Evo Morales torna in Bolivia: "Finché esisteranno il capitalismo e l'imperialismo, la lotta dei popoli continuerà"

Evo Morales torna in Bolivia: "Finché esisteranno il capitalismo e l'imperialismo, la lotta dei popoli continuerà"

Dopo il colpo di stato e l'esilio in Argentina, Morales è tornato in Bolivia. Ad accoglierlo migliaia di persone

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Nelle prime ore del mattino, come ha riferito Telesur, il passaggio attraverso la strada di confine di La Quiaca (Argentina) a Villazón (Bolivia) dell'ex presidente boliviano, Evo Morales, è stato accolto da migliaia di persone al suo ritorno nel paese andino dopo quasi un anno di esilio in Argentina a seguito del colpo di stato compiuto da settori della destra boliviana con il sostegno dell'OAS nel novembre 2019.
 
L'ex presidente della Bolivia è stato salutato dal presidente dell'Argentina, Alberto Fernández. Durante un breve atto tenuto nella parte argentina (La Quiaca) del valico internazionale, Morales si è rivolto alle centinaia di persone che vi si erano radunate.
 
Nel suo discorso, Morales ha ringraziato il popolo argentino, il presidente Alberto Fernández e il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, per il loro sostegno dopo il colpo di stato. "Parte della mia vita rimane in Argentina dopo 11 mesi", ha detto l'ex presidente.
 
 


 
 
Successivamente, ha fatto riferimento alle ragioni del colpo di stato del novembre 2019: "Abbiamo recuperato le nostre risorse naturali, nazionalizzato le nostre risorse, abbiamo garantito la sovranità dello Stato. Questo è stato il nostro crimine".
"Il colpo di stato è stato un duro colpo per il nostro modello economico, per le nostre risorse naturali (...) La storia si ripete ancora, la lotta permanente per la vita, per la solidarietà, per la democrazia", ??ha ricordato. 
In un altro punto del suo discorso, Evo Morales ha ratificato l'importanza di continuare la lotta: "Finché esisteranno il capitalismo e l'imperialismo, la lotta dei popoli continuerà".
 
 
 
 
Da parte sua, il presidente argentino, Alberto Fernández, ha definito questo 9 novembre "un giorno molto importante per tutti". "È molto bello essere a La Quiaca per questo motivo: per garantire che Evo Morales torni in patria dove non avrebbe mai dovuto partire, né essere maltrattato come lui", ha aggiunto Fernández.
 
Allo stesso modo, il presidente argentino ha definito l'evento come un'esperienza per la regione, "in un momento in cui l'unità era frammentata in interessi individuali". In questo senso, ha chiesto il recupero dell'unità latinoamericana.
 
Fernández ha descritto Evo Morales come "il primo presidente dal volto boliviano", per aver rappresentato gli interessi popolari del suo Paese.
 
Durante il suo ultimo giorno in Argentina, l'ex presidente boliviano e leader del Movimento verso il socialismo (MAS) ha diffuso un messaggio attraverso i suoi social network in cui ringraziava il popolo e le autorità argentine per averlo accolto durante l'esilio. "La Bolivia ha recuperato la democrazia oggi, a un costo molto alto a causa della perdita di vite umane (...) I popoli hanno vinto e dobbiamo rimanere sempre uniti e vigili", ha avvertito Morales.
 
Evo Morales ha viaggiato dalla capitale dell'Argentina, Buenos Aires, a Jujuy (nord-ovest). In quella regione ha tenuto un incontro con il leader sociale argentino Milagro Sala.
 
Ieri, il presidente della nazione sudamericana, Alberto Fernández, ha offerto una cena di addio all'ex presidente nella città di La Quiaca, al confine con la Bolivia.
 
 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti