Hannibal Gheddafi. Pubblicate le foto shock della sua prigionia in Libano

Hannibal Gheddafi. Pubblicate le foto shock della sua prigionia in Libano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Leonardo Sinigaglia per l'AntiDiplomatico

La sorte di Hannibal Gheddafi, figlio quartogenito del Colonnello, è tornata oggetto di preoccupazione da parte del popolo libico e delle autorità del paese negli ultimi giorni dopo un servizio andato in onda sull’emittente libanese Al Jadeed. Hannibal, detenuto “in attesa di processo” in Libano dal 2015, denuncia le condizioni in cui versa nelle carceri del paese dei cedri. Le immagini parlano chiaro: una stanza minuscola, chiusa su quattro lati e illuminata artificialmente, che Hannibal racconta addirittura trovarsi sottoterra. Condizioni incompatibili con con il rispetto dei diritti del detenuto e con il mantenimento di un accettabile stato di salute. Ciononostante, il pubblico ministero Ghassan Oueidat ha “rassicurato” i media informando di quello che sarebbe l’ottimo stato di Hannibal Gheddafi.

Non sembrano pensarla così le autorità libiche. Il 28 aprile il Ministero della Giustizia del Governo di Unità Nazionale (Tripoli) ha rilasciato un comunicato in cui chiede ufficialmente alla Repubblica Libanese di mantenere gli impegni presi al fine di migliorare le condizioni di detenzione, riaffermando allo stesso tempo il diritto di Gheddafi ad essere rilasciato senza nessuna ulteriore limitazione alla sua libertà in quanto in quasi dieci anni di detenzione non è emersa nessuna prova che lo colleghi al caso per cui è stato arrestato.

Hannibal Gheddafi, riparato in Siria a seguito della rivoluzione colorata che portò al collasso della Jamahiriya libica, venne attirato con l’inganno sul confine col Libano, e qui rapito da milizie collegata al partito sciita Amal, una della maggiori forze parlamentari del paese. Portato in Libano sarà successivamente liberato dai suoi sequestratori, solo per passare nelle mani delle forze governative, venendo incarcerato come “misura cautelare”. Hannibal Gheddafi è indagato per la scomparsa di Musa al-Sadr, imam sciita e fondatore del partito Amal, e dei suoi accompagnatori, avvenuta a Tripoli nel 1978 in circostanze mai chiarite, e dai “sadristi” attribuita proprio a Muammar Gheddafi, su invito del quale Musa al-Sadr si era recato in Libia.

A priori dai mai chiariti contorni della scomparsa di al-Sadr, all’epoca dei fatti Hannibal Gheddafi aveva appena tre anni, essendo nato nel 1975. Che ruolo avrebbe mai potuto avere nella pretesa, e mai provata, cospirazione per l’eliminazione dell’imam? Le autorità libanesi  sostengono che Hannibal abbia ottenuto negli anni informazioni sul caso, rendendolo così complice. Ma in questo decennio di detenzione arbitraria e senza processo non sono stati in grado di fornire nessuna prova a riguardo. A tutti gli effetti Hannibal Gheddafi, più che essere un detenuto in attesa di giudizio, è ancora la vittima di un sequestro, ingiustamente privato della propria libertà a detrimento della sua salute psico-fisica.

Beirut dovrebbe rilasciare Hannibal, anche ai fini della cooperazione giudiziaria con la Libia per far chiarezza sulla scomparsa di al-Sadr: come si può chiedere la piena e aperta collaborazione delle autorità libiche quando si detiene in maniera sostanzialmente arbitraria un cittadino libico? Più che la ricerca della verità, questa decennale persecuzione sembra in realtà una vendetta ai danni un uomo unicamente per il cognome che porta, qualcosa di indegno per lo Stato libanese, che in altri frangenti ha saputo dare ben altre prove di sé.

Leonardo Sinigaglia

Leonardo Sinigaglia

Nato a Genova il 24 maggio 1999, si è laureato in Storia all'università della stessa città nel 2022. Militante politico, ha partecipato e collaborato a numerose iniziative sia a livello cittadino che nazionale.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti