Da Eschilo a Scanzi. Perché dobbiamo essere terrorizzati dal lockdown della cultura

Da Eschilo a Scanzi. Perché dobbiamo essere terrorizzati dal lockdown della cultura

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giuseppe Masala


Più di tutto ciò che sconcerta e impaurisce è l'attacco violentissimo al Libero Pensiero.



Teatri, cinema e scuole chiuse.

Non parliamo poi delle biblioteche dove - dopo la chiusura dell'ultimo Lockdown - imposero un regime pandemico per i prestiti: i libri dovevano stare fermi a decontaminarsi dall'agente patogeno per ben 15 giorni; di fatto dunque rendendo difficilissimo il prestito dei volumi.

Sia chiaro, non vogliono renderci analfabeti.

Vogliono renderci limitati. Se non conosci Eschilo puoi anche convincerti che Andrea Scanzi sia un drammaturgo e magari - orgoglioso - citare le sue opere.

Se non conosci Mann o Goethe puoi credere che Carofiglio o la Murgia siano degli scrittori. Se non conosci il Pasolini polemista degli scritti corsari puoi credere che Travaglio sia un conoscitore e un disvelatore del nostro contemporeaneo.

Questo è il new normal di cui ci parlano.

Ed è fatto di una cultura alta e genuina per pochi mentre per le masse deve esserci l'illusione della cultura e dell'istruzione.

Questo è un attacco di portata devastante alle nuove generazioni. Un attacco che non và sottovalutato e che ha nella reductio della Scuola a McScuola tramite la DaD che è l'equivalente del Menù con il Touch Screen della nota bottega paninara americana.

Nessuno di noi sà cos'è la scuola (manco chi ci ha passato la vita, prima da studente e poi da insegnante), quale sia l'alchimia tra allievo e maestro e perchè nasca, come e perchè l'alunno compone e ricompone (anche a distanza di tanti anni se non decenni) ciò che gli è stato insegnato. Ma certamente questo processo alchemico che chiamiamo creatività viene ampiamente depotenziato dal distanziamento sociale e dall'intermediazione tecnologica del rapporto umano.

Stanno distruggendo tutto perchè parte fondamentale del progetto è quello di educare le classi subalterne ad essere minus habens.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti