Draghi e il complotto dei "poteri forti" per il Recovery Fund

Draghi e il complotto dei "poteri forti" per il Recovery Fund

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sono settimane che continuo a sentire che il colpaccio di Renzi e l'ingresso in scena di Draghi sarebbero sostanzialmente motivati dalla volontà dei "poteri forti" di "mettere le mani" sui fantastiliardi in arrivo dall'Europa così da poterli spendere come vogliono lorsignori, ovverosia per favorire gli amici e/o gli interessi del grande kapitale, diversamente dal buon Conte che voleva usarli per aiutare i poveracci.

Fatemelo dire: non se ne può veramente più. Ora, sorvolo sull'intrinseca subalternità culturale, o la semplice ignoranza, di chi accetta il frame dei "fantastiliardi" in arrivo dall'Europa. Come abbiamo spiegato fino allo sfinimento, parliamo di cifre assolutamente ininfluenti dal punto di vista macroeconomico (impatto sul PIL praticamente nullo). Ma anche volendo accettare che parliamo di fantastiliardi, basta leggersi le carte del RF per rendersi conto che i soldi vanno spesi come dice la UE (ovvero il capitale nordeuropeo, ovvero la Germania) e che la loro ricezione è subordinata al rispetto delle raccomandazioni specifiche per paese della Commissione, che vanno da sempre nella stessa direzione: tagli della spesa pubblica, compressione del salari, deregolamentazione dei mercati del lavoro ecc.

Quindi se qualcuno, dopo aver incensato per mesi il RF, pensava di poter scegliere come spendere i fondi, allora è doppiamente fesso.

Thomas Fazi

Thomas Fazi

Economista e saggista. Autore con W. Mithchell di "Sovranità e barbarie" (Meltemi). Su twitter:  @battleforeurope

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti