Da Dugina a Prilepin: la disinformazione del "complottismo di regime""

Da Dugina a Prilepin: la disinformazione del "complottismo di regime""

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal canale Telegram di @LauraRuHk

 

Vorrei ritornare su un tema che ho gia' trattato al tempo dell'attentato terroristico in cui perse la vita Daria Dugina.

Da subito circolarono strane illazioni, che definirei disinformazione coordinata, secondo le quali la sua morte, o quella di suo padre Alexander Dugin, sarebbe stata ordinata da apparati dello stato russo per colpire il movimento patriottico definito impropriamente ultra-nazionalista.

Purtroppo tali veleni sono stati sversati a palate anche dopo il pacco bomba consegnato a Vladlen Tatarsky e piu' recentemente in occasione dell'attentato contro l'auto di Zakhar Prilepin in cui lo scrittore e' rimasto gravemente ferito e il suo amico fraterno Alexander Shubin e' stato ucciso.

Anche questa volta invece di puntare il dito contro i veri responsabili, i servizi ucraini e i loro consiglieri occidentali, qualcuno ha cercato di riproporre la teoria assurda secondo cui lo scrittore avrebbe dato cosi' fastidio a Putin da dover essere eliminato.

Questa narrazione complottista non solo esonera i veri mandanti degli omicidi spostando l'attenzione verso mandanti di fantasia, ma serve anche a rafforzare la tesi dell'Occidente che al Cremlino o al ministero della difesa siedano dei criminali senza scrupoli pronti addirittura ad eliminare dei patrioti russi per rafforzare il proprio potere.

Chi diffonde e chi da' credito a questa narrazione e' uno strumento, consapevole o meno, della propaganda russofobica, quella propaganda secondo cui il Cremlino avrebbe avvelenato Navalny, Skripal e sua figlia a Salinsbury, ecc.

Usiamo la logica, per una volta. Prilepin, come del resto Dugina e Tatarsky, non e' amato da tutti, visto che in Russia, a differenza di quanto vogliono farvi credere, coesistono posizioni politiche diverse, ma non rappresenta in nessun modo una minaccia per Putin.

Il suo festival, Tradizione, ha il patrocinio del ministero della cultura, se fosse un oppositore, glielo avrebbero dato? Ha un programma tutto suo sul canale televisivo NTV, il suo partito ha potuto partecipare alle elezioni e ricopre seggi in parlamento, dove vota anche mozioni di Russia Unita, il partito di governo.

Cercare di eliminare figure importanti del fronte patriottico mentre e' in atto una campagna governativa per rafforzare il patriottismo della societa' russa sarebbe non solo stupido, ma totalmente controproducente.

Il Cremlino sta tentando di armonizzare sensibilita' diverse, far convivere i patrioti riluttanti con quelli piu' determinati. Secondo voi chi avrebbe l'interesse ad alimentare divisioni all'interno della societa' russa, gli apparati del potere russo o i nemici della Russia?

@LauraRuHK

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti