Cuba: un fulmine provoca l'incendio di un serbatoio di stoccaggio di proporzioni immense a Matanzas

Cuba: un fulmine provoca l'incendio di un serbatoio di stoccaggio di proporzioni immense a Matanzas

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un enorme incendio è divampato a Matanzas, città situata a 100 chilometri dalla capitale cubana L'Avana, quando un fulmine ha colpito il 52° serbatoio di stoccaggio del greggio presso la ‘Base de Supertanqueros’. A renderlo noto è il Ministero dell'Energia e delle Miniere cubano sul suo account Twitter. Il bilancio attuale dice che vi è una persona morta e 121 sono rimaste ferite in seguito a potenti esplosioni nella zona industriale della città cubana. Diciassette vigili del fuoco sono dispersi. 

Secondo il primo segretario provinciale del Partito Comunista di Cuba, Susely Morfa, il deceduto è uno dei pompieri che si trovavano nella zona per controllare le fiamme. Secondo la presidenza cubana, altri diciassette vigili del fuoco sono ancora dispersi. Nel frattempo, tra i feriti ci sono diversi giornalisti che si sono recati nella zona dell'incendio per coprire le notizie al momento dell'esplosione.

Rigel Rodríguez Cubells, direttore della Divisione Territoriale di Commercializzazione dei Combustibili di Matanzas, ha informato i media locali che il serbatoio nazionale di greggio interessato era al 50% della sua capacità, che equivale a 50.000 metri cubi. Ha inoltre spiegato che il sito è dotato di un sistema di parafulmini, anche se la scarica sembra essere stata maggiore di quanto il meccanismo potesse contenere.

Sul posto sono arrivate squadre di vigili del fuoco, autobotti e decine di ambulanze, ma il forte vento della zona ha reindirizzato le fiamme in direzione di un altro serbatoio con una capacità di 50.000 metri cubi e contenente grandi volumi di carburante.

Secondo un tweet dell'ufficio del presidente cubano, i vigili del fuoco hanno continuato a lavorare durante le prime ore del mattino per mantenere fresco il serbatoio vicino ed evitare la fuoriuscita di carburante.

Finora l'incidente ha interessato tre serbatoi.

L'incendio alla base di superpetroliere di Matanzas non ha messo fuori servizio l'unità della centrale termoelettrica Antonio Guiteras, secondo il Ministero dell'Energia e delle Miniere, che ha sottolineato che la centrale funziona in modo stabile.

Il presidente cubano, Miguel Díaz-Canel, si è recato di persona presso ll'ospedale Faustino Pérez per sincerarsi delle condizioni di salute dei feriti. Nel frattempo, il governatore della città, Mario Sabines Lorenzo, ha riferito che circa 800 persone appartenenti al quartiere Dubrocq, vicino alla zona industriale, sono state evacuate.

Durante una riunione per seguire l'incidente, Díaz Canel ha dato priorità alla ricerca dei dispersi e all'assistenza alle loro famiglie. Inoltre, la presidenza cubana ha dichiarato di aver chiesto aiuto e consulenza a Paesi amici "con esperienza nel settore petrolifero".

Qualche ora dopo, il capo di Stato ha pubblicato un tweet in cui esprimeva la sua gratitudine ai governi di Messico, Venezuela, Russia, Nicaragua, Argentina e Cile, "che hanno prontamente offerto aiuti materiali in segno di solidarietà di fronte a questa complessa situazione".

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha confermato che il personale della Petróleos Mexicanos (Pemex) e delle Forze Armate del Paese si recherà a Cuba per aiutare a controllare l'incendio.

Parallelamente, anche il Venezuela sta inviando aiuti per spegnere l'incendio. "Su istruzioni del presidente Nicolás Maduro, una missione di vigili del fuoco e tecnici di PDVSA, tra i più preparati in questo tipo di disastri, sta decollando verso la Repubblica di Cuba per sostenere il lavoro di spegnimento dell'incendio a Matanzas", ha scritto su Twitter il vicepresidente del Paese per l'economia, Tareck El Aissami.

"Oltre alla missione di 35 vigili del fuoco specializzati in operazioni altamente complesse, abbiamo inviato 20 tonnellate di forniture (schiuma) e polveri chimiche per far fronte a questa contingenza. Tutto il nostro sostegno e la nostra solidarietà alla Cuba rivoluzionaria", ha dichiarato.

"In qualsiasi circostanza, qualunque sia la dimensione delle avversità, i figli e le figlie di Chávez saranno sempre al fianco di Cuba, della sua Rivoluzione, della sua storia eroica. Viva Fidel, caro Presidente Díaz Canel, vinceremo!”, ha aggiunto El Aissami. 

Tramite Twitter anche il presidente Maduro ha espresso la sua solidarietà al popolo e al governo di Cuba. 

"Il Venezuela è solidale con Cuba e con il popolo di Matanzas, di fronte all'incidente che si è verificato nella Base de Supertanqueros. Un abbraccio bolivariano, non siete soli! Siamo pronti a fornire l'assistenza necessaria. Presidente @DiazCanelB conta su di noi”. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti