I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo aveva già detto il ministro del lavoro Orlando, PD. Il quale aveva duramente condannato “il modo”con cui dalla multinazionale GKN era partito l’annuncio della chiusura della fabbrica di Firenze e del licenziamento di tutti i dipendenti. Sia ben chiaro gravi erano le modalità e non i licenziamenti in sé, per altro dilaganti proprio per colpa di Draghi e di tutto il suo governo.
 
Ora il ministro dello sviluppo economico Giorgetti, Lega tendenza Ursula, ha ribadito lo stesso concetto espresso dal suo collega.
 
Il leghista ha affermato che i licenziamenti sono inevitabili, ma che il modo non può essere quello da Far West, perché lui vuole andare nel West. Testuale.
 
Dunque i ministri di Draghi che più dovrebbero occuparsi delle persone sbattute in mezzo alla strada dalle aziende, pensano che i licenziamenti siano il prezzo inevitabile da pagare per la ripresa economica e soprattutto dei profitti. Essi dunque non faranno nulla per impedirli o fermarli, si deve tornare al mercato ha detto il loro collega Brunetta.
 
Però Giorgetti ed Orlando si daranno da fare perché le imprese imparino il modo giusto di licenziare. Magari con una lettera profumata, un sentito ringraziamento e gli auguri per i futuri successi nel mondo del lavoro. Così le imprese non arriveranno fino ai pistoleri del Far West, ma si fermeranno un attimo prima, in quel West dove nel nome degli affari i nativi americani sono stati sterminati. Vittime inevitabili del progresso direbbe Giorgetti, come gli operai oggi.
 
Non so se i due ministri troveranno davvero altri modi di licenziare, ma è sicuro che il loro modo di essere servi dei padroni è unico, perché è sempre quello.

Giorgio Cremaschi

Giorgio Cremaschi

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance di Giacomo Gabellini L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance

L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica di Michelangelo Severgnini La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente