I colloqui tra Siria e Turchia sono ripresi con la mediazione russa

I colloqui tra Siria e Turchia sono ripresi con la mediazione russa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le delegazioni militari degli eserciti siriano e turco hanno avuto colloqui con la mediazione russa presso la base aerea di Hmeimim, nel nord-ovest della Siria, all'inizio del mese, come riportato dal quotidiano Aydinilik.

"L'11 giugno si è tenuto un incontro tra ufficiali militari delle forze armate turche e dell'esercito siriano presso la base aerea russa di Hmeimim, a sud-est di Latakia", si legge in un articolo del quotidiano turco, pubblicato sabato scorso.

"Secondo le informazioni disponibili, durante l'incontro sono stati discussi i recenti eventi a Idlib", riferendosi ai disordini nella provincia settentrionale di Idlib, dove la popolazione è recentemente scesa in piazza per protestare contro il gruppo armato Hayat Tahrir al-Sham (HTS).

Fonti vicine al governo siriano hanno rivelato al quotidiano turco che i colloqui di normalizzazione tra Damasco e Ankara, in fase di stallo, sono ripresi. Secondo il quotidiano, il prossimo incontro tra funzionari siriani e turchi si terrà nella capitale irachena Baghdad.

L'incontro è avvenuto un giorno dopo che il Presidente russo Vladimir Putin ha incontrato a Mosca il Ministro degli Esteri turco Hakan Fidan.

"Si è trattato del primo incontro di questo tipo sulle questioni di sicurezza in territorio siriano. Sembra che le relazioni tra Siria e Turchia stiano diventando più vicine", si legge ancora su Aydinilik.

I ministri della Difesa di Turchia e Siria si sono incontrati nel dicembre 2022, segnando il primo colloquio ufficiale tra le due parti dal 2011.

Da allora, un'iniziativa sponsorizzata dalla Russia per normalizzare i legami tra Damasco e Ankara ha visto funzionari dei due Paesi incontrarsi più volte.

Nel maggio dello scorso anno, durante un incontro tra i ministri degli Esteri di Siria, Turchia, Russia e Iran, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha chiesto di stabilire una chiara "tabella di marcia" per la normalizzazione turco-siriana.

Tuttavia, l'iniziativa si è arenata perché la Siria ha sostenuto che i colloqui non possono andare avanti senza un percorso di ritiro militare turco dal Paese e la fine del sostegno turco ai gruppi estremisti, in particolare alla coalizione dell'Esercito nazionale siriano (SNA) e all'HTS - che controlla ancora porzioni significative del territorio siriano.

"La condizione fondamentale per qualsiasi dialogo turco-siriano è l'annuncio di Ankara di essere pronta a ritirarsi dal territorio siriano", aveva ribadito il ministro della Difesa siriano Faisal Mekdad in una conferenza stampa con il suo omologo iraniano all'inizio di giugno.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti