Gorbaciov: Invasione Usa dell'Afghanistan "una cattiva idea fin dall'inizio"

 Gorbaciov: Invasione Usa dell'Afghanistan "una cattiva idea fin dall'inizio"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dopo la brusca missione statunitense nel Paese centroasiatico, l'ultimo leader sovietico ritiene indispensabile “non ripetere errori come questo”.

"Il fallimento avrebbe dovuto essere riconosciuto prima", ha affermato oggi l'ex presidente dell'URSS Mikhail Gorbachev in relazione alla brusca fine della missione statunitense in Afghanistan. "Quello che conta ora è imparare la lezione e, almeno, non ripetere errori come questo", ha spiegato all'agenzia RIA Novosti l'ultimo leader sovietico, che nel 1989 ordinò il ritiro delle truppe sovietiche dall'Afghanistan, dieci anni dopo il suo ingresso nel paese dell'Asia centrale.

"Era fin dall'inizio un'impresa fallita, anche se nella prima fase la Russia l'ha sostenuta", ha ricordato Gorbaciov, che ha diretto i destini dell'URSS tra il 1985 e il 1991.

"Come molti progetti simili, si basava su un'esagerazione della minaccia e su concetti geopolitici poco chiari. A ciò si sono aggiunti tentativi irrealistici di democratizzare una società multi-tribale ", ha precisato.

Ai suoi tempi alla guida dell'URSS, Gorbaciov riteneva che la presenza dell'esercito sovietico in Afghanistan fosse un errore politico. 

La sua decisione di ritirare le truppe da lì, presa dopo numerosi dibattiti, ha avuto all'epoca il sostegno del comando politico e militare e, soprattutto, del popolo, come ha sottolineato il padre della 'perestrojka' nel corso dell'intervista a RIA Novosti . .

La partenza del contingente militare sovietico terminò il 15 febbraio 1989. Da quel momento, il governo di Mohammad Nayibullah, cancellò dalla costituzione nazionale ogni riferimento al socialismo e, pur non potendo raggiungere l'auspicata riconciliazione nazionale, sarebbe poi rimasto in potere fino ad aprile 1992.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli