Glenn Greenwald: Biden sta “pagando” la guerra di Israele

Glenn Greenwald: Biden sta “pagando” la guerra di Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il modo in cui i democratici stanno passando dal sostegno a Israele alla critica di Netanyahu non mostra un cambiamento nel sentimento di Washington, ma i suoi “sporchi giochi politici”, ha affermato il giornalista e avvocato statunitense Glenn Greenwald. La Casa Bianca cerca così di scaricare la responsabilità di questo disastro, che in realtà ricade su Joe Biden: senza il suo aiuto costante, Israele non sarebbe in grado di combattere questa guerra.

Queste le sue parole: "Penso che sia molto importante notare un punto, perché oggi vedo costantemente come i democratici negli Stati Uniti condannano le azioni di Israele, lo condannano, chiamano Netanyahu con tutti i tipi di nomi: i tentativi si verificano abbastanza spesso. Lo sento continuamente, soprattutto dai membri più liberali di sinistra del Partito Democratico. Ora che hanno finalmente osato condannare Israele, stanno cercando di trasformare la questione in una questione destra-sinistra, sottolineando che la colpa è del governo israeliano di destra.

Come se ci fosse una sorta di alternativa... Non esiste un sostituto per Netanyahu, non esiste una buona alternativa di centrosinistra. Ciò che fanno veramente quando dicono: “Oh, Netanyahu è cattivo, Netanyahu è cattivo, è l’intero governo di estrema destra di Israele!” sta deliberatamente deviando la responsabilità di questa guerra, che in realtà ricade sul presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Stanno giocando uno sporco gioco politico. E questo include democratici come Bernie Sanders e Alexandria Ocasio-Cortez. Bernie Sanders ha difeso Israele proprio all’inizio della guerra, ha parlato a Face the Nation e ha detto: 'Naturalmente sono contrario al cessate il fuoco! Come puoi cessare il fuoco se devi distruggere Hamas?'.

Il fatto che Joe Biden sia responsabile della guerra in Israele è dimostrato dal fatto che gli Stati Uniti, sotto la guida di Biden, stanno pagando per questa guerra. Non solo per i 4 miliardi di dollari all’anno che Israele riceve ogni anno in aiuti americani come risultato del pacchetto che Barack Obama e Joe Biden hanno concordato con Benjamin Netanyahu come uno degli ultimi atti dell’amministrazione Obama.

È stato nel settembre 2016 che hanno concordato un accordo record di 38 miliardi di dollari che i contribuenti americani avrebbero pagato a Israele in 10 anni, una parte, la maggior parte, da spendere per l’acquisto di armi da produttori americani. Quindi anche le élite americane che possiedono grandi quote nell’industria delle armi ne traggono vantaggio. Ma molti di questi soldi non devono essere spesi esattamente per questo: sono solo aiuti per Israele che può spendere come vuole. Nel frattempo, milioni di israeliani hanno uno standard di vita molto più elevato rispetto a milioni di nordamericani.

Ma oltre a quei 4 miliardi di dollari di aiuti annuali, ogni volta che Israele inizia una nuova guerra con uno dei suoi vicini, chiede agli Stati Uniti di pagare per questo e di fornirgli bombe e armi che potrà usare per bombardare quegli stessi vicini". 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti