Ecuador, Leónidas Iza vince il Congresso del movimento indigeno

Ecuador, Leónidas Iza vince il Congresso del movimento indigeno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Davide Matrone

Con 800 voti, Leónidas Iza è il nuovo Presidente della CONAIE dell'Ecuador. Iza vince ottenendo la fiducia del 60% dei delegati nazionali del VII Congresso Nazionale della CONAIE svoltosi a Salasaca i giorni 25-26-27 di giugno. 

Una vittoria contundente che riposiziona il Movimento dei contadini della regione del Cotopaxi a livello nazionale. Il MICC di Iza ebbe un ruolo fondamentale nello sciopero generale dell'ottobre del 2019. 

La posizione di Iza è stata chiara in questi due giorni: no al paradigma neoliberista delle destre dell'Ecuador, no allo sfruttamento del settore minerario del paese, si all'unità dei popoli indigeni dell'America Latina. Con queste tre parole d'ordine ha terminato il suo discorso prima del voto, sancendo la sua vittoria. 

Ora bisogna vedere quali saranno le alleanze con Pachakutik che nel nuovo governo del banchiere Lasso ha la Presidenza del Parlamento. Con la vittoria di Iza, si apre una stagione politica e sociale interessante per le lotte dei movimenti indigeni e sociali dell'Ecuador contro le politiche nefaste del paradigma neoliberista.

Potrebbe anche interessarti

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi