Elezioni in Argentina: trionfo peronista. Macri riconosce la sua sconfitta e si congratula con Fernández per la vittoria

Elezioni in Argentina: trionfo peronista. Macri riconosce la sua sconfitta e si congratula con Fernández per la vittoria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Con il 95 percento dei voti scrutinati, il candidato del Frente de Todos, Alberto Fernández, ha vinto le elezioni presidenziali in Argentina al primo turno con il 47,80 per cento dei voti, mentre l'attuale presidente Mauricio Macri ha raggiunto il 40,69 per cento, secondo la Camera Elettorale Nazionale. Al terzo posto c'è Roberto Lavagna con il 6,17 percento, seguito da Nicolás Del Caño (2,13 percento), Juan José Gómez Centurión (1,71 percento) e José Luis Espert (1,47 percento).

 

Le elezioni generali si sono svolte nel mezzo di una profonda crisi sociale ed economica aggravata dopo gli "aiuti" finanziari concordati tra il governo di Macri e il Fondo Monetario Internazionale (FMI).

 

Secondo i rapporti dell'Istituto Nazionale di Censimento e Statistica (Indec) durante i quattro anni del governo di Mauricio Macri gli indici associati alla povertà multidimensionale, la precarizzazione lavorativa e un forte diminuzione della qualità della vita ha colpito il popolo argentino per effetto delle politiche di neoliberismo selvaggio applicate. 

 

Il presidente argentino, Mauricio Macri, ha riconosciuto la sua sconfitta e si è congratulato con il suo avversario, Alberto Fernández, per aver ottenuto la vittoria al primo turno, senza la necessità di andare al ballottaggio.



 

"Mi sono congratulato con Fernandez, ha fatto un'ottima elezione”, ha affermato l'attuale presidente di fronte ai suoi seguaci, che cederanno il comando al leader peronista dal 10 dicembre. Ha anche aggiunto: "Ho invitato il presidente eletto a fare colazione domani".

 

D'altra parte, il leader della destra locale ha ritenuto importante raggiungere un processo di transizione nelle settimane che rimangono al comando del Paese sudamericano: "Metterò sempre il bene comune sopra qualsiasi cosa", ha dichiarato.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti