Delle mancette di Armani non abbiamo bisogno

Delle mancette di Armani non abbiamo bisogno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Francesco Erspamer*


Dunque Armani ha donato un milione e 200mila euro alle terapie intensive: e metà dei miei amici pentastellati lì a lodarlo. Lo sapete quanto è il suo patrimonio? Circa nove miliardi. Ciò significa che ha generosamente elargito lo 0,01 di quello che possiede. Come se chi ha in banca 100mila euro ne donasse 10, capirai il sacrificio. Senza contare che se dono 10 euro giustamente non lo sa nessuno, mentre Armani si è premurato di informare la stampa ottenendo un ritorno pubblicitario nettamente maggiore di quello che gli procurano, a parità di costo, le pagine acquistate sui quotidiani e riviste o gli spot televisivi.


Del resto mi ricordo, quattro anni fa, la commozione degli italiani per il mezzo milione donato da Mark Zuckerberg per le vittime del terremoto dell’Aquila, e neanche in denaro ma in pubblicità su facebook; e lui possiede più di 60 miliardi, ossia l’equivalente del PIL (a parità di potere d’acquisto) della Libia e circa il doppio di quelli del Nicaragua, dell’Armenia o del Ruanda. È chiaro che i popoli e gli italiani in particolare meritano di essere impoveriti da pochi nababbi senza scrupoli; forse li accettano e adorano in sostituzione degli dèi che il consumismo ha ucciso.


Speravo e a volte ancora spero che il M5S, come un tempo il PCI, almeno lo sognasse un mondo in cui tutti abbiano abbastanza e nessuno troppo. Ma allora bisogna finirla di sentirsi fieri dei pochi spiccioli donati dal Movimento a chi ne ha bisogno, come se invece che un’organizzazione politica fosse la Caritas; e di credere che la microgenerosità pelosa dei miliardari aiuti la gente. L’epidemia che stiamo attraversando è solo colpa loro e della loro avidità, che negli ultimi decenni ha sottratto risorse all’assistenza sanitaria e alla ricerca pura per alimentare oscene speculazioni finanziarie. I tre milioni donati dal M5S alle terapie intensive avrebbero senso se ne parlassero giornali e televisioni; non lo fanno, loro parlano del milione di Armani; prima bisognava usare i soldi per comprarsi delle testate o dei giornalisti.


Per essere ancora più chiaro: il problema non è la Lega e non è il Pd, che giustamente non danno soldi in carità perché non è il loro compito, e che comunque qualcuno li vota; il problema sono le multinazionali e i miliardari, che possiedono la Lega e il Pd e li usano per appropriarsi gratis dei beni comuni, ottenere concessioni a prezzi di svendita e privatizzare il sistema pubblico. Soldi ce ne sono, anche in Italia, tanti; alla fine siamo ancora l’ottavo paese più ricco del mondo e il settimo per numero di milionari.


Siamo in un’emergenza? Servono fondi? Quando chiesero a Willie Sutton perché rapinasse le banche, rispose: perché è lì che ci sono i soldi. Sono ancora lì ed è lì che bisogna prenderli. Ai banchieri, non ai risparmiatori.


*Professore all'Harvard University

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti