All'estero ci vedono così: "L'inutile tirannia del green pass italiano"

All'estero ci vedono così: "L'inutile tirannia del green pass italiano"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Intanto all’estero ci raccontano così, ed è difficile non essere d’accordo: 

--------

L’INUTILE TIRANNIA DEL GREEN PASS ITALIANO”

di Nicholas Farrell

 (“The Spectator”, 20 febbraio 2022) 

«Mentre la maggior parte dei paesi europei, e in particolare la Gran Bretagna, stanno allentando le loro restrizioni Covid, l’Italia, in cui sono già in vigore le misure più pesante in assoluto, questa settimana le ha ulteriormente irrigidite – benché i dati dimostrino che esse non servono assolutamente a nulla.

Sarà forse perché l’Italia è il paese dove indovini e guaritori rappresentano un settore economico multimiliardario, essa ha varato il regime di lasciapassare vaccinale più draconiano in Europa. Ad ogni modo, la psicosi di massa acceca i politici e la gente, impedendo loro di vedere la verità. 

Nel Regno Unito le false pretese dei consulenti scientifici del governo in merito alla necessità e all’utilità dei lockdown sono state alla fine demolite in modo inequivocabile […]. È ora che si dimostri la falsità di pretese analoghe in merito ai lasciapassare vaccinali. E non ci può essere miglior posto da cui cominciare questa dimostrazione che l’Italia. 

Quando fu introdotto, lo scorso agosto, la giustificazione per il regime di lasciapassare vaccinale italiano – chiamato “green pass” – fu la previsione che avrebbe incrementato il numero dei vaccinati, creato spazi sicuri per questi ultimi e quindi ridotto i casi, le ospedalizzazioni e i morti di Covid. Non ha ottenuto nessuno di questi risultati. 

Ciononostante, le regole in materia sono diventate sempre più draconiane. […] Osannato come un grande successo con religioso fervore dal governo italiano di unità nazionale, guidato dal premier ed ex capo della banca centrale europea Mario Draghi, il “green pass” è stato in realtà nient’altro che un esercizio di insensata tirannia. 

Eppure, nonostante ciò, a dicembre, il governo Draghi ha introdotto il “super green pass”, che ha reso il regime ancora più tirannico. […] E questa settimana, nonostante il numero dei contagi sia in caduta libera, la vaccinazione obbligatoria per gli over-50 è stata estesa ai luoghi di lavoro. […] Naturalmente, né Draghi né qualcun altro nella sua coalizione ammetterà mai che ciò che viene strombazzato come la loro più gloriosa vittoria è in realtà un fallimento. Né lo faranno i media italiani, che hanno appoggiato servilmente la linea del governo. Né lo faranno gli italiani stessi, tre quarti dei quali secondo i sondaggi sono favorevoli al “green pass”. Tutti costoro ora perderebbero la faccia. 

Che la loro ossessiva fede nelle meraviglie del “green pass” sia totalmente priva di senso risulta evidente da una comparazione tra i dati di Italia e Gran Bretagna, che non ha avuto nessuna forma di lasciapassare vaccinale. Italia e Gran Bretagna hanno popolazioni simili (rispettivamente 59 milioni e 69 milioni di persone). Oggi, dopo quasi sette mesi di passaporto vaccinale in Italia, il numero di persone non vaccinate in Italia e in Gran Bretagna rimane più o meno lo stesso. In Italia, l’88,92% degli over 12 è completamente vaccinato, rispetto all’84,9% in Gran Bretagna. A gennaio c’erano ancora 5,9 milioni di italiani non vaccinati di età superiore ai 12 anni, ancora una volta un numero simile a quello della Gran Bretagna. 

La lezione è chiara: come mostra la Gran Bretagna, la grande maggioranza delle persone ha scelto di vaccinarsi liberamente e non c’è alcun bisogno che sia costretta a farlo dallo Stato. Anzi, costringere la gente a farlo – come l’Italia dimostra – non funziona. Ciò che più conta, naturalmente, è il numero dei contagi. Ma anche in questo il “green pass” e il “super green pass” hanno avuto ben poco effetto. Anzi, creando un senso di ingannevole fiducia tra i vaccinati, essi possono aver peggiorato la situazione. Ad ogni modo hanno fallito. Se avessero funzionato, i tassi di infezione italiani avrebbero dovuto essere molto inferiori a quelli della Gran Bretagna. Ma, al contrario, dall’inizio dell’ultima ondata causata a dicembre dalla variante Omicron, l’Italia ha avuto un numero di contagi Covid molto simile a quello della Gran Bretagna, che non aveva il pass. La spiegazione, naturalmente, è che nonostante tutti quei green pass, i vaccinati italiani si contagiano tra loro. 

In Italia, il 70%  delle infezioni da Covid nel mese scorso è stato diagnosticato in persone parzialmente o completamente vaccinate. È vero, in proporzione poche persone vaccinate che prendono il Covid finiscono in ospedale o muoiono, ma quelle che lo fanno sono comunque un bel po’. Circa metà dei ricoverati e più di metà dei morti per Covid da dicembre sono stati parzialmente o totalmente vaccinati. Per aggiungere la beffa al danno, in Italia ci sono state anche più morti per Covid che in Gran Bretagna dal primo dicembre. 

Ciononostante, politici, giornalisti e gran parte degli italiani continuano a credere che il “green pass”, ora trasformato in “super green pass”, sia la sola soluzione. L’Italia non ha avuto un primo ministro “eletto” dal 2011 – eletto nel senso di essere il leader di una coalizione o di un partito che abbia vinto le elezioni. In ogni caso, non è la natura anti-democratica dei governi italiani a spiegare il regime italiano dei passaporti vaccinali, ma la natura filo-dittatoriale degli italiani».

 

(Traduzione di aThomas Fazi)

Thomas Fazi

Thomas Fazi

Economista e saggista. Autore con W. Mithchell di "Sovranità e barbarie" (Meltemi). Su twitter:  @battleforeurope

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti