Eliminazione della Banca Centrale e dollarizzazione: il fanatismo neoliberista di Milei minaccia l'Argentina

Eliminazione della Banca Centrale e dollarizzazione: il fanatismo neoliberista di Milei minaccia l'Argentina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Javier Milei è il nuovo soggetto salito alla ribalta dopo l’exploit alle primarie (PASO) in Argentina che lo ha portato ad essere il candidato a ottenere il maggior numero di preferenze in assoluto, davanti al candidato peronista e ministro dell’Economia Sergio Massa e l’esponente ‘macrista’ di Juntos per il Cambio, Patricia Bullrich. 

Quindi l’ultraliberista Milei è passato da essere un semplice parlamentare conosciuto per le sue intemerate televisive a candidato favorito per le prossime presidenziali argentine in programma il 22 di ottobre. 

Le sue proposte in materia di economia stanno facendo molto rumore. Qualcuno potrebbe definirle come novità, in realtà si tratta del vecchio e fallimentare armamentario neoliberista portato alle estreme conseguenze.

Insomma, nulla di nuovo sotto il cielo di Buenos Aires. A tal proposito Milei insiste sulla necessità di dollarizzare l'economia, e ancora una volta ha rivendicato la sua idea di "eliminare la Banca Centrale". 

Non pago il candidato di Libertad Avanza (LLA) ha messo in discussione, durante un forum, i settori che contestano l'adozione della moneta statunitense come moneta unica, affermando che essi "deformano" la sua proposta, nonostante il fatto che "da sette anni" egli parli di "concorrenza valutaria".

“Parte di questo lavoro consiste nell'affrontare coloro che mentono o distorcono ciò che si dice (...) Ciò che viene popolarmente chiamato dollarizzazione non è altro che, alla fine, l'eliminazione della Banca Centrale", ha affermato l’autodefinito "libertario" durante il Latam Economic Forum, un evento organizzato a Buenos Aires dalla società Research for Traders, dedicata ai mercati dei capitali.

Milei ha assicurato che la misura che attuerà se diventerà presidente sarà "irreversibile" e, per questo, "credibile", anche se finora non ha potuto specificare quanti anni ci vorranno per attuarla, dato che per questo sono necessarie delle riserve che l'Argentina non possiede. In questo senso, l'economista che promette di porre fine alla "casta politica" ha affermato che, con il percorso da lui proposto, l'Argentina sarà una "potenza mondiale" in "35 anni". 

Per quanto riguarda le modalità di dollarizzazione, il deputato ultraliberista ha assicurato che il tasso di cambio, una volta attuata la misura, sarà "al valore di mercato", che ha fissato a "730" pesos, cioè il valore approssimativo del dollaro 'blu' o illegale di questi giorni. Oggi la banconota venduta al di fuori del sistema bancario ha chiuso a 720 pesos e il cosiddetto "contante con liquidazione", utilizzato nelle operazioni di borsa, a 763 pesos.

Milei ha detto di voler "smascherare i falsi bugiardi" che "cercano di formare opinioni" senza argomenti e "con dati falsi". In particolare, ha criticato gli economisti "rozzi", "rudimentali" e "ignoranti" di Juntos por el Cambio (JxC), che valutano che tale misura genererà iperinflazione.

"La dollarizzazione è l'opposto dell'iperinflazione", ha insistito. E ha messo in discussione le politiche di cambio applicate dall'attuale governo: "Non fatevi ingannare da questi delinquenti che adottano un tasso di cambio che hanno elaborato dopo cinque bottiglie di vodka", ha detto in relazione al valore del dollaro ufficiale, attualmente a 365,50 pesos.

Per Milei, questo tasso è "delirante" e "divide i salari, come se fosse un conto di equilibrio parziale". A suo avviso, "porre fine alla Banca Centrale" significherebbe "porre fine all'inflazione (del 115,6% annuo) per sempre".

Martedì, la presidente del Banco Nación argentino, Silvina Batakis, ha avvertito che con la dollarizzazione proposta da Javier Milei, il salario minimo nel Paese equivarrebbe a 24 dollari, che "non sarebbe sufficiente per nessuno".

"Le proposte dell'opposizione non menzionano l'impatto delle politiche, ad esempio la svalutazione che la dollarizzazione rappresenterebbe. In linea di principio, sarebbero necessari tra i 35 e i 50 miliardi di dollari e il salario minimo vitale e mobile sarebbe di 24 dollari", ha detto Batakis.  

Attualmente il salario minimo è di 118.000 pesos, l'equivalente di 337 dollari al valore ufficiale. In questo senso, Batakis ha avvertito che la proposta di Milei "impoverisce la popolazione" e colpirebbe non solo l'economia delle famiglie, ma anche la sovranità e le risorse dello Stato argentino, dal momento che, per ottenere i dollari necessari, "si intende privatizzare le imprese statali nazionali".

Qui vanno inevitabilmente a parare tutti gli ultraliberisti alla Milei spacciando le loro politiche antinazionali e antipopolari come sensate e attuate per il benessere di popolazione e imprese. 

L’esempio boliviano

Il presidente della Bolivia, Luis Arce, ha espresso la sua opinione sulla proposta del candidato di estrema destra alla presidenza dell'Argentina, Javier Milei, di dollarizzare il Paese, qualora dovesse salire al potere.

"Per noi è chiaro che la dollarizzazione è la strada peggiore da percorrere e ci sono esempi nella regione: l'Ecuador è un esempio, Panama è un altro esempio", ha affermato il presidente boliviano, che è un economista, in una conversazione con la stampa.

Milei, della coalizione La Libertad Avanza (LLA), prevede nel suo progetto la dollarizzazione del Paese, la privatizzazione del maggior numero possibile di aziende pubbliche, il taglio di oltre la metà dei ministeri e l'abolizione della Banca Centrale, tra le altre politiche.

Per Arce, "la soluzione nel caso argentino non sta nella dollarizzazione". Al contrario, ritiene che questa misura "sia controproducente per un'economia come quella argentina".

Il leader boliviano ha ricordato che nel Paese c'era già stata una "sorta di dollarizzazione" durante l'amministrazione di Carlos Menem (1989-1999), quando vigeva un modello di convertibilità con una parità di "uno a uno", cioè un peso argentino equivaleva a un dollaro.

Con questa politica, ha detto Arce, molti argentini andavano ad esempio a Miami, negli Stati Uniti, per comprare, ma improvvisamente "l'economia è stata distrutta" in Argentina, perché si è smesso di produrre per importare e generare risorse finanziarie.

"Questa era una delle forme di dollarizzazione prese in considerazione. Quando è successo, è stato proprio quando l'economia argentina è andata in catastrofe, con il signor Menem [...] In quel momento, abbiamo visto i supermercati essere saccheggiati", ha sottolineato.

Il presidente ha ricordato che uno dei vantaggi di un'economia non dollarizzata è la capacità della Banca Centrale di emettere moneta.

In conclusione, Arce ha sottolineato che "la ricetta può essere peggiore della malattia che un'economia sta attraversando". Ha aggiunto che la dollarizzazione fa parte di una posizione politica per cercare di guadagnare voti, ma ha sottolineato che "con l'economia non si scherza".

Il presidente ha sottolineato di aver studiato la questione della dollarizzazione, interessandosi "molto" ad essa e, sulla base di ciò, quando era ministro dell'Economia (2006-2017 e 2019) sono state attuate in Bolivia "politiche di de-dollarizzazione", che sono state chiamate "bolivianizzazione".

Secondo Arce, quando il Movimento per il Socialismo (MAS) è salito al potere nel 2006, "la Bolivia era un Paese dollarizzato", con circa il 96% dei depositi e praticamente il 99% dei crediti in dollari, ma ora si utilizzano i bolivianos, il che facilita l'economia.

"La bolivianizzazione è ciò che oggi permette al Paese, rispetto al resto del mondo, di avere la stabilità di cui godiamo. Se non avessimo bolivianizzato, saremmo stati in gravi difficoltà", ha sottolineato.

Come evidenziato dall’analista internazionale Gabriel Villalba Pérez all’emittente RT, la proposta del fanatico neoliberista argentino arriva in una fase storica dove la valuta statunitense è in crisi, mentre i BRICS stanno guadagnando slancio, con l’Argentina che si unirà a loro dal gennaio 2024. Inoltre, ha stimato che il tentativo di Javier Milei di capitalizzare la rabbia sociale e di dollarizzare l'Argentina non può portare a nulla di buono.

Verso le elezioni: ballottaggio Milei-Massa?

Milei è stato il candidato più votato alle ultime elezioni primarie del 13 agosto. Con un discorso antipolitico e antistatale e al grido di "Viva la libertà, dannazione!", la sua forza, fondata nel luglio 2021, si sta preparando per entrare in un ballottaggio virtuale alle elezioni generali del 22 ottobre.

Sono infatti Javier Milei e Sergio Massa i favoriti per occupare la prima e la seconda posizione il 22 ottobre, in vista di un ballottaggio tra i due l'11 novembre. Patricia Bullrich è più indietro. Il candidato di La Libertad Avanza (LLA) otterrebbe il 34,2% se le elezioni si tenessero questa domenica, come riporta il quotidiano Pagina|12. È forte tra i giovani e nelle grandi città, soprattutto nell'interno del Paese. Il peronista Massa, di Unión por la Patria (UxP), otterrebbe il 30,6%. Ottiene ottimi risultati tra gli ultrasessantenni e nell'agglomerato di Buenos Aires. Bullrich, di Juntos por el Cambio (JxC), è indietro con il 24,8%.

I risultati emergono da un'ampia indagine nazionale condotta dal Centro de Estudios de Opinión Pública (CEOP).

Come era prevedibile, le intenzioni di voto verso Milei sono aumentate questo mese. Ci sono cittadini che sono colpiti da colui che arriva per primo e altri, che pensavano che il libertario avrebbe ottenuto poco, mentre ora hanno deciso di propendere per il candidato uscito in testa dalle elezioni PASO, scrive Pagina|12. Poiché c'è una somiglianza nelle proposte dell’opposizione tutte basate sull’austerità, risulta alquanto naturale che quanto Milei ha guadagnato sia stato perso da Bullrich: i due candidati della destra neoliberista pescano nello stesso elettorato.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Vincoli esterni (e quelli interni) di Paolo Desogus Vincoli esterni (e quelli interni)

Vincoli esterni (e quelli interni)

Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse! di Giorgio Cremaschi Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse!

Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse!

La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking" di Francesco Santoianni La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking"

La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking"

I media "liberi" e lo sdoganamento del nazismo al Parlamento canadese di Marinella Mondaini I media "liberi" e lo sdoganamento del nazismo al Parlamento canadese

I media "liberi" e lo sdoganamento del nazismo al Parlamento canadese

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Canada, quando la toppa è peggio del buco... di Alberto Fazolo Canada, quando la toppa è peggio del buco...

Canada, quando la toppa è peggio del buco...

IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO di Gilberto Trombetta IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO

IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO

È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE? di Michelangelo Severgnini È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE?

È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE?

La vera ideologia di fondo esce allo scoperto di Pasquale Cicalese La vera ideologia di fondo esce allo scoperto

La vera ideologia di fondo esce allo scoperto

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Seymour Hersh - "Un anno di bugie sul North Stream" di Paolo Pioppi Seymour Hersh - "Un anno di bugie sul North Stream"

Seymour Hersh - "Un anno di bugie sul North Stream"

Re Giorgio e le "due repubbliche" italiane di Paolo Arigotti Re Giorgio e le "due repubbliche" italiane

Re Giorgio e le "due repubbliche" italiane

L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale di Damiano Mazzotti L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale

L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale