Gli USA rinnovano le sanzioni alla Siria nonostante la catastrofe umanitaria per il terremoto

Gli USA rinnovano le sanzioni alla Siria nonostante la catastrofe umanitaria per il terremoto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Lunedì scorso, la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato la Risoluzione 132, che esorta la Casa Bianca a “rimanere impegnata” nell'attuazione di sanzioni economiche unilaterali sulla Siria colpita dal terremoto.

Con 414 contro 2, i legislatori hanno deciso che Washington deve "rimanere impegnata nella protezione del popolo siriano, anche attraverso l'attuazione del Caesar Syria Civilian Protection Act del 2019".

I rappresentanti repubblicani Marjorie Taylor Greene e Thomas Massie sono stati gli unici a votare contro la risoluzione. Badate bene, sono repubblicani, i dem quelli che dovrebbero essere di “sinistra” “pacifisti”, hanno votato compatti per le sanzioni alla Siria

Sebbene nessuno dei due rappresentanti repubblicani abbia commentato pubblicamente il proprio voto, i media occidentali hanno dipinto la loro obiezione come un rifiuto di “piangere le vittime” del terremoto del mese scorso.

"Sono lieto che la Camera abbia approvato in modo schiacciante H. Res 132... [che] esorta l'amministrazione a rimanere impegnata a proteggere il popolo siriano, anche attuando il Caesar Act", ha dichiarato il presidente degli affari esteri della Camera Michael McCaul dopo il voto di lunedì, sottolineando la sua "preoccupazione” per la crescente spinta degli Stati arabi a normalizzare i legami con Damasco.

McCaul ha aggiunto che l'applicazione di sanzioni unilaterali alla Siria "deve includere il divieto di qualsiasi accordo energetico per il Libano che avvantaggi il regime di Assad".

Il Libano attende dal 2021 che Washington fornisca a Egitto, Giordania e Siria deroghe alle sanzioni per lanciare un piano di condivisione energetica disperatamente necessario che l'ambasciata americana a Beirut ha mediato.

Nel 2019, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato il Caesar Act, che proibisce severamente a Stati, società e individui di fare affari con il governo siriano. Questo schiacciante pacchetto di sanzioni si è aggiunto alle misure punitive esistenti imposte a Damasco dal 2011.

Ovviamente, l’ultimo atto del Congresso degli Stati Uniti d’America non è una novità, è solo una conferma del cinismo e della criminale volontà di Washington di umiliare chi non si attiene ai suoi diktat con feroci sanzioni già stigmatizzate dall’Onu.

Neanche il terremoto ha scalfito il cinismo criminale dello Zio Sam. E anche questa non è una novità.

Se qualcuno obiettasse che gli USA hanno sospeso per 180 giorni le sanzioni alla Siria per la sciagura del terremoto, sosterebbe una pura e semplice menzogna, non c’è spazio per le interpretazioni. Lo ha spiegato qualche settimana fa l’analista finanziario siriano Douraid Dergham quanto sono ipocrite le posizioni umanitarie assunte da Washington che, nel sospendere le sanzioni hanno confermato che sono dannose per i civili.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti