/ Ecuador, come è stato costruito l'espediente per dividere la prot...

Ecuador, come è stato costruito l'espediente per dividere la protesta e perseguire i "correisti"

 
 
Mision Verdad

16 ottobre 2019


Dopo sei giorni di proteste, il 7 ottobre, il governo di Lenín Moreno ha spostato la capitale ecuadoriana da Quito a Guayaquil, dichiarando lo stato di emergenza in tutto il paese.
 
La misura, un giorno dopo lo sciopero nazionale, tendeva a proteggere le istituzioni chiave dello Stato, in particolare il ramo esecutivo, per evitare una chiusura tecnica che avrebbe portato alla demolizione del governo, come accaduto in eventi simili nella storia dell'Ecuador.
 
Lo stesso giorno, Moreno ha accusato il presidente Nicolás Maduro di aver attivato, insieme a Rafael Correa, un piano di destabilizzazione contro il suo governo, proprio come aveva fatto all'inizio dello sciopero nazionale il suo ministro della sicurezza, María Paula Romo.
 
 

Anticipando la decisione ufficiale, il giornalista ecuadoriano Andersson Boscán, uno dei direttori del media La Posta, con una forte ideologizzazione anti-Correa, il 7 ottobre aveva lanciato una denuncia contro le agenzie di intelligence dell'Ecuador per non aver notato "l'arrivo di Agenti dell'intelligence cubana e venezuelana a fini destabilizzanti ".
 
Il pacchetto di uscita di questa matrice di opinioni ha raggiunto il suo apice l'8 ottobre alle 10:52 del mattino, quando il giornalista Casto Ocando, residente a Miami, ha fatto trapelare che l'ex presidente Correa aveva organizzato "l'operazione" dal Venezuela.
 
Poche ore dopo, Correa ha pubblicato un video dal suo appartamento alla periferia di Bruxelles, in Belgio, negando completamente questa affermazione.
 

 
Lo stesso giorno, il deputato Yofre Poma, il primo politico vicino a Correa arrestato, è stato fermato dalla giustizia perché avrebbe secondo l’accusa paralizzato il funzionamento del gasdotto trans-ecuadoriano.
 
L'accusa, formulata dalla Procura, è avvenuta un giorno prima che il ministro Romo incolpasse il governatore di Pichincha, Paola Pabón, di voler causare "terrore e caos" nel paese. La parola terrore, con il passare dei giorni, sarebbe stata ripetuta più e più volte dai portavoce del governo.  
Da questo momento in poi, c'è un chiaro punto di accelerazione nei portavoce del governo e della comunicazione vicina e la protesta è stata divisa tra quella "legittima", condotta dal movimento indigeno, e quella violenta destabilizzante, condotta da "elementi correisti infiltrati, finanziati da Venezuela ".
 
Uno degli elementi centrali di questo argomento si basava nella denuncia del Fiscal della Repubblica, Pablo Celi, formulata l’8 ottobre contro "gruppi organizzati che attaccavano il quartier generale dell'agenzia al fine di distruggere i documenti che provavano responsabilità criminali nelle indagini in corso. "  

Secondo l'opinione di Celi, questo tipo di azioni ha mostrato che nel paese c'era "un processo di cospirazione in atto per sovvertire l'ordine democratico".
 

La denuncia di questo funzionario, nominato da Moreno, è stata rapidamente usata per accusare i seguaci di Correa di "distruggere le prove della corruzione contro di lui".
 

Un altro degli elementi centrali, per aumentare ulteriormente il dossier della cospirazione "sostenuto" da Venezuela e Cuba, è stato l'arresto di 17 conducenti venezuelani Uber fuori dall'aeroporto di Quito.
 

Secondo Andersson Boscán e la sua sospetta chiaroveggenza, i detenuti avevano la rotta del vice presidente in loro possesso e si sarebbero presentati come conducenti di Uber per effettuare un attacco contro il secondo in comando in Ecuador. Il giorno dopo, 15 di loro erano totalmente liberi perché non c'erano prove contro di loro.

 
Tutto questo clima di opinione, senza dubbio, si è consolidato sabato 12 ottobre, quando si sapeva in anticipo che il governo Moreno avrebbe applicato un coprifuoco a Quito nell'ambito di un invito al dialogo, secondo il giornalista de La Posta Juan Eduardo Vivanco. C’era chi, inoltre, denunciava che Quito era "sotto un piano orchestrato dalle mafie per prendere il controllo dello Stato".
 

L'ex presidente della Confederazione delle nazionalità indigene dell'Ecuador (Conaie), Salvador Quispe, ha collaborato a questa tesi affermando che sabato quel "correísmo aveva preso il controllo della mobilitazione" per impedire agli indigeni di negoziare con il governo.
 
Questo svolgersi dei fatti ha determinato che, una volta annunciato l'inizio di una negoziazione tra il governo e il movimento indigeno, è stato imposto un coprifuoco a Quito.
 
Immediatamente, i manifestanti lasciati sulla strada in questo contesto sono stati accusati di un nuovo incendio all'Ufficio del controllore e di un attacco al canale privato Teleamazonas, di proprietà del banchiere ecuadoriano Fidel Egas.
 
Entrambi i fatti sono stati considerati "atti terroristici" attribuiti a gruppi violenti legati al "correismo".

Teleamazonas, d'altra parte, come il resto dei media privati, ha descritto il “cacerolazo” contro Lenín Moreno come una manifestazione realizzata dai cittadini di Quito a favore della "pace" in Ecuador (e quindi del coprifuoco).
 
 
D'altra parte, una volta applicato lo stato di eccezione, il movimento indigeno si è protetto nella Casa della Cultura di Quito, dove è stato ripetutamente represso, mentre l'ex presidente dell'Assemblea Nazionale, Gabriela Rivadeneira, è stata isolata dall'ambasciata del Messico prima del pericolo di essere arrestatoacon l'accusa di terrorismo e istigazione alla ribellione, come accaduto all'ex sindaco di Durán, Alexandra Arce, il giorno dopo.
 
In questo contesto, il dialogo di domenica 13 è iniziato con una dichiarazione del presidente della Conaie Jaime Vargas, in cui ha raccomandato di indagare su politici visibili legati a Correa per la violenza registrata in questi giorni.
 
Media colombiani come RCN hanno rivisto, sulla stessa linea, le presunte tattiche di guerriglia utilizzate dai manifestanti e l'esistenza di scudi acquistati dal presidente ecuadoriano per generare violenza nelle strade di Quito.  
Lunedì 14 ottobre, in base a questi argomenti, il governatore di Pichincha, Paola Pabón e uno dei suoi collaboratori, entrambi accusati di partecipare a un piano di "destabilizzazione finanziato dall'estero", sono stati arrestati.
 
La stessa accusa è stata formulata contro il segretario del partito della Revolucion Ciudadana, Virgilio Hernández, dopo che la sua casa è stata saccheggiata, così come il quartier generale della forza politica a Quito. Dalle incursioni, l'esistenza di scudi, casseforti con denaro, materiale di protesta e una somma di denaro nascosta nel materasso di un letto sono state prese come prove del piano insurrezionale.
  D'altra parte, il dossier della cospirazione è stato presentato all'Organizzazione degli Stati americani (OAS) dal Ministro degli Esteri ecuadoriano, José Valencia.
 
Valencia si riferiva a un piano violento eseguito da manifestanti che impiegavano tattiche di guerriglia urbana infiltrati da 41 agenti del Venezuela, senza citare alcun nome o luogo di detenzione di essi, come è stato fatto con i 17 conducenti venezuelani detenuti fuori dall'aeroporto di Quito.
 
La denuncia ha raggiunto l'obiettivo. Oltre a chiudere il ciclo di slancio di questa matrice di opinioni che, secondo il Segretario di Stato, Mike Pompeo, è stato seguito da vicino dagli Stati Uniti.
 
Pertanto, al di là dell'operazione, l'uso di questo file è prefigurato per criminalizzare il Venezuela con lo stesso tono che Iván Duque ha cercato di fare alle Nazioni Unite con il presunto sostegno del paese all'esercito di liberazione nazionale (ELN).
 
In Ecuador, nel frattempo, la Procura ha il compito di disarmare la struttura organizzativa del partito di Rafael Correa con la persecuzione dei loro leader, rifugiandosi nel clima di opinione generato dopo la protesta.
 
Il suo posto nel sistema politico ecuadoriano ora afferma di essere occupato dalla leadership del Conaie, rafforzato nelle proteste, che ha appena annunciato le sue intenzioni di fondare un partito e presentare un candidato presidenziale nel 2021.
 
Il fatto che chiude completamente questa traiettoria è l'annuncio che gli Stati Uniti collaboreranno con il procuratore dell'Ecuador nelle indagini sugli "atti di violenza", registrati nei giorni delle proteste contro il Fondo monetario internazionale (FMI).
 
Siendo este último el gran absuelto ante el tribunal de los medios que al hipertrofiar el papel de venezolanos y "correístas" y cuya responsabilidad estructural quedó más blanqueada y lavada que el dinero sucio de las cuentas offshore de los funcionarios del actual gobierno ecuatoriano.
 
Quest'ultimo è il grande assolto davanti al tribunale dei media grazie all’ipertrofizzazione del ruolo di venezuelani e "correisti", la cui responsabilità strutturale è risultata più candida e lavata dei soldi sporchi dai conti offshore dei funzionari dell'attuale governo ecuadoriano.

Traduzione de l'AntiDiplomatico
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa