Díaz-Canel: "Gli Usa non sono riusciti a distruggere Cuba nonostante abbiano sprecato miliardi"

Díaz-Canel: "Gli Usa non sono riusciti a distruggere Cuba nonostante abbiano sprecato miliardi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente cubano Miguel Díaz-Canel ha affermato, oggi, che gli Stati Uniti "hanno fallito nel loro tentativo di distruggere Cuba" nonostante abbiano "sprecato miliardi di dollari" per raggiungere tale scopo. 

In una serie di tweet, il presidente cubano ha respinto duramente lle recenti dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, il quale ha sostenuto, dopo un incontro con il cancelliere tedesco Angela Merkel, che Cuba era uno "stato fallito" e che "sarebbe preparato" offrire “una quantità significativa di vaccini” al Paese caraibico.

 

 

Díaz-Canel ha scritto che uno "stato fallito", riferendosi agli Stati Uniti, "è uno che per compiacere una minoranza reazionaria e ricattatrice" può "moltiplicare i danni a 11 milioni di esseri umani , che è la cifra corrispondente alla popolazione di il Paese caraibico, “ignorando la volontà della maggioranza dei cubani, degli americani e della comunità internazionale”.

Annullare le 243 sanzioni

In un altro tweet, ha ricordato che se la sua controparte americana "avesse sincera preoccupazione umanitaria per il popolo cubano", potrebbe annullare le 243 misure coercitive applicate durante l'amministrazione Donald Trump, "comprese le oltre 50 crudelmente imposte durante la pandemia". 

Durante la campagna elettorale, Biden ha dichiarato che avrebbe riesaminato le sanzioni statunitensi contro Cuba, tuttavia finora non lo ha fatto.

Il presidente cubano ha anche lamentato che negli Stati Uniti, "a causa dell'inefficacia del suo governo, molti dei 600.000 morti non hanno potuto essere salvati" dal covid-19. Oltre a sottolineare che gli Stati Uniti "hanno una storia vergognosa di guerre e violenze; ??brutale repressione e uccisioni di cittadini da parte della polizia; razzismo e violazioni dei diritti umani."

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...