/ Gli USA impediscono a Zarif di visitare l'ambasciatore dell'Iran ...

Gli USA impediscono a Zarif di visitare l'ambasciatore dell'Iran all'Onu, malato di cancro, pretendendo liberazione prigioniero

 

Il ministro degli Esteri iraniano č attualmente negli USA in occasione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite.


Venerdì scorso gli Stati Uniti hanno respinto la richiesta del ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, di visitare l'ambasciatore del suo paese presso le Nazioni Unite, Majid Takht Ravanchi, ricoverato in un ospedale di New York, dove è in cura per il cancro, a meno che Teheran rilasci un americano imprigionato nella Repubblica islamica.

 
"L'Iran ha ingiustamente detenuto diversi cittadini statunitensi per anni, causando dolore alle loro famiglie e amici, che non possono visitarli liberamente", riferisce la Reuters citando un portavoce del Dipartimento di Stato americano.
 
"Abbiamo trasmesso alla missione iraniana che la richiesta di viaggio sarà accolta se l'Iran rilascia un cittadino americano", ha aggiunto.

 
Da luglio, gli Stati Uniti hanno imposto severe restrizioni di viaggio a Zarif - così come ai diplomatici iraniani e alle loro famiglie che vivono a New York - che il ministro degli Esteri iraniano ha definito "sostanzialmente disumane".
 
Sin dalla sua imposizione, questi cittadini iraniani devono chiedere a Washington l'approvazione preventiva di spostamento se vogliono lasciare una piccola area di Manhattan, nel Queens, (se non è la rotta per l'aeroporto John F. Kennedy).
 
Il portavoce della missione iraniana presso le Nazioni Unite, Alireza Miryousefi, ha spiegato che l'ambasciatore è in cura per il cancro in un ospedale, situato vicino al quartiere dell'Upper East Side di Manhattan. Tuttavia, Zarif - che è attualmente a New York dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite - non può visitarlo, poiché è al di fuori dell'area approvata dagli Stati Uniti.
 
A causa del rifiuto della sua richiesta, il ministro degli Esteri iraniano ha dovuto parlare con l'ambasciatore attraverso una videochiamata. "Grazie alla tecnologia, sono stato in grado di vedere e parlare con il mio amico da 40 anni e nostro ambasciatore delle Nazioni Unite, Ravanchi, che è in ospedale qui a New York, a pochi isolati di distanza", ha scritto Zarif nel suo account Twitter .
 

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa