/ Gli Stati Uniti seguono la stessa roadmap ucraina e siriana per i...

Gli Stati Uniti seguono la stessa roadmap ucraina e siriana per il golpe in Venezuela

 

"Un altro sanguinoso campo di battaglia della rivoluzione colorata"?


di Whitney Webb* - MintPress



Dalla decisione dell'amministrazione Trump di riconoscere un membro dell'opposizione venezuelana, Juan Guaidó, come "presidente ad interim" non eletto per rovesciare l'attuale governo del Venezuela guidato da Nicolás Maduro, la situazione nel paese sudamericano è diventata sempre più tesa.



Nonostante l'enorme pressione che il suo governo affronta, da fonti locali e internazionali, Maduro è riuscito a mantenere la sua posizione, grazie a una combinazione di fattori. Questi includono la lealtà dei militari ben armati del paese, oltre al sostegno popolare dei venezuelani che hanno recentemente votato per Maduro, così come dei venezuelani a cui potrebbe non piacere Maduro, ma che lo preferiscono ad un politico scelto e imposto loro dagli Stati Uniti.

Eppure, la lunga campagna degli USA per effettuare il cambio di regime in Venezuela - (una campagna che è in corso da quando Hugo Chávez, il predecessore e mentore di Maduro, è stato eletto nel 1998) - ha dimostrato più volte che gli Stati Uniti non sono disposti ad abbandonare l'obiettivo di installare un governo "amico" nel Paese più ricco di petrolio del mondo. 

Per questo motivo, se il tentativo dell'amministrazione Trump di imporre con questa modalità un "proprio' presidente venezuelano, non riuscisse a produrre il risultato voluto (cambio di regime), è legittima la preoccupazione sostanziale che gli Stati Uniti possano utilizzare altri mezzi per provocare un cambiamento nel governo del Venezuela, inclusa l'istigazione di una nuova guerra per procura.

Sebbene l'intervento militare diretto degli Stati Uniti non sia stato escluso, è stato a lungo considerato più probabile, (poiché hanno sempre spodestato i governi latinoamericani di sinistra attraverso golpe di destra), che gli USA avrebbero seguito le stesse tabelle di marcia utilizzate per spingere per il cambio di regime sia in Siria che in Ucraina. In altre parole, il pericolo di un'altra grande guerra per procura - questa volta in America Latina - incombe in modo evidente e, proprio come è emerso in Siria e Ucraina, la produzione di un simile conflitto finirebbe di nuovo per coinvolgere sia gli Stati Uniti che la Russia e la Cina, (che hanno investito molto in Venezuela, e per estensione nell'attuale governo), per quasi due decenni.

Altrettanto preoccupante è il fatto che gli Stati Uniti hanno già posto molte basi per una simile guerra per procura e la situazione caotica sul confine tra Venezuela e Colombia offre all'intelligence americana una copertura sufficiente per incanalare armi, denaro e personale in Venezuela per destabilizzare ulteriormente il Paese. Secondo Maduro, gli Stati Uniti lo stanno già facendo da circa un anno.


Si alza la temperatura e la posta in gioco

Juan Guaidó, un nuovo arrivato alla politica venezuelana e membro fondatore del partito politico della Volontà Popolare, si è dichiarato il nuovo presidente del Venezuela, una mossa che è stata rapidamente sostenuta dagli Stati Uniti e, di conseguenza, da tutti i paesi strettamente alleati gli Stati Uniti in tutte le Americhe, Nord e Sud.

La decisione degli Stati Uniti di sostenere Guaidó, come è stato sottolineato da molti analisti nei giorni scorsi, è stata significativa, in quanto mostra un chiaro sforzo da parte degli Stati Uniti per portare la situazione già debole del paese ad un punto di implosione. Infatti, creando due governi all'interno del Venezuela, la conseguenza più evidente è quella di approfondire la spaccatura nella società venezuelana, costringendo i cittadini del paese a scegliere tra due parti.

Anche se il tempo relativamente breve di Guaidó nella politica nazionale venezuelana gli dà il vantaggio di avere relativamente poco bagaglio politico, la sua associazione con il Partito della Volontà Popolare, noto come Volunted Popular in spagnolo, rende chiaro perché ha così rapidamente vinto il sostegno degli Stati Uniti.

Il partito popolare Will è stato fondato dall'influente venezuelano di opposizione Leopoldo López . Lopez è un membro delle alte sfere dell'aristocrazia politica venezuelana, educato in istituzioni d'élite come la Hun School of Princeton, un collegio privato i cui alunni includono principi sauditi e figli di presidenti degli Stati Uniti e amministratori delegati di Fortune 500. Ha frequentato il Kenyon College in Ohio e poi la John F. Kennedy School of Government di Harvard. 


Alcuni giornalisti hanno affermato che López ha iniziato una relazione con la CIA mentre era a Kenyon.

Pochi anni dopo aver iniziato la sua carriera politica, López - (immediatamente prima del colpo di stato fallito del 2002, a cui partecipò con entusiasmo) - iniziò a recarsi a Washington piuttosto frequentemente "per visitare la sede dell'Iri (International Republican Institute) e incontrare i funzionari dall'amministrazione di George W.Bush", secondo la giornalista Eva Golinger . L'IRI è una delle tre fondazioni che comprende National Endowment for Democracy, una ONG finanziata dal governo statunitense e collegata a numerose attività per il cambio di regime all'estero, tra cui l'Egitto (2013) e l'Ucraina (2014). In particolare, l'IRI, insieme al National Democratic Institute (NDI), entrambi hanno finanziato il popolare Will dalla sua fondazione nel 2010. López è attualmente il coordinatore nazionale del partito.

Mentre la decisione degli Stati Uniti di appoggiare Guaidó è stata innegabilmente un tentativo di intensificare la gravità della situazione in Venezuela, gli Stati Uniti hanno anche chiarito che intendono continuare a spingere per l'escalation. Infatti, hanno chiesto ufficialmente sabato una riunione del Consiglio di sicurezza dell'ONU "per discutere della crisi in corso in Venezuela". L'ambasciatore delle Nazioni Unite sudafricano Jerry Matjila ha dichiarato che le "consultazioni" tra il Consiglio di sicurezza e il Segretario di Stato americano Mike Pompeo saranno chiuse , anche se i rapporti successivi hanno sostenuto che l'incontro sarebbe stato aperto . L'incontro, se approvato da 9 dei 15 stati membri, spingerà probabilmente i paesi a scegliere tra Guaidó e Maduro.

Dato che Regno Unito, Spagna e Germania hanno già sostenuto Guaidó per volere degli Stati Uniti, è probabile che seguiranno altre nazioni europee, il che significa che la pressione internazionale di fronte al governo guidato da Maduro continuerà a crescere dopo gli eventi di sabato. Quindi, oltre a costringere i venezuelani a scegliere le parti, gli Stati Uniti probabilmente - nel fine settimana - costringeranno la comunità internazionale a schierarsi.

In particolare, i paesi chiave - tra cui Turchia, Russia, Cina e gli alleati regionali di Maduro come Messico, Nicaragua, Bolivia e Cuba - hanno appoggiato Maduro. Data la presenza sia della Russia che della Cina, che detengono il potere di veto sul Consiglio di sicurezza dell'ONU, qualsiasi risoluzione da parte di quell'organismo che sosterrà Guaidó sarà morta all'arrivo. Tuttavia, se gli Stati Uniti sono in grado di ottenere il sostegno di un numero significativo di paesi nel tentativo di ritirare la "legittimità" di Maduro - con mezzi diplomatici o più energici - l'amministrazione Trump può sentirsi abbastanza sicura di poter prendere in mano le cose. Ciò spiega i recenti commenti di un alto funzionario Trump, che afferma che "tutte le opzioni sono sul tavolo" per quanto riguarda il Venezuela, parti uguali significative e agghiaccianti.


Lavoro di base per il cambio di regime in stile Siria / Ucraina già posto in Venezuela


Nel perseguimento di programmi di cambio di regime all'estero e nell'ambito di una più ampia strategia di contenimento rivolta a Russia e Cina, gli Stati Uniti hanno seguito una tabella di marcia recentemente, che include alcuni o tutti i seguenti elementi: la produzione di una giustificazione "umanitaria" per il cambio di regime; incanalamento di armi e armi nel paese attraverso i suoi confini esteri; finanziamento di massa dell'opposizione politica; coinvolgimento segreto delle agenzie governative degli Stati Uniti, in particolare della CIA.

Nel caso della Siria, una rivolta sostenuta dalla CIA, insieme a media internazionali e una complessa rete di organizzazioni "umanitarie" a favore del regime, sono state fondamentali nel creare la situazione attuale, che è stata ulteriormente esacerbata dall'afflusso di armi e fondi per "ribelli moderati" attraverso la CIA e in seguito gli alleati degli Stati Uniti. Alcuni anni dopo, l'Ucraina seguì una tabella di marcia distinta ma simile. Come notato lo scorso anno dal Fronte meridionale , l'operazione di cambio di regime sostenuta dagli USA in Ucraina nel 2014 ha comportato un ruolo fuori misura dal Dipartimento di Stato americano, miliardi di dollari in finanziamenti USA dell'opposizione politica e il coinvolgimento iniziale della CIA.

Non sorprende che molti di questi elementi siano attualmente in gioco in Venezuela. Dal compianto Hugo Chávez alle elezioni del 1998, gli Stati Uniti hanno finanziato l'opposizione venezuelana con oltre 100 milioni di dollari . La giustificazione umanitaria è stata a lungo messa in gioco dai media internazionali, che hanno posto la sola responsabilità della crisi economica e politica del Venezuela sul governo guidato da Maduro, nonostante il ruolo delle sanzioni e della guerra economica degli Stati Uniti , così come il governo degli Stati Uniti e il Venezuela. gruppi di opposizione finanzia la collusione per creare le condizioni dell'attuale crisi politica al fine di facilitare il loro piano di cambiamento di regime.

Anche se quest'ultimo punto è meno noto, è stato confermato in seguito ad una conversazione telefonica del 2013 trapelata di Maria Corina Machado, un'altra figura chiavenell'opposizione venezuelana finanziata dagli Stati Uniti e un altro alleato politico di alto livello di Guaidó e del suo socio Leopoldo López. Nella conversazione trapelata, Corina Machado descrive ciò che Ramon Guillermo Aveledo, il presidente del gruppo ombrello dell'opposizione Mesa de la Unidad Democrática, ha detto al Sottosegretario per gli affari latinoamericani Roberta Jacobsen, che aveva recentemente incontrato a Washington. 
Durante la chiamata, Corina Machado ha dichiarato:

"Ho scoperto che Ramon Guillermo Aveledo ha detto al Dipartimento di Stato che l'unico modo per risolvere questo problema è provocare e accentuare una crisi, un colpo di stato o un colpo di stato. O un processo di serraggio delle viti e addomesticamento per generare un sistema di controllo sociale totale".

Inoltre, vi sono prove sostanziali del fatto che la situazione ancora caotica sul confine tra Venezuela e Colombia offre molte opportunità alle agenzie di intelligence statunitensi di incanalare armi, insorti e altri agenti di destabilizzazione in Venezuela. Inoltre, il conflitto potrebbe potenzialmente essere usato come pretesto per un ruolo diretto delle forze armate statunitensi nell'escalation della situazione in Venezuela.

Per decenni, il confine venezuelano-colombiano è stato teatro di violenze considerevoli, in gran parte dovute alla lotta tra i gruppi paramilitari di sinistra e di destra in lizza per il controllo del traffico di droga regionale. È sempre più poroso, consentendo il flusso di combattenti paramilitari, migranti, contrabbandieri e altri tra le due nazioni, con il risultato di varie controversie che hanno visto Maduro chiudere il confine da agosto 2015 a luglio 2016 a seguito di un attacco da parte di un gruppo colombiano sull'esercito venezuelano .

Da allora, la violenza alimentata dalla droga e le preoccupazioni colombiane sull'esodo dei migranti venezuelani hanno portato la Colombia a militarizzare sempre più il suo lato del confine, anche se alcuni analisti hanno affermato che le recenti violenze del gruppo paramilitare di sinistra dell'Esercito di Liberazione Nazionale (ELN) ha condotto il colombiano e le autorità venezuelane a lasciare le maggiori distese del confine "al suo destino".

La precaria situazione al confine tra Venezuela e Colombia è un punto debole, attraverso il quale gli attori statali che desiderano destabilizzare il Venezuela potrebbero agevolmente agire. Alcune prove, tra cui l'incidente sopra menzionato nell'agosto 2015, suggeriscono che tale azione ha già avuto luogo. Ad esempio, nel marzo 2017, le forze armate venezuelane hanno smantellato un campo paramilitare di destra vicino al confine colombiano, che è stato rifornito con numerosi rifornimenti tra cui divise venezuelane rubate, uniformi militari colombiane e, soprattutto, uniformi dell'esercito americano. A quel tempo, Telesur affermava che la scoperta "sostiene che l'esercito americano sta addestrando i paramilitari di destra a diffondere il terrore nella regione".

Più recentemente, l'anno scorso, Maduro ha affermato che i gruppi paramilitari colombiani stavano "filtrando" il confine colombiano-venezuelano e avevano programmato di "effettuare una serie di provocazioni" prima di essere intercettati dalle autorità venezuelane. A quel tempo, aveva accusato gli oligarchi colombiani e il governo degli Stati Uniti di orchestrare le "infiltrazioni".

Anche se alcuni potrebbero scegliere di scontare le affermazioni di Maduro, la CIA ha ammesso essenzialmente nel 2017 che stava attivamente tentando di fomentare il cambio di regime in Venezuela. Nel luglio dello stesso anno, Mike Pompeo - allora direttore della CIA - dichiarò:

"Siamo molto fiduciosi che possa esserci una transizione in Venezuela e noi, la CIA, stiamo facendo del suo meglio per capire la dinamica lì, in modo che possiamo comunicare al nostro Dipartimento di Stato e agli altri ".

Ha poi aggiunto:

"Ero appena stato a Città del Messico e Bogotà, una settimana prima, parlando di questo problema, cercando di aiutarli a capire le cose che potevano fare in modo da ottenere risultati migliori per la loro parte del mondo e la nostra parte del mondo".

Inoltre, mentre la frontiera venezuelana-colombiana può essere utilizzata per destabilizzare la situazione con mezzi più segreti, l'attuale situazione lungo il confine potrebbe anche fornire agli Stati Uniti una giustificazione per intervenire militarmente. Infatti, la presenza del gruppo ELN sia in Venezuela che in Colombia ha portato figure notabili degli Stati Uniti - come l'architetto dell'attuale colpo di stato, il senatore Marco Rubio (R-FL) - ad offrirle come ragioni per elencare il Venezuela come "stato" sponsor "del terrore.



Rubio sta spingendo affinché il Venezuela venga aggiunto per mesi alla lista degli Stati sostenitori dello stato del terrorismo . Sabato scorso, tuttavia, Rubio ha affermato in un tweet che ELN "opera dal Venezuela dove Maduro ha dato loro un porto sicuro", sebbene il gruppo sia ugualmente attivo sia in Colombia che in Venezuela, i soldati venezuelani sono spesso bersaglio di attacchi ELN e pro-Maduro Gli sbocchi del Venezuela spesso caratterizzano l'ELN come un "gruppo illegale".

Sebbene Rubio non fornisse prove a sostegno dell'indicazione che Maduro ha dato ai membri dell'ELN un "porto sicuro", la crescente forza del gruppo e le sue tattiche violente potrebbero essere solo il pretesto che gli Stati Uniti oi suoi alleati regionali avrebbero bisogno di intervenire più direttamente in Venezuela, soprattutto considerando che i think tank collegati agli Stati Uniti hanno affermato che l'ELN è ora presente nella metà del Venezuela. In effetti, rendere il Venezuela uno "sponsor di stato del terrorismo" ufficiale consentirebbe agli Stati Uniti di aumentare notevolmente la pressione sul paese, sia economicamente che diplomaticamente.

 
Altri eventi che si sono verificati negli ultimi anni hanno suggerito che un ruolo per l'esercito americano è anche nelle carte - una possibilità solo rafforzata dall'emergente narrativa dello "sponsor di stato" già messa in campo dal senatore Rubio. Ad esempio, nel 2017, l'esercito statunitense ha tenuto una grande esercitazione militare e ha stabilito una base militare "temporanea" in prossimità del Venezuela con i governi di Colombia, Perù e Brasile. Da allora, dopo la recente elezione di Jair Bolsonaro in Brasile, un funzionario colombiano ha dichiarato: “Se Bolsonaro aiuta rovesciare Maduro con un intervento militare, egli avrà il sostegno della Colombia.” Sebbene Bolsonaro abbia in seguito rivendicato che non ha "alcun interesse" in un intervento militare in Venezuela, molti dei più alti funzionari del suo governo - incluso il suo vicepresidente, Hamilton Mourao - hanno ripetutamente chiesto un "intervento umanitario" in Venezuela. La dimensione e la portata di tale intervento, tuttavia, devono ancora essere determinati.

Queste complesse situazioni lungo il suo confine, il ruolo confermato degli Stati Uniti nella realizzazione della crisi politica del paese e l'incombente possibilità di un intervento militare - dagli Stati Uniti o dai loro alleati regionali - mostrano che il Venezuela attualmente ha molti degli stessi elementi che erano presente in Ucraina nel 2014 e in Siria nel 2011. Gli Stati Uniti sembrano intenzionati a provocare un cambio di regime a Caracas con ogni mezzo necessario, ma il successo di Washington dipenderà in gran parte dalle azioni dei più potenti alleati stranieri del Venezuela, che tra l'altro sono entrambi i principali rivali di Washington - Russia e Cina.


La Russia e la Cina e il loro coinvolgimento:

Nel caso in cui la situazione interna in Venezuela - grazie soprattutto alle pressioni esterne - si trasformi in un grande conflitto tra i sostenitori di Guaidó e quelli di sostegno di Maduro, sarà solo una questione di tempo prima che sia la Russia che la Cina si uniscano alla mischia - direttamente o indirettamente - per impedire che il cambiamento del regime sostenuto dagli Stati Uniti abbia successo.

Una delle ragioni principali per cui il coinvolgimento della Russia e della Cina è un dato di fatto è che entrambi hanno investito un'enorme quantità di denaro nel paese, in particolare dopo che i rapporti del Venezuela con gli Stati Uniti si sono gravemente deteriorati durante i primi anni del dominio Chavista.





Con un ampio margine, i maggiori sponsor stranieri del Venezuela dopo l'ascesa del movimento Chavista sono stati la Russia e la Cina. Sebbene non siano disponibili misure esatte dei loro investimenti nella nazione sudamericana, si ritiene che la Cina abbia investito circa 70 miliardi di dollari , sotto forma di prestiti, nonché progetti sociali e manutenzione delle infrastrutture di produzione petrolifera del paese. La maggior parte di questi prestiti dovrebbe essere restituita alla Cina sotto forma di greggio venezuelano . Inoltre, Cina e Venezuela hanno costituito diverse joint venture che riguardano la produzione di automobili, telefoni cellulari e computer, tra le altre merci. Questi investimenti e connessioni rendono la Cina di gran lunga il più grande e influente sponsor e creditore straniero.

Tuttavia, come ha scritto la politica estera nel 2017 :

Se il Venezuela crollasse ..., la Cina si trova di fronte a un grande rischio di contraccolpi diplomatici e finanziari. I politici dell'opposizione sono ben consapevoli che la Cina si regge ... Regola di Maduro. Un nuovo governo venezuelano potrebbe benissimo rifiutarsi di onorare interamente gli obblighi dell'era di Maduro e cercare invece supporto a Washington ".

Si ritiene che la Russia abbia prestato e investito circa 17 miliardi di dollari in Venezuela negli ultimi 20 anni, molto meno della Cina. Tuttavia, la Russia - attraverso società statali come Rosneft - ha acquisito quote significative di proprietà in almeno cinque importanti giacimenti petroliferi venezuelani insieme a diverse decadi del valore futuro dei giacimenti di gas naturale detenuti dal Venezuela nei Caraibi. Inoltre, e in modo più significativo dal punto di vista degli Stati Uniti, nel 2017 il Venezuela ha offerto il 49,9% di Citgo - la sua consociata americana interamente controllata - insieme a tre raffinerie della Costa del Golfo e la sua rete di condotte a Rosneft per 1,5 miliardi di dollari.

Gli interessi di Rosneft in Venezuela sono così grandi che il suo presidente esecutivo, Igor Sechin, ha dichiarato nel 2017 che "non andremo mai via e nessuno sarà in grado di buttarci fuori da lì". Eppure, come Leonid Bershidsky ha recentemente scritto a Bloomberg, "Se Maduro cade e un governo appoggiato dagli Stati Uniti prende il suo posto, è molto probabile che i progetti russi saranno sospesi ei debiti del Venezuela non saranno rimborsati ".

Oltre all'enorme quantità di denaro in gioco per entrambe le nazioni, né la Russia né la Cina sono disposte a lasciare che il paese più ricco di petrolio del mondo - con riserve di petrolio grezzo più comprovate dell'Arabia Saudita - veda il suo attuale governo, che è amichevole con i loro interessi, ma ostili a quelli degli Stati Uniti, vengono rovesciati e sostituiti dal suo opposto polare. Non solo un nuovo governo appoggiato dagli Stati Uniti in Venezuela metterà in pericolo i miliardi di dollari in prestiti che il governo di Maduro deve a entrambi i paesi, ma metterebbe anche in pericolo l'indipendenza di tutta l'America Latina.

In effetti, molti governi dell'America Latina negli ultimi anni sono stati presi di mira dagli Stati Uniti per il cambio di regime e la maggior parte di questi tentativi ha avuto successo, compresi quelli in Honduras (2009), Brasile (2016) e Paraguay (2012). Il Venezuela, con le sue significative riserve di petrolio e oro, è l'ovvio premio nella regione, ma è anche il paese più forte che si oppone al predominio degli Stati Uniti nella regione. Se il Venezuela cadesse, indebolirebbe enormemente i governi degli alleati regionali di Maduro, in particolare il Nicaragua e Cuba.

Quanto sopra è sottolineato dal recente consigliere della sicurezza nazionale John Bolton sulla creazionedi un nuovo "Asse del male" latinoamericano che definisce la "Troika of Tyranny", che comprende il Venezuela, Cuba e il Nicaragua. Se il governo venezuelano viene rovesciato, Bolton ha già dato il segnale su quali nazioni saranno gli obiettivi successivi degli sforzi per il cambio di regime in altre parti dell'America Latina. Così, la Russia e la Cina - per non desiderare di vedere un effetto domino del rovesciamento della maggior parte dei restanti paesi latinoamericani non dominati dagli Stati Uniti - hanno più probabilità di non fare tutto ciò che è in loro potere per impedire il crollo del governo di Maduro.

È anche importante sottolineare che, da parte loro, gli Stati Uniti non possono davvero indietreggiare. Mentre la strategia statunitense di "contenere" Russia e Cina è stata in gran parte focalizzata sull'avvio e sul fomentare guerre per procura in aree geopoliticamente strategiche e sulla loro porta di casa, la strategia della Russia e della Cina è stata più segreta e volta a ridurre la loro dipendenza dagli Stati Uniti. sistema finanziario, in particolare il dollaro USA.

Questo sforzo per indebolire il dollaro USA ha spesso preso di mira il petrodollaro, che è stato un fattore importante in precedenti interventi militari statunitensi, come il rovesciamento di Saddam Hussein in Iraq e poi Muammar Gheddafi in Libia. Nel 2017, Maduro, come Hussein e Gheddafi prima di lui, ha smesso di vendere il petrolio venezuelano in dollari. Per sostenere il sistema del petrodollaro in mezzo alla sua incombente recessione economica , gli Stati Uniti hanno bisogno di un governo in Venezuela che denominerà la vendita del suo petrolio in dollari per mantenere la pietra angolare della sua egemonia globale, il dollaro USA, nonostante senza precedenti minacce al suo valore.

Così, senza che né gli Stati Uniti né i loro rivali siano in grado di arrendersi senza cedere un grande vantaggio geopolitico e strategico all'altro, è quasi certo che, con l'aggravarsi della situazione in Venezuela, il coinvolgimento di tutti e tre presto renderà il Venezuela il più visto paese - e il più pericoloso - nel mondo.


"Un altro sanguinoso campo di battaglia della rivoluzione colorata"?

Data l'enormità dei loro investimenti in Venezuela e la loro impazienza di mantenere le più grandi riserve petrolifere del mondo controllate da un governo amichevole ma ostile al loro più grande rivale, Russia e Cina non hanno sorprendentemente condannato senza mezzi termini la recente decisione degli Stati Uniti di riconoscere Guaidó come presidente "legittimo" del Venezuela.



La risposta della Russia non solo ha messo in guardia gli Stati Uniti contro le "conseguenze catastrofiche" del suo tentativo di intensificare la fragile situazione in Venezuela, ma ha anche lasciato intendere che la decisione degli Stati Uniti avrebbe gettato le basi per una guerra civile. Giovedì il vice ministro degli Esteri russo, Sergei Ryabkov, ha dichiarato agli Affari internazionali : "Mettiamo in guardia da questo ... Crediamo che questo sarebbe uno scenario catastrofico che potrebbe scuotere le fondamenta del modello di sviluppo che vediamo nella regione dell'America Latina". telefonata a Maduro, il leader russo Vladimir Putin ha descritto la mossa degli Stati Uniti come "interferenza distruttiva".

Poi il ministero degli Esteri russo ha rilasciato una dichiarazione separata che descrive la mossa degli Stati Uniti per riconoscere Guaidó come presidente "mirato ad approfondire la spaccatura nella società venezuelana, ad aumentare il conflitto nelle strade, destabilizzare fortemente il sistema politico interno e l'ulteriore escalation del conflitto "Con tale escalation che è" carica di conseguenze catastrofiche ". Alcuni media hanno confrontatoquesta affermazione con quelle fatte dalla Russia durante i precedenti scambi internazionali con l'Occidente prima dell'intervento in Libia e Siria.

Da allora, gli appaltatori militari russi sono stati schierati in Venezuela, il che ha spinto Maduro a promettere che il Venezuela non diventerà un'altra "Siria o Libia". Alcuni rapporti hanno affermato che gli appaltatori militari russi "sono stati accusati di fermare i simpatizzanti dell'opposizione o membri di Maduro le proprie forze dal trattenerlo ".

La risposta della Cina ha anche lasciato intendere che la decisione degli Stati Uniti era mirata a alimentare una guerra interna nel paese. 
In un articolo pubblicato dal Global Times allineato al governo cinese , Pechino ha dichiarato:

"Negli ultimi anni, Washington ha aumentato la sua interferenza negli affari del Venezuela e di Cuba e ha tentato di riguadagnare influenza in America Latina. Il rapido riconoscimento di Guaidó ha segnato il forte desiderio degli Stati Uniti di intervenire negli affari interni del Venezuela ".

L'articolo sottolinea, inoltre:

"Tutte le parti devono mantenere la calma e prestare attenzione alle possibili provocazioni per intervenire militarmente in Venezuela ... La comunità internazionale dovrebbe incoraggiare le forze del Venezuela a risolvere pacificamente la questione nel quadro del dialogo. La scelta dei lati non favorirà la soluzione, ma intensificherà la rivalità, peggiorerà la situazione e forse spingerà la nazione a turbolenze a lungo termine".

Quindi aggiunge: "Il Venezuela non dovrebbe essere un altro sanguinoso campo di battaglia della rivoluzione dei colori".

Le risposte dei governi russo e cinese alla decisione degli Stati Uniti di sostenere Guaidó affermano direttamente che la mossa statunitense è destinata a creare un'altra guerra per procura sostenuta dagli Stati Uniti mascherata da una "rivoluzione colorata". In effetti, affermazioni così chiare di questa realtà non solo mostrano quanto gli Stati Uniti stiano spingendo per una grave escalation in Venezuela, ma mostrano anche che sia la Russia che la Cina sono consapevoli che i loro interessi nel paese sono minacciati come risultato diretto di questa spinta USA . Ciò aumenta notevolmente la probabilità che qualsiasi spinta per l'escalation da parte di Washington scateni forti risposte di entrambi i paesi e potrebbe rapidamente trasformarsi in un conflitto militare.


È così che sarà la terza guerra mondiale?

L'attuale situazione in Venezuela - se gli Stati Uniti continuano a spingere per nuove escalation - ha il potenziale per trasformarsi in una delle guerre per procura più pericolose del mondo, a causa delle dimensioni del premio (le maggiori riserve mondiali di petrolio incluse) e il fatto le principali parti coinvolte possono ritirarsi senza fare grandi concessioni ai loro principali rivali geopolitici. È improbabile che la Russia e la Cina, come affermato in precedenza, rimangano pigramente a guardare, mentre gli Stati Uniti installano un governo che annullerebbe i loro anni di investimenti nel paese e si rifiuterà di restituire miliardi di prestiti. In effetti, la Russia ha già inviato appaltatori militari in Venezuela, creando un precedente che potrebbe vedere un sostegno russo più significativo per il Venezuela nei prossimi mesi.

Inoltre gli Stati Uniti hanno chiarito che il Venezuela, se soccombe al cambio di regime, è solo il primo della nuova lista della "Troika della tirannia" dei governi latinoamericani di sinistra che l'amministrazione Trump cerca di rovesciare. L'obiettivo è quello di fare un'America Latina obbediente agli Stati Uniti, una parte cruciale del fine ultimo degli Stati Uniti di mantenere l'attuale ordine mondiale unipolare. Tuttavia, sia la Russia che la Cina sanno che questo obiettivo è un microcosmo del gioco finale di Washington e che sono entrambi gli obiettivi finali. Un programma del genere non è un segreto dato che è direttamente enunciato nella Strategia nazionale di difesa del Pentagono.

Tuttavia, sarebbe ingenuo presumere che gli Stati Uniti pianificheranno l'escalation solo in Venezuela e non in altri conflitti di procura statunitensi come l'Ucraina e la Siria. In effetti, solo due mesi fa, si è verificata una crisi in Ucraina in quello che è ora noto come "l'incidente dello Stretto di Kerch" e le provocazioni in Siria si sono comunemente verificate durante il conflitto, in particolare nei momenti in cui sembrava che gli scontri si stessero finalmente esaurendo. Questi flashpoint e altro - come il Mar Cinese Meridionale, tra gli altri - possono essere tutti sollecitati a rotazione dagli Stati Uniti nel tentativo di disorientare i rivali russi e cinesi.

Così, il Venezuela potrebbe diventare, verosimilmente, l'ultimo scenario della lunga serie di guerre per procura e "punti di fuga" finalizzati a cambi di regime in tutto il mondo, che Washington ha scelto come come parte del suo obiettivo a lungo termine, per impedire la formazione un ordine mondiale multipolare. 

E potrebbe diventare rapidamente il più pericoloso, poiché in grado di attirare le maggiori potenze mondiali nel conflitto, rendendo il rischio di una guerra mondiale più ampia una possibilità che non può essere ignorata. 
Ciò che succede in Venezuela in futuro avrà conseguenze importanti per l'intera regione e il mondo; e, con gli Stati Uniti che stanno già spingendo i Paesi a scegliere tra le parti e schierarsi, il mondo potrebbe presto divenire più diviso, con il rischio che un'altra "grande guerra" si possa realmente profilare all'orizzonte.


Traduzione di Agata Iacono


* Whitney Webb è una scrittrice di MintPress News e collaboratrice di Truth in Media di Ben Swann. Il suo lavoro è apparso su Global Research, Ron Paul Institute e 21st Century Wire, tra gli altri. Ha anche fatto apparizioni radiofoniche e televisive su RT e Sputnik. Attualmente vive con la sua famiglia nel sud del Cile.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa