"Dati manipolati, cancellati o falsi". Didier Raoult contro lo studio The Lancet sull'idroclorochina

"Dati manipolati, cancellati o falsi". Didier Raoult contro lo studio The Lancet sull'idroclorochina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Sempre più sospetta la campagna contro l’idroclorochina un farmaco, già usato per la cura della malaria e dell’artrite reumatoide e che si è rivelato di straordinaria efficacia nella cura (e anche nella profilassi) del COVID19. E così, dopo una sbalorditiva campagna di diffamazione contro il suo più convinto sostenitore, il virologo Didier Raoult, Direttore dell’Istituto ospedaliero-universitario in malattie infettive di Marsiglia, ora che l’efficacia di questo farmaco aveva spinto decine di istituti – tra cui l’Agenzia Italiana per il Farmaco – a consigliarlo per fronteggiare il COVID19, arriva la decisione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, "preoccupato per sua la sicurezza” di sospendere la sua sperimentazione.



Alla base della decisione dell’OMS, una ricerca pubblicata su The Lancet che dimostrerebbe la pericolosità del farmaco.

Una davvero strana ricerca accusata, da Didier Raoult, di essere stata manipolata.
 
 
 
Una davvero strana ricerca considerando che i dati a favore dell’idroclorina riportati nella versione prestampata dell’articolo, sono stati cancellati nel documento pubblicato
 
 

 
Ma vuoi vedere che tutto questo livore contro l’idroclorochina dipende dal suo basso costo che, per il COVID, rischia di far restare a bocca asciutta Big Pharma?
 

Francesco Santoianni
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti