Gli USA aumentano le importazioni di petrolio dalla Russia, perseguono i propri interessi a spese degli alleati europei

Gli USA aumentano le importazioni di petrolio dalla Russia, perseguono i propri interessi a spese degli alleati europei

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

A che gioco stanno giocando gli Stati Uniti d’America? Mentre costringono al suicidio economico e sociale gli alleati (leggi vassalli) dell’Unione Europea, rafforzano gli scambi commerciali con la Russia. Washington intima agli europei di non acquistare più petrolio dalla Russia, gli Stati Uniti hanno aumentato le importazioni di greggio dalla Russia del 43%, pari a 100.000 barili al giorno, nell'ultima settimana, secondo quanto afferma il vicesegretario del Consiglio di sicurezza russo Mikhail Popov. 

Dunque gli Stati Uniti perseguono i propri interessi a spese dei loro alleati europei.

Secondo il funzionario russo, l'Europa dovrebbe aspettarsi simili "sorprese" dagli Stati Uniti.

"Inoltre, Washington ha permesso alle sue aziende di importare fertilizzanti minerali dalla Russia, riconoscendoli come beni essenziali", ha aggiunto Popov.

Gli alleati statunitensi ed europei stanno valutando lo stop totale delle importazioni di petrolio russo dall'inizio del conflitto Russia-Ucraina, nonostante il fatto che l'Europa faccia affidamento sulla Russia per il petrolio greggio e il gas naturale, evidenzia il quotidiano cinese Global Times.

L'Europa subisce pressioni sia da parte degli Stati Uniti che del Regno Unito per imporre un divieto al petrolio russo. La Gran Bretagna ha annunciato che eliminerà gradualmente le importazioni di petrolio dalla Russia entro la fine dell'anno.

Nel frattempo, il Tesoro degli Stati Uniti ha fissato una scadenza per concludere gli accordi sulle importazioni di petrolio e carbone dalla Russia fino al 22 aprile.

Cui Heng, un assistente ricercatore del Center for Russian Studies della East China Normal University, ha detto al Global Times che la politica degli Stati Uniti nei confronti della Russia è incentrata su due aspetti: uno è il liberalismo per contrastare il sistema politico russo e l'ideologia collettiva e l'altro è il pragmatismo al servizio degli interessi nazionali statunitensi.

"Per la necessità di confrontarsi ideologicamente con la Russia, gli Stati Uniti adescano gli alleati per sanzionare la Russia, mentre per fronteggiare i bisogni reali, gli Stati Uniti acquistano energia russa a un prezzo inferiore e la vendono all'Europa a un prezzo più alto per servire gli interessi nazionali dei gruppi petroliferi. Alla fine, l'Europa ne diventa la vittima: la ricchezza europea fluisce negli Stati Uniti e aiuta a consolidare il vantaggio del dollaro rispetto all'euro", ha affermato Cui.

Secondo i dati preliminari di Refinitiv, le esportazioni di gas naturale liquefatto degli Stati Uniti sono aumentate di quasi il 16% il mese scorso, con le spedizioni verso l'Europa che continuano a dominare.

Il GNL statunitense è molto richiesto poiché i paesi europei cercano di tagliare le importazioni di gas dalla Russia dopo la sua operazione militare in Ucraina, cercando anche di rimpinguare le scorte in diminuzione.

I media europei riferiscono che l'Europa è stata il principale importatore di GNL statunitense per quattro mesi consecutivi, assorbendo circa il 65% delle esportazioni statunitensi.

In un accordo congiunto, gli Stati Uniti hanno annunciato il 25 marzo di fornire almeno 15 miliardi di metri cubi in più di gas naturale liquefatto all'Europa quest'anno, cercando di porre fine alla dipendenza del blocco dalle esportazioni di energia russe. Si prevede che questi volumi aggiuntivi di GNL aumenteranno in futuro, ha affermato la Casa Bianca in una nota.

Mick Wallace, un membro del Parlamento europeo, ha twittato un video del suo discorso parlamentare, dicendo che l'Europa dovrebbe davvero svezzarsi dalla sua dipendenza dall'energia russa, ma non deve sostituirla con il "gas sporco ed estratto con il fracking” Stati Uniti, che hanno invaso altri paesi più di qualunque altro paese al mondo.

La migliore sintesi di quanto accade in un Vecchio Continente preda di una classe dirigente indegna completamente asservita agli interessi di Washinton, è offerta da un netizen cinese: "Credo che l'obiettivo degli Stati Uniti [nel sanzionare la Russia] non sia affatto la Russia, ma i paesi europei”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Donetsk. Assassinata a 10 anni con le armi Nato di Marinella Mondaini Donetsk. Assassinata a 10 anni con le armi Nato

Donetsk. Assassinata a 10 anni con le armi Nato

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini