Georgia: i ministri degli Esteri di Islanda, Lituania ed Estonia in piazza con opposizione

Georgia: i ministri degli Esteri di Islanda, Lituania ed Estonia in piazza con opposizione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis è sbarcato nella giornata di mercoledì nella capitale georgiana Tbilisi, insieme ai suoi omologhi di Lettonia, Estonia e Islanda, per tenere incontri con le autorità ed esprimere il proprio rifiuto della nuova legge sugli agenti stranieri, approvata dal Parlamento il giorno precedente.

"Il governo georgiano ha dimostrato ancora una volta di aver deciso di voltare le spalle al percorso europeo e transatlantico, ma l'unica direzione in cui può muoversi è quella della Russia. Questo è particolarmente triste", le parole di Landsbergis. Allo stesso tempo, ha parlato ai manifestanti di opposizione georgiani assicurando loro che sostiene la "Georgia europea", dato che la nazione ha chiesto di entrare nel blocco nel 2022 e ha ottenuto lo status di candidato lo scorso anno.

Secondo Landsbergis, l'obiettivo della visita era dimostrare al governo georgiano che con le sue decisioni sta abbandonando il "percorso europeo". I ministri degli Esteri hanno incontrato il presidente georgiano Salome Zurabishvili, il presidente del Parlamento Shalva Papuashvili, il ministro degli Esteri Ilya Darchiashvili e altri funzionari.

Dopo l'incontro, Papuashvili ha riferito che la parte georgiana "ha spiegato le basi della legge" ai funzionari europei, affermando che la legge è necessaria per risolvere il problema della trasparenza nell'uso dei fondi, compresi quelli dell'UE.

Le autorità georgiane protestano

La partecipazione dei ministri degli Esteri di Islanda, Lituania ed Estonia alla manifestazione contro la legge sugli agenti stranieri davanti al palazzo del Parlamento di Tbilisi è un passo ostile e contribuisce alla polarizzazione della società. Questo è quanto affermato da Kakha Kaladze, segretario generale del partito di governo Sogno Georgiano - Georgia Democratica e sindaco di Tbilisi. 

"Questa non è amicizia, è inimicizia, è un tentativo di approfondire la polarizzazione nel Paese. Come si può pensare che il nostro ministro degli Esteri, in modo condizionato, vada a Erevan e parli a una manifestazione dell'opposizione? Che tipo di atteggiamento è questo?" - ha detto nel corso della trasmissione del canale televisivo Rustavi-2, trasmessa su YouTube.

Il presidente del Parlamento georgiano Shalva Papuashvili, in un post su Facebook, ha accusato i politici occidentali di tentare di rovesciare il governo georgiano, in quanto si sono rivolti a "un gruppo di giovani agitati che si stanno rivoltando contro il governo da parte dei partiti radicali di opposizione". Papuashvili ha sottolineato che le azioni dei ministri sono state inaspettate e inappropriate.

Il primo vice rappresentante permanente della Federazione Russa presso le Nazioni Unite, Dmitriy Polyanskiy, ha dichiarato che il fatto che i ministri degli Esteri abbiano guidato manifestazioni contro la legge sugli agenti stranieri a Tbilisi non è insolito. Ha ricordato che la stessa cosa è accaduta in Ucraina durante i tristemente noti accadimenti di Maidan.

Il Parlamento georgiano ha adottato la legge sugli agenti stranieri in terza e ultima lettura il 14 maggio. Ottantaquattro deputati hanno votato a favore della legge, 30 contro. Durante la discussione della bozza di documento, il parlamento ha dovuto sospendere la sessione - i deputati della maggioranza e dell'opposizione Movimento nazionale unito si sono scontrati. La Presidente del Paese Salome Zurabishvili ha poi dichiarato che intende porre il veto sul progetto di legge adottato.

La Commissione europea e il capo della diplomazia europea Josep Borrell, in una dichiarazione congiunta, hanno osservato che l'adozione della legge sugli agenti stranieri da parte delle autorità georgiane influirà negativamente sul processo di integrazione del Paese nell'Unione europea (UE). Pertanto, la domanda di adesione della Georgia all'UE potrebbe essere congelata a causa della legge sugli agenti stranieri.

La situazione intorno alla legge ha provocato un'ondata di proteste da parte delle forze di opposizione. 

----

LETTURA CONSIGLIATA

LA TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti