Gorbaciov: Invasione Usa dell'Afghanistan "una cattiva idea fin dall'inizio"

 Gorbaciov: Invasione Usa dell'Afghanistan "una cattiva idea fin dall'inizio"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dopo la brusca missione statunitense nel Paese centroasiatico, l'ultimo leader sovietico ritiene indispensabile “non ripetere errori come questo”.

"Il fallimento avrebbe dovuto essere riconosciuto prima", ha affermato oggi l'ex presidente dell'URSS Mikhail Gorbachev in relazione alla brusca fine della missione statunitense in Afghanistan. "Quello che conta ora è imparare la lezione e, almeno, non ripetere errori come questo", ha spiegato all'agenzia RIA Novosti l'ultimo leader sovietico, che nel 1989 ordinò il ritiro delle truppe sovietiche dall'Afghanistan, dieci anni dopo il suo ingresso nel paese dell'Asia centrale.

"Era fin dall'inizio un'impresa fallita, anche se nella prima fase la Russia l'ha sostenuta", ha ricordato Gorbaciov, che ha diretto i destini dell'URSS tra il 1985 e il 1991.

"Come molti progetti simili, si basava su un'esagerazione della minaccia e su concetti geopolitici poco chiari. A ciò si sono aggiunti tentativi irrealistici di democratizzare una società multi-tribale ", ha precisato.

Ai suoi tempi alla guida dell'URSS, Gorbaciov riteneva che la presenza dell'esercito sovietico in Afghanistan fosse un errore politico. 

La sua decisione di ritirare le truppe da lì, presa dopo numerosi dibattiti, ha avuto all'epoca il sostegno del comando politico e militare e, soprattutto, del popolo, come ha sottolineato il padre della 'perestrojka' nel corso dell'intervista a RIA Novosti . .

La partenza del contingente militare sovietico terminò il 15 febbraio 1989. Da quel momento, il governo di Mohammad Nayibullah, cancellò dalla costituzione nazionale ogni riferimento al socialismo e, pur non potendo raggiungere l'auspicata riconciliazione nazionale, sarebbe poi rimasto in potere fino ad aprile 1992.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti