Giornalista Times: La CIA appoggia i miei rapitori in Siria

Giornalista Times: La CIA appoggia i miei rapitori in Siria

Un giornalista britannico rapito in Siria nel 2014, ha rivelato che è stato rapito dai ribelli sostenuti dalla CIA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In un articolo pubblicato ieri, Anthony Lloyd, giornalista del Times che ha coperto il conflitto in Siria, ha annunciato di aver recentemente riconosciuto che lo ha sparato e rapito in un video dove si mostra i ribelli "appartenenti ad un gruppo sostenuto dalla CIA."
 
Secondo Lloyd, il rapitore lo prese in ostaggio accusandolo di spionaggio a favore della CIA, ma, nel rivedere questo video, si è reso conto che la stessa persona stava lavorando per la CIA all'interno dell'organizzazione dei ribelli siriani.


 
Durante la sua cattura, il giornalista ha subito un colpo alla gamba e il suo collega Jack Hill è stato duramente colpito, si legge sul quotidiano britannico. Entrambi i giornalisti sono stati rilasciati in seguito per ordine di un comandante ribelle locale.

 
"Mi ha sparato in mezzo alla folla, dopo avermi picchiato selvaggiamente, accusandomi di essere una spia della CIA. Ora, a quanto pare, lavora per lei", ha spiega Lloyd, notando che gli sparò per due volte da "distanza ravvicinata" mentre lui era legato.
 
Inoltre, il giornalista britannico ha riferito che questa persona apparteneva a uno dei gruppi armati appoggiati dagli USA e presumibilmente hanno combattuto con i terroristi dell'ISIS (Daesh in arabo) in Siria.
 

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti