"Hanno paura di farlo". Le compagnie petrolifere Usa e il greggio sequestrato all'Iran

"Hanno paura di farlo". Le compagnie petrolifere Usa e il greggio sequestrato all'Iran

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le compagnie petrolifere negli Stati Uniti sono "riluttanti" a scaricare un carico di petrolio iraniano rubato in una petroliera greca al largo della costa del Texas, per il fatto che sono "troppo preoccupati per la rappresaglia iraniana", secondo quanto riferito fonti vicine alla questione al  The Wall Street Journal (WSJ).

"Le aziende con qualsiasi esposizione nel Golfo Persico hanno letteralmente paura di farlo", ha detto all'agenzia statunitense un dirigente del colosso energetico di Houston, aggiungendo che le aziende temono che "gli iraniani potrebbero attuare ritorsioni contro di loro".

"Non so se qualcuno lo toccherà", ha detto al WSJ un altro dirigente di una compagnia di navigazione.

Washington ha sequestrato illegalmente la superpetroliera Suez Rajan battente bandiera delle Isole Marshall nell'aprile di quest'anno in quella che è stata descritta dal Pentagono come "un'operazione di applicazione delle sanzioni". Washington ha anche accusato il proprietario della nave di "evasione delle sanzioni" e ha diretto il carico rubato nelle acque a 65 miglia al largo della costa di Galveston negli Stati Uniti.

Secondo il WSJ, la Suez Rajan è passata sotto il radar di Washington dopo che un'organizzazione anti-iraniana – United Against Nuclear Iran (UANI) con sede a New York – ha fornito informazioni sul carico della nave a funzionari governativi. Inoltre, gli avvocati che rappresentano le famiglie delle vittime degli attentati dell'11 settembre, “ai quali i tribunali statunitensi hanno concesso il diritto di chiedere un risarcimento a [Teheran]”, hanno intentato una causa contro uno degli ex proprietari della nave.

Perché finora c’è una sentenza di un tribunale statunitense che accusa l’Iran per gli attentati del 2001. Paradossale.

Ma mentre la guardia costiera statunitense ha dato il via libera allo scarico del carico, le società che gestiscono questi trasferimenti non vogliono alcun coinvolgimento in quella che Teheran ha descritto come "pirateria marittima".

"Quella nave è l'emblema di un dramma molto più grande che si sta svolgendo su come affrontiamo le minacce iraniane", ha spiegato al WSJ un ex funzionario statunitense.

Il "dramma" che si sta svolgendo tra Washington e Teheran ha visto il primo tentare con entusiasmo di riavviare i colloqui con la Repubblica islamica per "allentare le tensioni" e possibilmente raggiungere un nuovo accordo sul nucleare. Ma nonostante queste aperture diplomatiche della Casa Bianca, nelle ultime settimane il Pentagono ha notevolmente rafforzato la sua presenza militare nel Golfo Persico per affrontare le "minacce iraniane".

Washington accusa Teheran di aver tentato di "dirottare" navi battenti bandiera straniera che attraversano lo Stretto di Hormuz e il Golfo di Oman. Allo stesso tempo, l'Iran afferma che la marina americana protegge i "contrabbandieri di carburante" e le navi coinvolte in incidenti mordi e fuggi.

"Respingiamo categoricamente le accuse [di Washington] infondate di dirottamento di petroliere straniere da parte dell'Iran", ha detto al WSJ un rappresentante della missione iraniana presso le Nazioni Unite. “L'Iran insiste sulla sicurezza e la stabilità del Golfo Persico e dello Stretto di Hormuz. Tuttavia, se le petroliere violano il passaggio innocuo, inquinano l'ambiente o contrabbandano carburante iraniano, l'Iran non esita ad affrontare tali irregolarità e violazioni in base alle sue leggi e ai relativi obblighi internazionali".

 

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti