Crisi umanitaria in Brasile. Bolsonaro contro gli aiuti del Venezuela

Crisi umanitaria in Brasile. Bolsonaro contro gli aiuti del Venezuela

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Incredibile ma vero. Il presidente fascio-liberista del Brasile, Jair Bolsonaro, dopo l’insorgere e poi l’aggravarsi della crisi sanitaria a Manaus senza fare praticamente nulla fino a quando il sistema sanitario della capitale amazzonica non è collassato, non trova di meglio che scagliarsi contro il Venezuela e Maduro. Ossia il primo dirigente politico che ha deciso di mobilitarsi tempestivamente per assistere i brasiliani senza ossigeno e in balìa del virus. 

Arrivato in Brasile il primo carico di ossigeno partito dagli stabilimenti statali di Puerto Ordaz in Venezuela, Bolsonaro ha attaccato il presidente bolivariano Maduro: «Adesso è Maduro che vuole mandarci ossigeno, possiamo riceverlo senza problemi, ma potrebbe fornire quell'aiuto umanitario d'emergenza anche alla sua gente». 

Le dichiarazioni di Bolsonaro arrivano dopo che il governo venezuelano ha inviato a Manaus una carovana di 6 camion carichi di 136mila litri di ossigeno equivalenti a 14mila singole bombole, dove il tasso di mortalità da covid-19 è aumentato da 142 a 187 per 100mila abitanti negli ultimi giorni.

Le indegne parole di Bolsonaro sono arrivate fino al punto di intaccare la dignità dei venezuelani, come riporta il portale RedRadioVe: «Non ci sono più cani lì (in Venezuela). Hanno mangiato tutti i cani, hanno mangiato tutti i gatti».

Oltre a questo, ha mancato di rispetto alla figura di Maduro come presidente del Venezuela e ha rifiutato di accettare il gesto di solidarietà che l'invio di ossigeno intendeva essere per alleviare l'emergenza sanitaria nella città amazzonica. 

«E ci sono degli idioti che lo stanno lodando. Guardate Maduro, il suo cuore, è il più grande del mondo! Immaginate la dimensione, 200 chili, 2 metri di altezza, è chiaro che il suo cuore deve essere troppo grande. Ma non oltre questo», ha poi aggiunto il presidente fascio-liberista. Un vero e proprio delirio.

Secondo l'ultimo bollettino ufficiale dello Stato di Amazonas datato 18 gennaio, si contano 6.123 morti. E il numero di contagiati dall'inizio della pandemia è di oltre 230mila. Lo Stato affronta il collasso del sistema sanitario a causa della mancanza di ossigeno negli ospedali di Manaus, scoppiati per l'aumento record dei ricoveri. Collassato il sistema sanitario locale, molti pazienti sono stati trasportati in altri Stati per ricevere cure.

Il Venezuela di cui Bolsonaro si fa beffe, invece, nonostante le criminali sanzioni imposte dagli USA con la complicità di altri paesi proprio come il Brasile governato da Bolsonaro, tiene la situazione sotto controllo. Il tasso di guarigione dalla covid-19 è del 95% e tutti i cittadini venezuelani che hanno avuto bisogno di assistenza medica l’hanno ricevuta tempestivamente.   

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO