Esercitazione congiunta USA-Israele per simulare attacco a centrali nucleari iraniane

Esercitazione congiunta USA-Israele per simulare attacco a centrali nucleari iraniane

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non è una semplice esercitazione. È chiaro, ormai non siamo nemmeno in uno scenario di Guerra fredda o di Terza guerra mondiale a bassa intensità. Questa operazione è un segnale diretto, che va oltre la provocazione. Di cui il mondo non ha bisogno.

Il notiziario israeliano Channel 13 ha riferito che le forze militari statunitensi prenderanno parte a un'importante esercitazione militare delle forze di occupazione israeliane alla fine di questo mese simulando un attacco su larga scala contro l'Iran.

Migliaia di soldati israeliani parteciperanno all'esercitazione, denominata Chariots of Fire, a cui prenderanno parte tutti i comandi, comprese l'aviazione e la marina, e le forze regolari e di riserva, hanno ripreso ed aggiunto altri media di Israele.

Ieri, è arrivato in Israele il capo del comando centrale degli Stati Uniti, Michael Kurilla, per partecipare all'esercitazione. Riceverà un aggiornamento sugli scenari di guerra e una simulazione del dispiegamento delle forze statunitensi in Israele. Inoltre, avverrà anche la pratica dei lanci di missili di precisione .

Durante l'esercitazione, le forze di occupazione israeliane si eserciteranno anche a infliggere danni significativi alle infrastrutture del Libano, come strade, elettricità, acqua ed impianti energetici.

Lunedì scorso, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz, ha affermato che le forze armate si stavano “preparando a vari scenari contro Hezbollah e Hamas, che opera anche dal Libano”,.

Nel frattempo, una fonte iraniana anonima ha rivelato ad Al Jazeera che Teheran ha informato Tel Aviv il 21 aprile che le postazioni di tutti i siti di armi nucleari, biologiche e chimiche di Israele erano note all'Iran e che in caso di attacco da parte di Israele all’Iran, questi siti sarebbero presi di mira.

Il cablo è stato inviato tramite intermediari europei e includeva una mappa che mostrava dove si trovavano tutti gli obiettivi.

Il 18 aprile, il presidente iraniano Sayyed Ebrahim Raisi ha anche emesso un avvertimento generale secondo cui qualsiasi aggressione israeliana contro la Repubblica islamica avrebbe portato l'Iran a colpire il cuore delle terre e delle basi militari occupate da Israele.

"Sappiate solo che se la tua minima mossa si verifica contro la nostra nazione, le nostre forze armate prenderanno di mira il centro del regime sionista e il potere delle nostre forze armate non vi lascerà riposo", aveva avvertito Raisi.

Ritorniamo a capo, c’era bisogno di questa provocazione in questa regione del mondo per innescare altre tensioni?

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti