorsi che la collocavano più all'opposizione che come figura centrale del Frente de Todos, la coalizione peronista al potere.

“La situazione in Argentina è molto grave", "mi incontrerò con chiunque debba incontrarsi tutte le volte che dovrò farlo per spiegare i nostri argomenti e cercare di persuadere anche gli altri". Non ho mai negato o rinunciato a convincere", “Tra le nostre stesse forze vogliono farmi dire cose che non ho detto", sono state alcune delle sue definizioni dopo diverse polemiche, tra cui gli incontri con economisti rivali di Guzmán.

Ha anche risposto direttamente al presidente, che aveva avvertito che il potere "non sta in chi ha la penna", cioè nell'avere l'ultima parola, ma nella capacità di convincere.

"Perón ha preso la penna e non l'ha buttata via, l'ha usata per il popolo", ha affermato la vicepresidente in un chiaro confronto con Fernández. Senza chiamarlo per nome, ha aggiunto di sperare che "coloro che hanno responsabilità più alte" agiscano come lei nel 2019, in modo che il peronismo possa vincere di nuovo nel 2023.

Secondo i sondaggi, però oggi appare improbabile una nuova vittoria peronista, poiché i livelli di disapprovazione dell’operato del governo superano il 60%.

Silvina Batakis è il nuovo ministro dell'Economia

Il Presidente Alberto Fernández ha quindi nominato Silvina Batakis nuovo Ministro dell'Economia dopo aver tenuto per tutta la domenica riunioni per mettere a punto, insieme ai suoi più stretti collaboratori e ai rappresentanti dei settori del Frente de Todos (FdT), una ricomposizione del governo nazionale dopo le dimissioni presentate Martín Guzmán.

Il grande interrogativo è se l'arrivo di Batakis sarà l'ultimo cambiamento nel gabinetto. Nelle poche ore trascorse dalla partenza di Guzmán e dalla conferma del nuovo ministro dell'Economia, si è assistito a un balletto di nomi che comprendeva cambiamenti in quasi tutto l'organigramma ministeriale. Ma nessuna di esse è stata confermata e dovremo aspettare di vedere cosa succederà lunedì.

La nomina di Batakis è stata riferita a Télam da fonti ufficiali in una giornata ricca di telefonate e incontri che ha trovato un’accelerata domenica mattina e che ha avuto un momento chiave in una conversazione telefonica tenuta questa notte dal Capo dello Stato e dalla Vicepresidente Cristina Kirchner.

Pochi minuti dopo, la portavoce presidenziale, Gabriela Cerruti, ha confermato che Batakis sarà il nuovo responsabile del portafoglio Economia attraverso il suo account Twitter.

Chi è Silvina Batakis?

Silvina Batakis è stato il punto di incontro che Alberto Fernández e Cristina Fernández de Kirchner hanno trovato dopo poco più di 24 ore di massima tensione all'interno della coalizione di governo. Sarà la seconda donna nella storia dell'Argentina a ricoprire questa carica (dopo Felisa Miceli). Batakis si è laureata in Economia presso la Facoltà di Scienze Economiche dell'Università Nazionale di La Plata e ha una vasta esperienza nella gestione pubblica. Durante la gestione di di Daniel Scioli è stata ministro dell'Economia della Provincia di Buenos Aires tra il 2011 e il 2015.

54 anni, fanatica tifosa del Boca, Batakis vanta una lunga carriera professionale e accademica. La sua carica principale, fino a quella che le è stata affidata questa domenica, era quella di Ministro dell'Economia della provincia di Buenos Aires, carica dalla quale ha promosso l'imposta di successione e le rivalutazioni progressive.

In termini politici, il nome di Batakis è direttamente associato a quello di Daniel Scioli, in quanto il suo nome era stato indicato come candidato al Ministero dell'Economia nel 2015, in caso di vittoria dell’allora candidato alle elezioni presidenziali poi socnfitto dal liberista Macri. 

"Non esiste una povertà dignitosa. È la povertà e va combattuta. Si combatte con uno Stato che pianifica e interviene e con una società che lo impone come obiettivo sociale". Questo è il tweet che i suoi 67.000 follower vedono non appena entrano nel profilo di Silvina Batakis, la seconda economista donna nella storia dell'Argentina a ricoprire il ruolo di responsabile del Ministero dell'Economia.

Le sfide che attendono Batakis

Il nuovo titolare dell’Economia trova una situazione tutt’altro che agevole. I livelli record di inflazione e svalutazione, con una povertà intorno al 50%, oscurano la crescita del Prodotto Interno Lordo, che si attesta intorno al 5,0% e dimostra la tendenza alla ripresa economica post-pandemia. Un altro indicatore positivo, ma insufficiente, è il calo del tasso di disoccupazione dal 13% al 7,0%.

Ma l'urgenza di controllare il processo inflazionistico sembra che diventerà la questione più delicata per il nuovo ministro, che dovrà gestire con attenzione l'aggiornamento delle tariffe dopo il taglio dei sussidi per il consumo di elettricità e gas.

Allo stesso tempo, non potrà trascurare alcune questioni macroeconomiche, come la rinegoziazione del debito in pesos in scadenza, per la quale dovrà coordinarsi con la Banca Centrale sulla gestione dei tassi di interesse e sull'assistenza finanziaria al Tesoro.

Batakis dovrebbe anche rivedere gli obiettivi quantitativi concordati con il Fondo Monetario Internazionale (FMI) nell'ambito dell'attuale programma Extended Fund Facility, che consentirà al Paese di accedere a un'altra tranche di finanziamenti con fondi freschi e di rafforzare il sistema di riserve.

I negoziati con il FMI inizieranno entro la fine del mese, anche se l'organismo ha concesso al governo argentino un maggiore margine di manovra, in modo che il rispetto degli obiettivi fiscali possa essere gestito nel corso dell'anno, purché il deficit sia pari al 2,5% del PIL entro la fine del 2022.

Batakis dovrà rinegoziare un debito di 44 miliardi di dollari con il Fondo Monetario Internazionale che l'Argentina insiste di non potersi permettere di rimborsare.

Il debito originario di 57 miliardi di dollari - l'ultima tranche è stata rifiutata dall’attuale presidente Fernandez succeduto al suo predecessore liberista Mauricio Macri, che aveva sollecitato il prestito - era il più grande mai emesso dal FMI e ha ipotecato il futuro dell’Argentina.

Cristina di opposizione

In ultima analisi possiamo dire che l’abbandono di Guzmán accentua la solitudine politica di Alberto Fernández, il leader che Fernández Kirchner ha scelto come candidato alle presidenziali del 2018, ma di cui ora è diventata il principale critico.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...