Henry Kissinger: perché gli Usa hanno fallito in Afghanistan

Henry Kissinger: perché gli Usa hanno fallito in Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ex segretario di Stato USA, durante l'amministrazione di Richard Nixon e Gerard Ford, Henry Kissinger, il più anziano criminale di guerra vivente, a proposito dell'Afghanistan ritiene che Non è stato possibile trasformare il Paese in una democrazia moderna, ma la diplomazia creativa e la forza avrebbero potuto vincere il terrorismo.

In un nuovo articolo di opinione scritto per The Economist, Kissinger ha sostenuto che a un certo punto della sua campagna ventennale, l'esercito americano ha perso il focus strategico.

Mentre gli americani e gli alleati afgani erano ancora bloccati in Afghanistan a seguito del ritiro delle truppe statunitensi, si è chiesto perché gli Stati Uniti sembravano uscire dal paese "senza molto preavviso o consultazione con gli alleati" o con "le persone più direttamente coinvolte in 20 anni di sacrifici".

Inoltre, ha identificato con gli obiettivi irraggiungibili la causa fondamentale di questo fallimento.

"Gli Stati Uniti si sono fatti a pezzi nei loro sforzi contro gli insorti a causa della loro incapacità di definire obiettivi raggiungibili e di collegarli in un modo che sia sostenibile dal processo politico americano", ha scritto Kissinger . "Gli obiettivi militari sono stati troppo assoluti e irraggiungibili e quelli politici troppo astratti e sfuggenti. Il mancato collegamento tra loro ha coinvolto l'America in conflitti senza punti terminali definibili e ci ha fatto dissolvere internamente lo scopo unificato in una palude di controversie interne."

Mentre l'esercito americano ha contribuito a contenere i talebani nelle prime fasi della sua missione, Kissinger ha sostenuto che il piano è andato storto quando l'America ha deciso che era necessario aiutare a trasformare l'Afghanistan in uno stato moderno con istituzioni democratiche.

"Ma la costruzione della nazione in un paese dilaniato dalla guerra ha assorbito notevoli forze militari", ha ricordato. "I talebani potrebbero essere contenuti ma non eliminati. E l'introduzione di forme di governo sconosciute ha indebolito l'impegno politico e accresciuto la corruzione già dilagante".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti