De-dollarizzazione e petroyuan: il post Bretton Woods ha avuto inizio?

De-dollarizzazione e petroyuan: il post Bretton Woods ha avuto inizio?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il mondo si appresta ad entrare nella fase eurasiatica. L’egemonia unipolare statunitense è ormai prossima a diventare uno sbiadito ricordo, erosa dal progressivo crollo del regno del dollaro. Un nuovo mondo multipolare è in costruzione. La situazione mondiale è radicalmente differente rispetto al post 1945 o 1990: secondo una proiezione della Standard Chartered Bank di Londra, i paesi eurasiatici, paesi latinoamericani e africani come il Brasile e l’Egitto, situati alle ali dell’Eurasia, saranno ai vertici dell’economia mondiale. 

Il cosiddetto mondo occidentale è entrato in una fase di declino irreversibile. Per questo in Ucraina ha provocato una guerra per procura contro la Russia utilizzando la manovalanza neonazista fornita dal regime di Kiev coadiuvata dalla NATO. Però la vera battaglia è un’altra: gli Stati Uniti proveranno in ogni modo ad arrestare il processo di de-dollarizazione dell’economia mondiale che rappresenterebbe la fine definitiva del dominio di Washington. 

 

La tendenza alla de-dollarizzazione

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, gli Stati Uniti promossero l'istituzione del sistema di Bretton Woods, il cui fulcro era il dollaro come mezzo di valutazione, scambio e conservazione del valore. Nei decenni tra gli anni '70 e la crisi finanziaria del 2008, il sistema di Bretton Woods ha subito cambiamenti, il legame fisso tra il dollaro USA e l'oro è stato annullato e i tassi di cambio delle valute nazionali sono entrati nel sistema nominalmente libero, tuttavia il Il dollaro USA, come fondamento del sistema monetario internazionale, non ha vacillato. 

C’è però in atto attualmente una tendenza verso la de-dollarizzazione, come spiegato al forum Valdai in Russia da Yu Xiang, ricercatore aggiunto presso il Center for International Security and Strategy, Tsinghua University, esperto del forum cinese e ricercatore senior presso China Construction Bank. 

Yu Xiang spiega: “Dopo lo scoppio della crisi finanziaria nel 2008, i cambiamenti nel modello di potere internazionale e la nuova rivoluzione tecnologica pongono nuove sfide all'egemonia del dollaro e la de-dollarizzazione dell'economia mondiale sta accelerando.

Primo, la struttura economica globale multipolare si è evoluta in profondità con il rapido aumento del PIL dei paesi non statunitensi. La quota del PIL degli Stati Uniti sul PIL mondiale è scesa dal 40% nel 1960 al 24% nel 2021. Il PIL asiatico rappresentava il 20% del PIL mondiale quaranta o cinquanta anni fa, ma è salito al 47% nel 2021. Negli ultimi 10 anni, il contributo dell'economia cinese alla crescita economica mondiale si è stabilizzato intorno al 30%. Anche negli ultimi due anni dell'epidemia globale, il tasso di crescita economica media biennale della Cina ha raggiunto il 5,1%, classificandosi al primo posto tra le principali economie mondiali e continuando a essere il motore della crescita economica mondiale. Ciò ha cambiato la posizione di lunga data degli Stati Uniti come locomotiva dell'economia mondiale nei decenni del dopoguerra. La base economica determina la struttura internazionale. 

Secondo, gli Stati Uniti continuano a far precipitare la credibilità del dollaro USA. Guidato dal cosiddetto principio "America First", il presidente Trump ha combattuto una "guerra commerciale", una "guerra tariffaria" e ha giocato un "gioco a somma zero", che ha gravemente danneggiato la leadership globale degli Stati Uniti. Dopo che l'amministrazione Biden è salita al potere, non ha modificato le politiche economiche e commerciali dell'amministrazione Trump, che hanno lasciato cadere irreversibilmente la credibilità internazionale del dollaro USA. Inoltre, la politica di "allentamento quantitativo illimitato" della Federal Reserve dopo la pandemia di COVID-19 ha inondato la liquidità del dollaro USA. Il bilancio della Fed è passato da circa $ 4 trilioni nel marzo 2020 a oltre $ 9 trilioni attuali, che è 10 volte la dimensione del bilancio della Federal Reserve prima dello tsunami finanziario del 2008. La Federal Reserve sta chiaramente sfruttando la sua situazione unica nel quadro globale del dollaro USA per trasferire il costo della pandemia di COVID-19. Proprio come disse l'ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti John Connally negli anni '70: “Il dollaro USA è la nostra valuta, ma è un vostro problema”.  

Dopo lo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina, gli Stati Uniti e l'Europa si sono uniti per escludere la Russia dal sistema di pagamento SWIFT, aggravando le preoccupazioni di diverse nazioni che si affrettano a studiare transazioni e sistemi di pagamento alternativi al di fuori del dollaro USA. Sempre più paesi sperano di trovare una valuta più stabile. Questo è esattamente ciò che abbiamo visto. La Turchia ha avviato il processo di riduzione delle sue disponibilità di attività in dollari, l'Iran ha annunciato che il pre-regolamento della valutazione delle sue transazioni petrolifere non utilizzerà più il dollaro USA, la Russia ha iniziato a utilizzare la valuta locale nel suo commercio di risorse naturali.

Terzo, c'è un nuovo sviluppo nella divisione internazionale della produzione. Dopo la crisi finanziaria del 2008, il processo di globalizzazione ha subito un rallentamento e si è rafforzata la tendenza alla localizzazione della produzione. A breve termine, guidata dalla motivazione geopolitica e dall'avversione al rischio, la catena industriale globale sarà dispersa e contratta in più blocchi regionali e anche la regionalizzazione e la localizzazione della catena industriale diventeranno una tendenza. Il nuovo modello di globalizzazione in futuro sarà quello di realizzare una divisione professionale della produzione tra le migliori imprese del mondo a livello regionale e formare cluster integrati verticalmente, e la proporzione dei benefici ottenuti dai paesi ospitanti aumenterà.

In quarto luogo , la tecnologia digitale promuoverà lo sviluppo della catena industriale globale in una direzione intelligente e decentralizzata. Con la graduale maturità e commercializzazione delle tecnologie dell'informazione come il cloud computing, Internet industriale e l'automazione, l'industria manifatturiera diventerà più intelligente e diversificata in futuro. Nel soddisfare le esigenze di dispersione del rischio, accorcerà e appiattirà anche la catena industriale, rafforzerà ulteriormente il modello di cluster di integrazione verticale delle suddette catene industriali e accelererà la struttura della catena industriale globale.

La sicurezza e la neutralità del valore della blockchain stanno rafforzando in modo significativo l'affidabilità delle valute digitali, fornendo nuove scelte alle nazioni quando la posizione del dollaro USA è in declino. Più fondamentale è l'impatto della tecnologia digitale sul sistema del dollaro USA. Paulson, ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti e presidente della Fondazione Paulson, ha dichiarato con grande preoccupazione nel suo articolo "The Future of the US Dollar" pubblicato sulla famosa rivista americana Foreign Affairs nel maggio 2021: "Gli Stati Uniti non dovrebbero preoccuparsi della fine dell'egemonia globale del dollaro USA al momento, ma dovrebbero anche preoccuparsi dello status del dollaro USA sfidato delle nuove tecnologie finanziarie come la moneta digitale". 

 

La fine del petroldollaro?

Altro pilastro su cui si basa il dominio del dollaro, che attualmente scricchiola, è il cosiddetto petrol-dollaro. 

I petrodollari sono i proventi delle esportazioni di petrolio greggio denominati in dollari USA, un termine che si è diffuso a metà degli anni Settanta. Il sistema di Bretton Woods, che prevedeva tassi di cambio fissi legati all'oro attraverso il dollaro USA, crollò nel 1971 perché l'economia globale e la sua domanda di beni sicuri superarono l'offerta disponibile di lingotti.

Solo il dollaro poteva realisticamente riempire questo vuoto. E mentre l'offerta globale di dollari cresceva a causa del debito e del deficit di bilancio degli Stati Uniti, aumentava anche l'accumulo di petrodollari guadagnati dagli esportatori di petrolio che beneficiavano del forte aumento dei prezzi del greggio.

La popolarità globale del dollaro USA non dipende dalla buona volontà degli esportatori di petrolio. Si basa sui dati degli Stati Uniti, in quanto maggiore economia e importatore di beni al mondo, con mercati dei capitali liquidi e sostenuti dallo stato di diritto, oltre che dalla potenza militare.

I petrodollari non sono una valuta distinta, ma semplicemente dollari USA accettati come pagamento per l'acquisto di petrolio.

Se gli Stati Uniti dovessero perdere il dominio dei petrodollari, l'economia mondiale ne risentirebbe? Non proprio. Gli analisti ritengono che qualsiasi mercato, sia esso azionario, del grano o del petrolio, richieda un'unità di misura. L'importanza dell'economia statunitense ha reso il dollaro la scelta più ovvia per la maggior parte dei mercati.

Ma non ci sarebbe alcuna differenza se qualsiasi altra moneta fosse utilizzata come unità di conto per il mercato del petrolio. Si tratta semplicemente di una questione contabile.

L’Arabia Saudita ha accelerato le discussioni con la Cina per prezzare alcune vendite di petrolio in yuan. Si ipotizza che i sauditi siano insoddisfatti delle recenti decisioni politiche degli Stati Uniti, come dimostrato dalla decisione in seno all’OPEC+ di procedere a un netto taglio della produzione di petrolio, in contrasto con la volontà USA contraria a questa decisione che farà salire il prezzo del greggio provocando una fiammata dell’inflazione che gli Stati Uniti volevano scongiurare. 

Poi ci sono le rigide sanzioni imposte alla Russia dagli Stati Uniti che impediscono di pagare le esportazioni russe in dollari; di conseguenza, il Cremlino sta cercando alternative come il commercio di petrolio con l'India in rubli o rupie.

Per la prima volta i sauditi parlano quindi di vendere petrolio alla Cina in cambio di valuta cinese. Si tratta di un accordo simile a quello tra India e Russia in rupie e rubli.

Se questo patto di vendita di petrolio saudita in yuan alla Cina dovesse decollare, altri Paesi potrebbero chiedere un trattamento simile. Un cambiamento che farà sicuramente vacillare il terreno sotto l'egemonia del dollaro.

Un bel problema per gli Stati Uniti che sfruttano il dollaro come moneta internazionale di riferimento per portare avanti il loro programma di politica estera, raggiungere i propri obiettivi geopolitici e in ambito economico gestire senza troppi problemi un enorme deficit di bilancio emettendo attività denominate in dollari a tassi di interesse molto bassi: una vera e propria egemonia economica.

Una volta che il mercato dei futures sul greggio denominato in yuan si sarà affermato come uno dei principali punti di riferimento petroliferi, con un volume di scambi attivo e una significativa partecipazione di investitori nazionali e globali, l'accettazione dello yuan cinese come modalità di transazione globale aumenterà.

Gli analisti si aspettano una buona domanda di contratti future sul greggio da parte di clienti industriali e finanziari, che hanno bisogno di uno strumento per gestire il rischio e coprirsi dall'inflazione.

La diffusione del prezzo e del commercio del petrolio greggio in yuan, o "petroyuan", potrebbe scuotere ulteriormente la già traballante fiducia nel dollaro statunitense e, in teoria, rafforzare il valore dello yuan cinese sul mercato globale.

Un chiaro obiettivo delle autorità di regolamentazione cinesi è quello di trovare il modo di internazionalizzare la propria valuta per accrescere il proprio peso economico e ridurre la dipendenza dal dollaro, che dura da molto tempo.

Essendo il più grande importatore di greggio al mondo, la Cina trarrebbe naturalmente vantaggio dall'utilizzo della propria valuta rispetto a quella di un rivale economico e di un concorrente strategico.

Allo stesso tempo, l'iniziativa cinese Belt and Road, che mira a creare reti commerciali attraverso il continente eurasiatico, il Medio Oriente e l'Africa, quasi certamente rafforzerà la marcia dello yuan verso un uso più ampio e la globalizzazione della valuta.


Conclusioni

Gli Stati Uniti accetteranno pacificamente la fine del loro dominio internazionale? La perdita dell’egemonia unipolare e che la storia si è rimessa in cammino? La risposta dipende molto anche da quale fazione dell’èlite statunitense uscirà vincitrice dallo scontro in atto in quel di Washington.   

In ultima analisi possiamo affermare che per gli Stati Uniti lo scenario peggiore sarebbe quello dove il dollaro perde il suo status di valuta globale di riferimento. Questo perché l’imperialismo statunitense basa il suo dominio sulla guerra, le conquiste, la potenza della propria moneta che a sua volta si regge sulla potenza militare. Dunque senza più dollaro come moneta di riserva mondiale che consente agli Stati Uniti una disponibilità economica enorme, a scapito degli altri paesi, cominciano i guai per Washington. 

Questo passaggio non è però automatico e scontato. Serve uno scatto da parte dell'altra potenza mondiale, la Cina, che al momento ha preferito un approccio sostanzialmente limitato alla sfera economica e mercantile. Pechino per portare lo Yuan a un livello superiore, capace di scalzare il dollaro o quantomeno provocarne la fine del dominio incontrastato in luogo di un nuovo sistema, ha bisogno di compiere un salto di qualità dal punto di vista militare e politico. A quel punto la caduta del dollaro e con esso dell’impero statunitense sarà pressoché inevitabile. In caso contrario potremmo vivere per molto tempo questa (pericolosissima) fase di transione.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica