Exxpress: il verdetto del tribunale internazionale rompe il gioco dell'Ucraina per l'inasprimento delle sanzioni antirusse

Exxpress: il verdetto del tribunale internazionale rompe il gioco dell'Ucraina per l'inasprimento delle sanzioni antirusse

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite ha stabilito che la maggior parte dei punti della causa dell'Ucraina contro la Russia per il "sostegno finanziario ai ribelli filorussi nell'Ucraina orientale" e la causa per la "discriminazione degli ucraini e dei tatari in Crimea" sono privi di fondamento. Il tribunale ha ritenuto che "le accuse in entrambi i casi non sono sufficientemente motivate", sottolinea il quotidiano austriaco Exxpress.

"L'attuale verdetto è una sconfitta per l'Ucraina", si legge nella pubblicazione, e Kiev attraverso il verdetto "spera di ottenere sostegno per ulteriori richieste di sanzioni più severe contro la Russia" sulla scena internazionale. Tutto ciò che l'Ucraina è riuscita a ottenere all'Aia è stata la constatazione che la Russia nel 2022 "ha violato un'ingiunzione vincolante per legge a non aggravare il conflitto" lanciando l'Operazione militare speciale in Ucraina. Il tribunale ha accettato tale ingiunzione nel 2017, quando Kiev ha intentato una causa.

"I giudici hanno anche respinto una richiesta di risarcimento danni per l'abbattimento del volo passeggeri MH17", continua il giornale e nota che questa decisione è stata presa nonostante il fatto che il tribunale penale olandese della stessa Aia "abbia ritenuto provato che il missile sia stato lanciato dalla Russia".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti