F-16 puntano Jet russi in Siria

 F-16 puntano Jet russi in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L’Asia occidentale, dai cieli della Siria fino alle acque al Golfo Persico, sta diventando un vero e proprio teatro di guerra, tra gli USA da una parte e l’Iran e la Russia dall’altra.

Le provocazioni di Washington sono all’ordine del giorno e sempre più pericolose.

Secondo Mosca, ieri, uno dei suoi aerei militari è stato preso di mira dai caccia F-16 statunitensi durante un volo di linea sul confine meridionale della Siria, nell'ultima escalation tra le due superpotenze all'interno della nazione dilaniata dalla guerra.

"Dieci violazioni dello spazio aereo siriano, commesse da quattro coppie di caccia F-16 e una coppia di caccia Rafael della 'coalizione', sono state registrate nella zona di Al-Tanf, un'area in cui si trovano le rotte del traffico aereo internazionale. Allo stesso tempo, è stato registrato che un caccia F-16 ha utilizzato il suo sistema di puntamento su un aereo delle forze aerospaziali russe, che stava effettuando un volo di linea lungo il confine meridionale della Repubblica araba siriana", ha dichiarato il viceammiraglio Oleg Gurinov. capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti opposte in Siria, all’agenzia TASS.

Gurinov ha aggiunto che le forze di Washington "hanno violato i protocolli di de conflitto 12 volte nelle ultime 24 ore, inviando i suoi veicoli aerei senza equipaggio in missioni che non erano coordinate con le forze russe".

Questa è la seconda volta in meno di una settimana che Gurinov accusa le truppe di occupazione statunitensi di " violare " lo spazio aereo sopra la regione di Al-Tanf, che ospita la più grande base di occupazione di Washington all'interno della Siria.

L'avvertimento di Gurinov arriva anche pochi giorni dopo che gli Stati Uniti hanno lamentato che un aereo da combattimento russo "è volato vicino" a un aereo da ricognizione statunitense sulla Siria, costringendolo a volare in modo irregolare e "mettendo in pericolo la vita dei quattro membri dell'equipaggio statunitense".

Il Pentagono dispiega ulteriori navi da guerra, migliaia di marines nel Golfo Persico

Intanto, ieri, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha approvato il dispiegamento del gruppo di pronto intervento anfibia USS Bataan e della ventiseiesima unità di spedizione marittima nel Golfo Persico rafforzare la presenza militare strategica nella strategica via marittima.

Il gruppo di prontezza è composto da tre navi da guerra: la USS Mesa Verde, la USS Carter Hall e la USS Bataan, una nave d'assalto anfibia. Un'unità di spedizione di solito è composta da circa 2.500 marines.

Il comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) ha spiegato che questa decisione fornirà "una flessibilità e una capacità marittima ancora maggiori nella regione".

Nelle ultime settimane, il Pentagono ha anche schierato nella regione il cacciatorpediniere missilistico guidato USS Thomas Hudner e diversi squadroni di caccia F-35 e F-16.

Questi rinforzi includono aerei da combattimento stealth F-22 schierati in Giordania per affrontare quelle che sono considerate provocazioni russe.

Il capo del CENTCOM, il generale Erik Kurilla, ha ricordato che le forze aggiuntive "forniscono capacità uniche, che insieme alle nostre nazioni partner nella regione, salvaguardano ulteriormente il libero flusso del commercio internazionale e sostengono l'ordine internazionale basato su regole e scoraggiano le attività destabilizzanti iraniane nella regione".

L'Iran ha intensificato le sue operazioni contro il contrabbando di carburante nel Golfo Persico, sequestrando diverse navi negli ultimi mesi, con grande dispiacere di Washington. Teheran ha anche accusato la marina americana di proteggere i "contrabbandieri di carburante".

Negli ultimi anni, l'Iran ha intensificato le misure per combattere il contrabbando di carburante nelle acque del Golfo, una pratica esacerbata dalle dure sanzioni statunitensi sull'energia iraniana. Inoltre, Washington ha saccheggiato illegalmente diverse spedizioni di petrolio iraniano in mare negli ultimi anni. 

Come risultato di tali azioni, l'Iran ha recentemente annunciato la sua volontà di istituire una cintura di sicurezza marittima con altri Stati membri della Shanghai Cooperation Organization (SCO).

Ad aprile, Washington ha annunciato che l'USS Florida, un sottomarino di classe Ohio a propulsione nucleare con 154 missili da crociera, sarebbe stato schierato in Asia occidentale. Ciò ha fatto seguito all'estensione di un tour della portaerei USS George HW Bush, una delle dieci portaerei di classe Nimitz, le più grandi navi da guerra mai costruite.

È chiaro che con queste forze in campo l’incidente, da sempre cercato dagli Stati Uniti per le sue guerre, è inevitabile.

 

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti