Eurodeputato Wallace: “C’è denaro per armare l’Ucraina, ma non per aiutare l’Afghanistan”

Eurodeputato Wallace: “C’è denaro per armare l’Ucraina, ma non per aiutare l’Afghanistan”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il parlamento europeo alle volte ha un senso, in particolare quando ci sono alcuni interventi che squarciano l’ipocrisia criminale dell’Unione Europea al servizio di USA e NATO.

L’europarlamentare irlandese Mick Wallace, appartenente al gruppo GUE/NGL, venerdì si è scagliato contro l'Occidente per il suo incrollabile sostegno militare all'Ucraina, chiudendo un occhio sull'urgente bisogno di aiuti alimentari dell'Afghanistan.

Intervenendo a una sessione del Parlamento europeo sull'Afghanistan, Wallace ha accusato gli Stati Uniti e la NATO per le molteplici crisi che affliggono il paese dell'Asia centrale, ricordando loro i due decenni di occupazione.

Ha infatti denunciato che gli americani e la Nato hanno distrutto il Paese e i diritti umani degli afgani durante gli oltre 20 anni della sua permanenza.

Inoltre, ha lamentato che gli americani hanno speso 300 milioni al giorno per distruggere il posto e ora stanno facendo morire di fame gli afgani.

"Né l'Unione Europea né gli americani sono disposti a dare loro tutto il denaro di cui hanno bisogno [...] Possiamo trovare tutto il denaro del pianeta per inviare armi in Ucraina, ma non possiamo sfamare gli afgani, le cui vite abbiamo distrutto negli ultimi anni ... 20 anni", ha concluso.

 

 

L'Afghanistan, paese povero e sommerso da una profonda crisi politica, si trova ora ad affrontare un disastro; Un potente terremoto di magnitudo 5,9 ha colpito mercoledì la provincia di Paktika, a circa 150 chilometri a sud di Kabul.

Il terremoto ha causato più di 1.000 morti, oltre 1.500 feriti e 2.000 case distrutte. I bambini sono i più colpiti, secondo le agenzie di aiuto umanitario e gli organismi di controllo dei diritti umani.

Di fronte a una situazione del genere, il governo talebano, che già dispone di risorse finanziarie limitate a seguito del congelamento di miliardi di beni all'estero da parte degli Stati Uniti, ha chiesto aiuto alla comunità internazionale e alle organizzazioni umanitarie.

Nel frattempo, pochi paesi hanno offerto sostegno agli afgani. Diversi voli di aiuti umanitari dall'Iran e dal Qatar sono atterrati sul suolo afghano, mentre il Pakistan ha inviato camion che trasportavano tende, forniture mediche e cibo attraverso il suo confine terrestre.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti