I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo aveva già detto il ministro del lavoro Orlando, PD. Il quale aveva duramente condannato “il modo”con cui dalla multinazionale GKN era partito l’annuncio della chiusura della fabbrica di Firenze e del licenziamento di tutti i dipendenti. Sia ben chiaro gravi erano le modalità e non i licenziamenti in sé, per altro dilaganti proprio per colpa di Draghi e di tutto il suo governo.
 
Ora il ministro dello sviluppo economico Giorgetti, Lega tendenza Ursula, ha ribadito lo stesso concetto espresso dal suo collega.
 
Il leghista ha affermato che i licenziamenti sono inevitabili, ma che il modo non può essere quello da Far West, perché lui vuole andare nel West. Testuale.
 
Dunque i ministri di Draghi che più dovrebbero occuparsi delle persone sbattute in mezzo alla strada dalle aziende, pensano che i licenziamenti siano il prezzo inevitabile da pagare per la ripresa economica e soprattutto dei profitti. Essi dunque non faranno nulla per impedirli o fermarli, si deve tornare al mercato ha detto il loro collega Brunetta.
 
Però Giorgetti ed Orlando si daranno da fare perché le imprese imparino il modo giusto di licenziare. Magari con una lettera profumata, un sentito ringraziamento e gli auguri per i futuri successi nel mondo del lavoro. Così le imprese non arriveranno fino ai pistoleri del Far West, ma si fermeranno un attimo prima, in quel West dove nel nome degli affari i nativi americani sono stati sterminati. Vittime inevitabili del progresso direbbe Giorgetti, come gli operai oggi.
 
Non so se i due ministri troveranno davvero altri modi di licenziare, ma è sicuro che il loro modo di essere servi dei padroni è unico, perché è sempre quello.

Giorgio Cremaschi

Giorgio Cremaschi

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti