Fiducia sul vaccino obbligatorio agli over 50. Alternativa occupa i banchi del Governo

Fiducia sul vaccino obbligatorio agli over 50. Alternativa occupa i banchi del Governo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Il partito di opposizione Alternativa ha occupato questa mattina i banchi del Governo contro l'ennesima fiducia, questa volta a favore dell'obbligo vaccinale per gli over 50.
 
"Abbiamo occupato i banchi del governo, perché siamo stanchi dell’abuso del ricorso alla questione di fiducia da parte dell’esecutivo. Vogliamo discutere in Aula, con i tempi previsti dalla democrazia, questo decreto che riguarda il prolungamento dello stato d’emergenza e l’obbligo di vaccinazione per gli over 50. Abbiamo provato in tutti i modi a chiedere al governo di non calpestare il Parlamento e l’unico modo che ci rimane per impedire che gli italiani vengano vessati senza la possibilità di tutelarne i diritti è quello di opporci fisicamente all’ennesima porcata dei peggiori”, denunciano i parlamentari di Alternativa.
 
 

 
Tutti i partiti dell'assemblaggio draghista continuano imperterriti a voler sostenere la sospensione della democrazia, il prolungamento ad libitum della tessera green pass, in testa PD e 5 Stelle, isolando l'Italia dal contesto di riaperture in tutta Europa e avallano le riforme lacrime e sangue che "ci chiede l'Europa", compresi i finanziamenti alle lobby del tabacco nel milleproroghe, (per tutelare la salute....), In attesa di avallare il Mes per i quattro spicci in sette anni che l'Europa magnanimamente ci presterà.
 
Qualche tentativo di riprendere la campagna elettorale si nota a destra, la devastazione della macelleria sociale è una prateria di potenziale elettorato.
 
Ma nei fatti restano parole.
 
Lo stato di emergenza termina il 31 marzo e già vede i lavoratori sospesi senza stipendio ormai incapaci di sostenere un pur bassissimo tenore di vita (causa anche i rincari insostenibili che si riflettono anche sui prezzi dei beni di prima necessità).
 
Ma evidentemente non basta.
 
L'Italia apre al turismo ma non agli italiani.
 
In commissione affari sociali è stato bocciato un sub emendamento che chiedeva l'abrogazione del green pass al termine dello stato di emergenza.
 
Perché dopo la fine dello stato di emergenza dovrebbe continuare ad essere obbligatorio il vaccino per gli over 50?
 
Ormai tutti i virostar, da Crisanti a Bassetti, affermano che bisogna riaprire adesso e che le persone ospedalizzate non sono no vax.
 
Quindi?
 
Che logica c'è in questa follia?
 
Dopo la fine dello stato di emergenza, che senso ha multare il cinquantenne che non ha fatto il cosiddetto ciclo completo (prima, seconda e terza dose) e non si è prenotato per la quarta?

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti