Fratelli d'Italia e quell'emendamento per "mettere al bando il comunismo"

Fratelli d'Italia e quell'emendamento per "mettere al bando il comunismo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sulla scia dell'infame provvedimento votato dal parlamento europeo un anno fa, Fratelli d'Italia ha presentato alla Camera un emendamento per mettere al bando il comunismo. È un fatto noto: l'ossessione anticomunista è dura a morire, anche ora che non esistono in Italia partiti di ispirazione marxista realmente in grado di condizionare la vita politica italiana.
 
Possiamo del resto dire che la legge proposta da FdI sia già da tempo in vigore. Non in modo formale, sia chiaro. Sappiamo però che la prospettiva comunista è sempre stata considerata dal potere dominante come un qualcosa di ostile, da marginalizzare, da escludere con ogni mezzo.
 
Se in Italia è esistito un grande partito comunista questo lo si deve alle particolari condizioni storiche del secondo dopoguerra, all'abilità di un gruppo dirigente temprato ad affrontare i nemici più temibili e all'esistenza di una forza popolare di massa capace, pur con tante difficoltà, a coniugare l'uno col molteplice, l'universalismo umanitario con il rispetto della persona, la lotta di classe con la democrazia.
 
Questa declinazione italiana del marxismo è ancora oggi temutissima. Sul piano simbolico riscatta infatti la vicenda del movimento operaio internazionale dalle deriva del comunismo sovietico. Mentre sul piano politico rappresenta l'unico modello capace di riconoscere nel conflitto di classe la precondizione di qualsiasi iniziativa strategica.
 
FdI nella sua rozzezza e cialtroneria risponde dunque a un'esigenza molto antica, radicata nella storia italiana e presente nelle élite culturali, persino quelle "de sinistra". Il pensiero marxista, anche quello più rozzo e volgare, mette del resto di fronte a un problema che molti vogliono nascondere, e cioè che lo sfruttamento, la povertà, le ingiustizie, il razzismo, la marginalizzazione di determinati gruppi sociali hanno - pur con mille mediazioni - una radice materiale, sono cioè legati ai processi economici.
 
La sinistra o, per dirla con Piketty, la "sinistra intallettuale benestante" condivide oggi con la destra proprietaria dei liberali e quella post missina di Meloni l'interesse che questo tema materialistico resti occultato. Secondo la loro narrazione, le ingiustizie non sarebbero dovute allo sfruttsamento dei pochi sui molti, ma da ragioni morali, dai cattivi comportamenti dei singoli.
 
Ecco, la legge proposta da FdI, checché se ne pensi, è l'espressione di un punto di vista trasversale. Non è da escludere che possa essere approvata, magari anche con lo stesso sostegno del Partito Democratico che al parlamento europeo ha votato con l'estrema destra la messa al bando del comunismo.

Paolo Desogus

Paolo Desogus

Professore associato di letteratura italiana contemporanea alla Sorbonne Université, autore di Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema per Quodlibet.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti