Harbin. Le parole di Putin alla cerimonia di inaugurazione dell'ottava EXPO russo-cinese

Harbin. Le parole di Putin alla cerimonia di inaugurazione dell'ottava EXPO russo-cinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Durante il secondo giorno della visita ufficiale in Cina, il presidente russo Vladimir Putin ha partecipato questo venerdì alla cerimonia di apertura dell'ottava EXPO russo-cinese nella città di Harbin.

Putin ha espresso le sue impressioni sulla città di Harbin, ritenendola "una metropoli moderna, bella e dinamica, e allo stesso tempo davvero unica". Il leader russo ha inoltre osservato che, sin dalla sua fondazione nel XIX secolo, Harbin, situata nel nord-est del Paese asiatico, ha incarnato "i legami più stretti e i destini intrecciati dei popoli di Russia e Cina, il reciproco arricchimento di culture e tradizioni”. Putin ha aggiunto che la città conserva ancora "un'impronta russa", poiché gli esperti russi hanno contribuito al suo sviluppo e alla costruzione delle sue infrastrutture. Il leader russo ha definito Harbin un “simbolo della fratellanza combattiva” di Mosca e Pechino.

"Possiamo essere orgogliosi"

Nel suo discorso Putin ha affrontato il tema della cooperazione energetica ed economica tra i due paesi, sottolineando i risultati ottenuti in questi settori. "Penso che possiamo essere giustamente orgogliosi dei risultati dei legami economici russo-cinesi e della cooperazione economica russo-cinese. Alcuni anni fa, la cifra di 100 miliardi di dollari di fatturato era considerata un grande successo per il commercio bilaterale, ma ora abbiamo ha già superato la barriera dei 200 miliardi di dollari [...] Questo è ovviamente ben lontano dal limite", ha spiegato.

"Sono fiducioso che la nostra alleanza energetica strategica, che è diventata un pilastro affidabile dell'intero mercato energetico mondiale, sarà ulteriormente rafforzata", ha ricordato il capo di Stato russo, aggiungendo che, oltre ad esportare risorse energetiche verso la Cina, la Russia attualmente aumenta le forniture di prodotti agroindustriali prodotti. "In condizioni in cui il mondo è sulla soglia della prossima rivoluzione tecnologica, siamo determinati ad approfondire costantemente la cooperazione bilaterale nel campo delle alte tecnologie e delle innovazioni, per unire il nostro potenziale scientifico e di ricerca", ha sottolineato. Inoltre, ha invitato una delegazione cinese al Forum economico orientale, che si terrà a settembre a Vladivostok.

L'Expo Russia-Cina è una mostra commerciale e industriale e una piattaforma per colloqui sulla cooperazione nel commercio, nell'economia e negli investimenti, nonché un'opportunità per scambiare tecnologie e ampliare i contatti tra le regioni russe e cinesi. Ad oggi rimane una piattaforma chiave per i contatti tra le imprese russe e cinesi, offrendo l’opportunità di costruire un dialogo diretto e firmare accordi reciprocamente vantaggiosi.

Quest'anno il motto della mostra è "Cooperazione, fiducia reciproca, opportunità". Un totale di 16 regioni russe e 13 cinesi organizzeranno le loro manifestazioni. Si prevede la partecipazione di circa 190 aziende cinesi e 170 russe.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti