G20: l'ultimo valzer di un mondo in pezzi

G20: l'ultimo valzer di un mondo in pezzi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un articolo del diplomatico M.K. Bhadrakumar, già ambasciatore indiano in Uzbekistan e Turchia, getta luce sulla complessa interazione tra India, Russia, Cina e Stati Uniti in vista del prossimo vertice del G-20 in programma a New Delhi nei giorni 9-10 settembre. Un vertice dove spiccano le assenze dei leader di Cina e Russia, Xi Jinping e Putin, con il governo indiano di Modi che incassa il forfait senza farsi cogliere di sorpresa perché coscio si tratti di un vertice che non ha più la stessa rilevanza di un tempo. Inoltre attualmente gli Stati Uniti si sono lanciati in una nuova guerra fredda contro Mosca e Pechino e quindi i leader di Cina e Russia non abbiano intenzione di interagire con il presidente USA Joe Biden. 

In un mondo in rapida evoluzione l’Occidente non ha più la centralità che poteva avere un tempo. 

Questo l’articolo completo in italiano: 

Il governo Modi non è perplesso per l'assenza del presidente russo Vladimir Putin e del presidente cinese Xi Jinping al vertice del G20 del 9-10 settembre. La sua cognizione intuitiva aiuta a essere stoici. Si tratta, probabilmente, di una situazione shakespeariana: "Sono nel sangue / Ho fatto un passo così lungo che, se non dovessi più guadare, / tornare indietro sarebbe noioso come andare oltre".

I diplomatici indiani di alto livello hanno già capito da tempo che un evento concepito nel mondo di ieri, prima dell'arrivo della nuova guerra fredda, non avrebbe avuto la stessa portata e significato oggi.

Eppure, Delhi deve sentirsi delusa, perché le compulsioni di Putin o Xi Jinping non hanno nulla a che fare con le relazioni dei loro Paesi con l'India. Il governo ha fatto un ragionamento burocratico: "Il livello di partecipazione ai vertici globali varia di anno in anno. Nel mondo di oggi, con così tante richieste di tempo da parte dei leader, non è sempre possibile per ogni leader partecipare a ogni vertice".

Detto questo, l'amministrazione di Delhi sta dando una bella ripulita alla città, rimuovendo le baraccopoli dalla vista del pubblico, aggiungendo nuovi allettanti cartelloni per attirare l'attenzione dei leader stranieri e persino allineando vasi di fiori lungo le strade dove passano i loro cortei.

Non bisogna essere uno scienziato missilistico per capire che il filo conduttore delle decisioni prese a Mosca e a Pechino è che le loro leadership non sono minimamente interessate a interagire con il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che si accamperà a Delhi per quattro giorni con tutto il tempo a sua disposizione per qualche incontro strutturato, come minimo, qualche "tirata d'orecchie" e cose simili che potrebbero essere riprese dalle telecamere.

Le considerazioni di Biden sono di natura politica: tutto ciò che aiuta a distogliere l'attenzione dalla tempesta che si sta scatenando nella politica statunitense e che minaccia di culminare con l'impeachment, che a sua volta potrebbe compromettere la sua candidatura alle elezioni del 2024.

Naturalmente, questo non è il momento di Biden come Lyndon Johnson. Johnson prese la tumultuosa decisione, nel marzo 1968, di ritirarsi dalla politica come un forte passo verso la guarigione delle spaccature della nazione, pur soffrendo profondamente per il fatto che "ora c'è divisione nella casa americana".

Ma Biden è tutt'altro che un visionario. Stava preparando una trappola per Putin per rafforzare la sua falsa narrativa secondo cui se solo quest'ultimo fosse sceso dal suo cavallo di battaglia, la guerra in Ucraina sarebbe finita da un giorno all'altro, mentre da parte sua il Cremlino è ben consapevole che la Casa Bianca continua a essere il più forte sostenitore della tesi che una guerra prolungata indebolirebbe la Russia. In effetti, Biden si è spinto a livelli straordinari, che nessuno dei suoi predecessori ha mai osato raggiungere, favorendo gli attacchi terroristici ucraini nelle profondità della Russia.

In un certo senso, anche Xi Jinping si trova di fronte a una trappola, poiché l'amministrazione Biden sta facendo di tutto per mostrarsi conciliante nei confronti della Cina, come testimonierebbe la fila di funzionari statunitensi diretti a Pechino di recente: il Segretario di Stato Antony J. Blinken a giugno, il Segretario al Tesoro e inviato per il clima John Kerry a luglio e il Segretario al Commercio Gina Raimondo ad agosto.

Martedì il New York Times ha pubblicato un articolo intitolato ‘U.S. Officials Are Streaming to China. Will Beijing Return the Favor?’ Il giornale ha criticato Pechino:

"La Cina ha molto da guadagnare dall'invio di funzionari negli Stati Uniti. Segnalerebbe al mondo che sta facendo uno sforzo per allentare le tensioni con Washington, soprattutto in un momento in cui la Cina ha bisogno di rafforzare la fiducia nella sua economia traballante. Una visita potrebbe anche contribuire a gettare le basi per un potenziale, attesissimo incontro tra il presidente Biden e il massimo leader cinese, Xi Jinping, in occasione di un forum a San Francisco a novembre.

"Pechino, tuttavia, non si è impegnata".

Il punto è che, per tutto questo tempo, Washington ha anche incessantemente deriso e provocato Pechino con bellicosità e con mezzi calcolati per indebolire l'economia cinese e incitare Taiwan e i Paesi dell'ASEAN a schierarsi come alleati degli Stati Uniti nell'Indo-Pacifico, oltre a diffamare la Cina.

Sia Putin che Xi Jinping hanno imparato a proprie spese che Biden è un maestro del linguaggio doppio, che dice una cosa a porte chiuse e si comporta in modo completamente opposto, spesso scortese e offensivo a livello personale in un'esibizione senza precedenti di diplomazia pubblica becera.

Naturalmente, il simbolismo della "riconciliazione" tra Stati Uniti e Russia sul suolo indiano, per quanto artificioso, non può che giocare a favore di Washington per allontanare Modi dalla partnership strategica estremamente importante dell'India con la Russia, in un momento in cui le suppliche dell'Occidente sull'Ucraina non sono riuscite a ottenere risonanza nel Sud globale.

La malintesa partecipazione dell'India ai recenti "colloqui di pace" a Gedda (che in realtà è stata un'idea dell'NSA della Casa Bianca Jake Sullivan) ha creato l'errata percezione che il governo Modi "farà parte dell'attuazione della formula di pace in 10 punti proposta dal presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy e i dettagli sono in fase di discussione".

Sia Mosca che Pechino saranno estremamente caute nei confronti delle trappole dell'amministrazione Biden volte a creare incomprensioni nelle loro relazioni reciproche e a creare percezioni errate sulla stabilità delle relazioni strategiche russo-cinesi in un momento critico in cui Putin si prepara a visitare Pechino.

La possibile visita di Putin in Cina a ottobre può essere considerata una risposta alla visita di Xi Jinping a marzo a Mosca, ma ha un contenuto sostanziale, come dimostra l'invito di Pechino a essere l'oratore principale del terzo Belt and Road Forum che segna il decimo anniversario della comparsa della BRI nelle politiche estere cinesi.

Sebbene nel 2015 Putin e Xi abbiano firmato una dichiarazione congiunta sulla cooperazione per "collegare la costruzione dell'Unione Economica Eurasiatica e della Cintura Economica della Via della Seta", finora il sostegno di Mosca alla BRI è stato più che altro di carattere dichiarativo, a corto di adesioni. La parte cinese, quando è opportuno, cita la Russia come Paese della Belt and Road, mentre Mosca si limita ad aderire alle formulazioni precedenti.

La situazione potrebbe cambiare con la visita di Putin in ottobre e, in tal caso, potrebbe essere un cambiamento storico per le dinamiche del partenariato sino-russo e per il flusso della politica internazionale nel suo complesso.

I diplomatici indiani sperano di poter produrre un documento congiunto che superi le contraddizioni, che non riguardano solo l'Ucraina, ma anche il cambiamento climatico, gli obblighi di indebitamento dei mercati emergenti, gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, la trasformazione digitale, la sicurezza energetica e alimentare, e così via. La linea conflittuale dell'Occidente collettivo rappresenta un ostacolo importante.

I ministri degli Esteri del G20 non sono riusciti ad adottare una dichiarazione congiunta e le delibere, sotto le pressioni dei Paesi del G7, "si sono allontanate in dichiarazioni emotive", come ha poi affermato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov. Putin e Xi probabilmente non si aspettano soluzioni innovative dal vertice del G20.

È molto probabile che l'imminente evento di Delhi di questo fine settimana possa rivelarsi l'ultimo valzer di questo tipo tra i cowboy del mondo occidentale e il sempre più irrequieto Sud globale. La rinascita della lotta anticoloniale in Africa è minacciosa. Ovviamente, Russia e Cina stanno puntando sul blocco BRICS.

 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti