Gli Usa hanno perso equipaggiamenti militari per un valore di circa 500 milioni di dollari in Yemen

Gli Usa hanno perso equipaggiamenti militari per un valore di circa 500 milioni di dollari in Yemen

Solo sei mesi fa Obama elogiava la "storia di successo dello Yemen"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Nessuno avrebbe potuto prevedere che un'altra "storia di successo" della diplomazia estera americana si sarebbe rivelata un disastro epico, si legge sul blgo ZeroHedge. Beh, nessuno, ad eccezione di coloro che prevedono con precisione che ogni intervento degli Stati Uniti all'estero sarà un fiasco incredibile ( tranne che per il complesso militare-industriale degli Stati Uniti, ovviamente). Per quanto riguarda lo Yemen, l'esito era chiaro da tempo: in un contesto di confronto per il dominio regionale tra Iran e Arabia Saudita, il presidente yemenita Abed Rabbo Mansour Hadi, appoggiato dall’Occidente, si è prima dimesso, poi ha ritirato le sue dimissioni e ora si trova nella città meridionale di Aden e non nella capitale, San'a', che dallo scorso settembre è sotto il controllo degli Houthi, che domenica hanno preso il controllo dell'aeroporto internazionale di Taiz, base strategica nel sud dello Yemen, e stanno avanzando verso la roccaforte di Hadi. La chiusura dell’ambasciata statunitense a Sana’a era avvenuta già a febbraio, prontamente occupata dai miliziani Houthi, mentre sabato, dopo che alcuni miliziani di al Qaida in Yemen (AQAP) sono riusciti ad occupare una città vicina alla base presidiata dagli americani, gli Stati Uniti hanno annunciato il ritiro di cento membri delle forze speciali che si trovavano in Yemen per collaborare con le forze locali nella campagna contro AQAP.



E, ora, dopo aver appreso che "più di 20 veicoli sono stati presi dai combattenti dopo che gli americani sono partiti dall'aeroporto di Sanaa" non è passato molto tempo prima che il Wahington Post facesse un resoconto delle "perdite per i contribuenti degli Stati Uniti, così come è avvenuto in Iraq con la grande "rapina" del materiale militare americano da parte dello Stato Islamico. 
 
Secondo il WaPo, che cita fonti interne al Dipartimento della Difesa che hanno chiesto di mantenersi nell’anonimato, gli Stati Uniti hanno perso equipaggiamenti militari per un valore di circa 500 milioni di dollari, inviati allo scopo di fornire supporto al governo yemenita. E, ancora peggio, ci sono "timori che le armi, gli aerei e le attrezzature siano ora in dotazione dei ribelli sostenuti dall'Iran o nell mani di al-Qaeda, secondo i funzionari degli Stati Uniti "
 
E pensare che solo sei mesi fa Obama elogiava la "storia di successo dello Yemen."  

Di seguito una rappresentazione grafica di tutti gli equipaggiamenti militari "persi":



Un altro giorno del Dipartimento di Stato sotto John Kerry, un altro giorno di imbarazzo senza fine, commenta senza mezzi termini il blog americano. 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti