L’economista Dergham: Perché la temporanea sospensione delle sanzioni USA alla Siria è solo propaganda

L’economista Dergham: Perché la temporanea sospensione delle sanzioni USA alla Siria è solo propaganda

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, Il dipartimento del Tesoro degli Stati uniti d’America ha annunciato la revoca per tre mesi delle loro micidiali sanzioni, denominate Caesar Act, in seguito alla tragedia del terremoto che, oltre la Turchia, ha colpito duramente anche la Siria.  Con questa mossa, Washington ha risposto alle richieste fatte da singole associazioni, Stati, opinione pubblica per attenuare la morsa sulla Siria, ammettendo allo stesso tempo, che le sue misure hanno un impatto sulla popolazione siriana già stremata da un decennio di guerra alimentata proprio dall’occidente. Non c’è da entusiasmarsi. Infatti, l’analista finanziario siriano Douraid Dergham, oltre a spiegare cosa sono le sanzioni che la Siria subisce già prima del terremoto, mette in evidenza quanto sia ipocrita e propagandistica l’operazione di Washington. Per alleviare le sofferenze del popolo siriano ci vuole ben altro.

 

di Douraid Dergham* - Post Facebook

A causa dell'incompatibilità della politica siriana con gli Stati Uniti, sono state emesse una serie di sanzioni (l'ultimo pacchetto è il Caesar Act), e prevedono quanto segue:

  1. Impedire ai governi o alle istituzioni finanziarie internazionali (FMI o Banca mondiale) di fornire aiuti alla Siria
  2. Embargo sulle armi
  3. Vietare l'esportazione della maggior parte dei beni statunitensi
  4. Divieto di esportazione di servizi statunitensi in materia di spedizione, assicurazione o informatica
  5. Vietare il commercio di petrolio e derivati siriani, tranne che con i partiti dell'opposizione che cooperano con gli Stati Uniti
  6. Vietare i rapporti con i ministeri siriani, la Banca centrale siriana e altri enti pubblici incaricati di mantenere le infrastrutture dell’attività economica siriana.
  7. Vietare alle banche statunitensi di fornire servizi finanziari/bancari alle banche e alle aziende siriane.
  8. Oltre a vietare di avere a che fare con persone fisiche ed entità morali ed impedire loro i viaggi internazionali

Dopo il 2005, a seguito dell'accentuazione delle sanzioni statunitensi, gli Stati Uniti hanno minacciato vari organismi internazionali che qualsiasi cooperazione diretta o indiretta con le suddette parti siriani porterà alle proprie sanzioni, sia che cooperino contraendo, fornendo o esportando beni e servizi, sia trasferendo fondi direttamente o indirettamente. Le circolari MT999 sono state inviate dalle banche americane a varie banche in tutto il mondo attraverso la SWIFT International Organization.

I delegati e gli inviati del Tesoro statunitensi, tra l’altro, hanno esercitato con veemenza le loro intimidazioni nei confronti dei ministeri degli esteri e delle finanze dei diversi paesi. Di conseguenza, non solo le aziende o i commercianti siriani sono banditi dal circolo bancario internazionale, ma la maggior parte dei siriani soffre ancora dover trattare direttamente o indirettamente in diverse valute occidentali e per il deterioramento delle loro infrastrutture sanitarie, educative ed economiche. Dunque, erano obbligati a scegliere tra le seguenti alternative:

  • In alcuni paesi sono rimasti pochi i canali ufficiali, il problema è che sono soggetti a una grande differenza tra i diversi tassi di cambio prevalenti a seconda del valore del trasferimento che ammontano a gran parte del valore del trasferimento. Tuttavia, a questo è stato "parzialmente" posto rimedio grazie alle recenti decisioni di avvicinare il tasso di cambio ufficiale al tasso circolante.
  • Avere a che fare con alcuni cambiavalute, ma soggetti a un tetto molto basso (400 dollari, a volte meno) e probabili commissioni gravose
  • Trattare con broker ufficiali che acquisiscono grandi commissioni. Se l'intermediario non ha la licenza, la gente rischia di essere perseguita.

Il 6 febbraio il terremoto che ha colpito Siria e Turchia ha evidenziato i due pesi e due misure americane in termini di simpatia e aiuti forniti alla Turchia rispetto alla Siria, e soprattutto il netto contrasto tra gli aiuti forniti ai terremotati rispetto alla veemenza americana nel costringere l'Occidente a fornire aiuti immediati a milioni di profughi ucraini e stanziare miliardi di dollari per perpetuare il conflitto.

A causa dell'escalation delle campagne internazionali volte a revocare l'assedio alla Siria sotto l'attuale catastrofe, il Tesoro americano ha deciso di emettere la "ambigua" risoluzione n. 23 il 9/2/2023 per assistere agli sforzi di recupero dal disastro terremoto. La decisione prevede che, a partire da oggi fino all'8 agosto 2023, saranno consentiti trasferimenti di denaro per gli scopi mirati per riprendersi dal disastro terremoto. Questa risoluzione è piena di contraddizioni e diversivi:

  • A causa del congelamento o dell'interruzione della corrispondenza bancaria tra banche straniere e quasi tutte le banche siriane, quest'ultima non ha la capacità di portare avanti normali rapporti bancari, i suoi saldi sono esauriti o congelati. Di conseguenza, non è possibile effettuare presunti trasferimenti umanitari.
  • Inoltre, a causa della pressione su SWIFT, è stata tagliata l'arteria principale necessaria per facilitare le rimesse da e verso la Siria.
  • Negli ultimi anni, molti siriani sono stati privati del diritto fondamentale di aprire un conto. A volte, pur essendo clienti molto rispettosi per decenni, sono stati costretti a chiudere i conti esistenti.
  • Il tetto di rimessa è stato ridotto a soli 400 $, valore banale a fronte delle esigenze fondamentali necessarie per riparare case danneggiate o avere un tenore di vita minimo per le famiglie colpite. Crediamo che la comunità internazionale, compreso il popolo americano, sia disposta a contribuire ad affrontare questo disastro del terremoto del 6 febbraio. Tuttavia, i più grandi disastri si sono verificati a causa dei diversi eventi avvenuti negli ultimi decenni: le sanzioni hanno aggravato la sofferenza della maggior parte dei siriani, gli eventi sono avvenuti dopo il 2011 che hanno portato a un impoverimento sistematico e a un blocco economico senza precedenti senza sapere quale visione o obiettivi reali per questa mobilitazione internazionale guidata dal Stati Uniti. Infatti, questo caos ha portato e contribuito alla distruzione della Siria piuttosto che portare sicurezza e prosperità ai siriani.

Detto questo, crediamo che gli scopi di questa risoluzione non siano altro che una propaganda per assorbire le pressioni internazionali, la migliore prova è la tragedia delle aree colpite al di fuori del controllo del governo siriano e la mancanza di aiuti ricevuti al resto della Siria rispetto agli aiuti ricevuti alla Turchia. La Turchia ha tutte le capacità, le infrastrutture, il personale, i fondi e i canali bancari necessari per affrontare questa catastrofe. Speriamo che i turchi si riprendano rapidamente. Ma deploriamo questo atteggiamento ingiusto nei confronti di due vicini che meritano una migliore cooperazione internazionale. I fatti sopra menzionati sono esempi palesi di ipocrisia internazionale.

La storia sottolinea che le sanzioni occidentali non possono essere revocate in mesi o in un anno, servono lunghi anni. Le famiglie colpite in Siria non hanno il lusso del tempo. Se la comunità internazionale si preoccupa seriamente della ripresa della Siria dal disastro, deve motivare l'amministrazione americana a modificare la sua attuale decisione "sensata" per renderla più seria, introducendo con la stessa veemenza le seguenti misure che hanno prevalso quando sono state imposte le sanzioni:

  1. Abolire le sanzioni a varie banche siriane, alla Banca centrale siriana e a varie compagnie assicurative siriane, incapaci di affrontare il disastro attuale e di impedire di trattare con compagnie di riassicurazione internazionali.
  2. Dare disposizione a SWIFT per la cancellazione del divieto sulle banche siriane.
  3. Invitare le banche americane a far circolare attraverso SWIFT a varie banche internazionali un nuovo MT999 per ripristinare immediatamente il rapporto con le banche siriane, incoraggiarle ad aprire relazioni bancarie corrispondenti, riaprire conti con persone siriane e varie società siriane che non sono soggette a sanzioni individuali.
  4. Un autentico sollievo o recupero non può essere fatto con aiuti o rimesse mediocri. A causa di decenni di embargo, l'intera popolazione siriana sta soffrendo di disoccupazione, iperinflazione, mancanza di risorse finanziarie per abitazioni, cibo, medicine e carburante. Questo terremoto ha peggiorato la sofferenza. Pertanto, le sanzioni devono essere nulle e nulle per tutte le entità che hanno bisogno di intensificare i loro sforzi per fornire alla Siria il pane, la medicina, i trasporti, l'istruzione e le infrastrutture minime necessarie per il futuro dei loro figli. Tra queste principali entità citiamo per esempio:
  5. Ospedali, porti, aeroporti e varie imprese edili necessarie per garantire un'infrastruttura adeguata
  6. Aziende energetiche siriane che stanno lottando per fornire impianti e diverse entità il carburante necessario per il trasporto, il riscaldamento, la cura e la produzione di beni principali (ad es. pane, vestiti alimentari ecc. ) alle vittime di queste circostanze disastrose.

Invitiamo gli interessati a inoltrare questi fatti e richieste alle varie personalità, organizzazioni e governi interessati a livello internazionale per invitare l'amministrazione statunitense a cambiare la risoluzione 23 e spianare la strada ad un cambiamento internazionale nella politica delle sanzioni che colpisce solo la popolazione.

*Economista e analista finanziario siriano, ha studiato presso l’ESSEC École Supérieure des Sciences Economiques et Commerciales, una business school internazionale con sede in Francia

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti