Cuba esige rimozione dalla lista degli Stati che sponsorizzano il terrorismo

Cuba esige rimozione dalla lista degli Stati che sponsorizzano il terrorismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Di seguito la dichiarazione – tradotta in italiano - rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri di Cuba dove viene chiesto agli USA di rimuovere Cuba dalla lista dei paesi che “sponsorizzano” il terrorismo, in cui l’Isola caraibica è inserita in maniera assolutamente arbitraria, come ribadisce L’Avana. 

-------

Secondo i media ufficiali statunitensi, il 15 maggio 2024 il Segretario di Stato USA ha presentato al Congresso un altro dei rapporti arbitrari che di solito classificano i Paesi senza alcun mandato o riconoscimento internazionale. In questo caso, vengono elencati quattro Paesi che presumibilmente "non collaborano pienamente con gli sforzi antiterrorismo degli Stati Uniti nell'anno solare 2023". Tra questi, e a differenza degli ultimi anni, non c'è alcuna menzione denigratoria di Cuba.

Tuttavia, lo stesso Dipartimento di Stato mantiene Cuba in una lista che designa gli Stati che presumibilmente "sponsorizzano" il terrorismo. Si tratta di una lista assolutamente unilaterale e infondata, il cui unico scopo è quello di diffamare e servire da pretesto per l'adozione di misure economiche coercitive contro Stati sovrani, come quelle spietatamente applicate contro Cuba.

La richiesta al governo degli Stati Uniti di correggere questa ingiustizia è forte e reiterata, non solo dal popolo cubano e da numerosi governi, soprattutto dell'America Latina e dei Caraibi, ma anche da organizzazioni politiche, sociali e religiose all'interno degli stessi Stati Uniti e da diversi politici di quel Paese.

La verità chiara e assoluta è che Cuba non è uno sponsor del terrorismo, ma è stata vittima del terrorismo, anche di quello di Stato, come può testimoniare chiunque sia interessato all'argomento, come sanno bene il governo statunitense, il suo Dipartimento di Stato e le sue agenzie di intelligence e di polizia. Sono anche consapevoli degli straordinari danni causati all'economia cubana dalle misure, dalle azioni e dall'effetto intimidatorio che si scatenano automaticamente contro qualsiasi Stato che compaia in quella lista, indipendentemente dalla verità.

Non basta riconoscere che Cuba collabora pienamente con gli Stati Uniti. Lo fa con l'intera comunità internazionale. Questa è una verità nota e non si deve tentare di fuorviare l'opinione pubblica.  Il Presidente degli Stati Uniti ha tutte le prerogative per agire onestamente e fare la cosa giusta.

L'Avana, 15 maggio 2024

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti